21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 02/09/2013, 00.00

    CINA – VATICANO

    La Cina ringrazia il Papa per l’appello a favore della pace in Siria



    Due alti funzionari del governo cinese commentano ad AsiaNews la figura del nuovo pontefice: “Sembra un grande pastore, proprio un ‘buon papà’. E speriamo che presto si possano vedere dei passi avanti nei rapporti fra Pechino e il Vaticano”. La Cina “ha bisogno della Chiesa cattolica, che non porta divisioni ma pace e armonia”. Giudizio positivo anche sul nuovo Segretario di Stato.

    Pechino (AsiaNews) - L'appello di papa Francesco per la pace in Siria "è saggio e condivisibile, e noi cinesi siamo con lui. Non vogliamo più vedere conflitti in Medio Oriente, siamo contrari all'attacco proposto dagli Stati Uniti contro il governo di Damasco. Come dice il pontefice 'la guerra chiama la guerra e la violenza chiama la violenza'. Papa Francesco, ti ringraziamo per questo intervento". A parlare sono due alti funzionari del governo cinese, che vogliono rimanere anonimi ma che ad AsiaNews commentano il richiamo espresso da Francesco all'Angelus di ieri e più in generale la figura del nuovo papa.

    I due si occupano di relazioni fra culture e religioni in Cina: "Il governo cinese - spiegano - non conosce bene il nuovo pontefice ma di lui apprezza molte cose, dalla semplicità ai discorsi che ha fatto al mondo cristiano. Si potrebbe persino fare un confronto tra Francesco e il nuovo presidente cinese Xi Jinping, che ha portato alcuni buoni cambiamenti nel Paese. Anche Xi è semplice e amichevole, vuole il bene comune del suo popolo proprio come sta facendo il papa".

    Il popolo cinese "ha visto Francesco in televisione e su internet. Si vede che è veramente un grande pontefice, un 'buon papà', anche se stiamo ancora cercando di conoscerlo meglio. Speriamo di cuore che con lui ci possa essere un miglioramento nei rapporti fra la Cina e la Chiesa universale, che Pechino e il Vaticano possano in futuro avvicinarsi di più. Vogliamo bene a questo papa, anche se fino ad ora non ha parlato in maniera aperta della situazione cinese".

    D'altra parte, continuano, "dopo il grande sviluppo economico e sociale il nostro Paese ha bisogno di migliorare i rapporti con le religioni, in modo particolare con la Chiesa cattolica. Con i musulmani dello Xinjiang e con i buddisti del Tibet abbiamo relazioni complicate dalla politica, abbiamo paura che vogliano dividere il Paese. Sappiamo che la Chiesa invece non cerca questo risultato, non porta guerra e divisione ma pace e serenità".

    Del nuovo Segretario di Stato vaticano, mons. Pietro Parolin, dicono: "Non lo conosciamo ancora bene, ma sappiamo che ha speso molto tempo per promuovere i rapporti fra Vaticano e Vietnam. E che non molto tempo dopo il suo intervento i due Paesi hanno stretto relazioni diplomatiche. Non crediamo che Pechino possa seguire le orme di Hanoi su questa questione, ma di certo c'è la volontà di andare avanti".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/08/2017 08:26:00 RUSSIA-VATICANO
    Il cardinale Parolin a colloquio col Patriarca di Mosca

    Ribadita l’importanza della collaborazione delle due Chiese per sostenere i cristiani del Medio oriente. Il pellegrinaggio della reliquia di san Nicola, “un piccolo mattone nella costruzione di un rapporto nuovo”. Hilarion: Non si è parlato di un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill.



    10/03/2007 VIETNAM - VATICANO
    Delegazione vaticana visita i montagnard a Kontum
    I fedeli della diocesi - Vietnam centrale – hanno accolto con calore ieri l’equipe della Santa Sede: “Un onore, ci sentiamo rinati”. Mons. Parolin: con le autorità continuiamo a parlare di libertà religiosa e rapporti diplomatici. Card. Pham Minh Man ricorda gli ostacoli ancora da superare.

    20/02/2009 VATICANO-VIETNAM
    Libertà religiosa e rapporti diplomatici nei colloqui tra Santa Sede e Hanoi
    Un comunicato congiunto del gruppo di lavoro congiunto parla di “atmosfera di apertura”, annuncia un secondo incontro, ma “in data e luogo da definire” e lascia trasparire la preoccupazione del Vaticano per la situazione della Chiesa nel Paese.

    24/08/2017 07:24:00 RUSSIA-VATICANO
    Il ‘dialogo costruttivo’ fra Putin e il cardinale Parolin a Sochi

    Il presidente russo ha incontrato il segretario di Stato vaticano nella sua dacia. Sottolineata la collaborazione sui temi internazionali, soprattutto Siria, Ucraina, Africa settentrionale e Venezuela. La mostra sull’eredità culturale russa a Mosca e in Vaticano. Apprezzato il pellegrinaggio della reliquia di san Nicola. Parolin: La diplomazia vaticana si muove su molti livelli. Qualche dubbio sull’uso pre-elettorale della visita.



    22/08/2017 13:26:00 RUSSIA-VATICANO
    Nel futuro di Russia e Vaticano, si spera in un viaggio di papa Francesco a Mosca

    Stamane si è tenuto l’incontro molto cordiale fra Serghei Lavrov e il card. Parolin. Grande convergenza su molti temi internazionali: terrorismo, Siria, cristiani perseguitati. Qualche “differenza” sulla questione ucraina. Dall’incontro all’Avana, si attende un nuovo incontro fra Francesco e il patriarca di Mosca Kirill.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®