24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/09/2013, 00.00

    CINA – VATICANO

    La Cina ringrazia il Papa per l’appello a favore della pace in Siria



    Due alti funzionari del governo cinese commentano ad AsiaNews la figura del nuovo pontefice: “Sembra un grande pastore, proprio un ‘buon papà’. E speriamo che presto si possano vedere dei passi avanti nei rapporti fra Pechino e il Vaticano”. La Cina “ha bisogno della Chiesa cattolica, che non porta divisioni ma pace e armonia”. Giudizio positivo anche sul nuovo Segretario di Stato.

    Pechino (AsiaNews) - L'appello di papa Francesco per la pace in Siria "è saggio e condivisibile, e noi cinesi siamo con lui. Non vogliamo più vedere conflitti in Medio Oriente, siamo contrari all'attacco proposto dagli Stati Uniti contro il governo di Damasco. Come dice il pontefice 'la guerra chiama la guerra e la violenza chiama la violenza'. Papa Francesco, ti ringraziamo per questo intervento". A parlare sono due alti funzionari del governo cinese, che vogliono rimanere anonimi ma che ad AsiaNews commentano il richiamo espresso da Francesco all'Angelus di ieri e più in generale la figura del nuovo papa.

    I due si occupano di relazioni fra culture e religioni in Cina: "Il governo cinese - spiegano - non conosce bene il nuovo pontefice ma di lui apprezza molte cose, dalla semplicità ai discorsi che ha fatto al mondo cristiano. Si potrebbe persino fare un confronto tra Francesco e il nuovo presidente cinese Xi Jinping, che ha portato alcuni buoni cambiamenti nel Paese. Anche Xi è semplice e amichevole, vuole il bene comune del suo popolo proprio come sta facendo il papa".

    Il popolo cinese "ha visto Francesco in televisione e su internet. Si vede che è veramente un grande pontefice, un 'buon papà', anche se stiamo ancora cercando di conoscerlo meglio. Speriamo di cuore che con lui ci possa essere un miglioramento nei rapporti fra la Cina e la Chiesa universale, che Pechino e il Vaticano possano in futuro avvicinarsi di più. Vogliamo bene a questo papa, anche se fino ad ora non ha parlato in maniera aperta della situazione cinese".

    D'altra parte, continuano, "dopo il grande sviluppo economico e sociale il nostro Paese ha bisogno di migliorare i rapporti con le religioni, in modo particolare con la Chiesa cattolica. Con i musulmani dello Xinjiang e con i buddisti del Tibet abbiamo relazioni complicate dalla politica, abbiamo paura che vogliano dividere il Paese. Sappiamo che la Chiesa invece non cerca questo risultato, non porta guerra e divisione ma pace e serenità".

    Del nuovo Segretario di Stato vaticano, mons. Pietro Parolin, dicono: "Non lo conosciamo ancora bene, ma sappiamo che ha speso molto tempo per promuovere i rapporti fra Vaticano e Vietnam. E che non molto tempo dopo il suo intervento i due Paesi hanno stretto relazioni diplomatiche. Non crediamo che Pechino possa seguire le orme di Hanoi su questa questione, ma di certo c'è la volontà di andare avanti".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/03/2007 VIETNAM - VATICANO
    Delegazione vaticana visita i montagnard a Kontum
    I fedeli della diocesi - Vietnam centrale – hanno accolto con calore ieri l’equipe della Santa Sede: “Un onore, ci sentiamo rinati”. Mons. Parolin: con le autorità continuiamo a parlare di libertà religiosa e rapporti diplomatici. Card. Pham Minh Man ricorda gli ostacoli ancora da superare.

    20/02/2009 VATICANO-VIETNAM
    Libertà religiosa e rapporti diplomatici nei colloqui tra Santa Sede e Hanoi
    Un comunicato congiunto del gruppo di lavoro congiunto parla di “atmosfera di apertura”, annuncia un secondo incontro, ma “in data e luogo da definire” e lascia trasparire la preoccupazione del Vaticano per la situazione della Chiesa nel Paese.

    02/03/2007 VATICANO – VIETNAM
    Delegazione vaticana ad Hanoi parlerà di rapporti diplomatici e libertà religiosa
    Si spera in un concreto avvio del processo di normalizzazione e in ulteriori passi per migliorare la situazione dei cattolici, che a livello locale ancora incontrano forme di persecuzione. Sarà la quindicesima visita in Vietnam di rappresentanti della Santa Sede.

    01/05/2016 11:39:00 VATICANO
    Papa: Lo Spirito Santo ci aiuti a capire e a ricordare le parole di Gesù

    Dopo la preghiera mariana del Regina Caeli Francesco si appella per la pace in Siria: “Nel Paese una spirale di violenza che continua ad aggravare la già disperata situazione umanitaria del Paese, in particolare nella città di Aleppo, e a mietere vittime innocenti, perfino fra i bambini, i malati e coloro che con grande sacrificio sono impegnati a prestare aiuto al prossimo”. Lo sviluppo economico “tenga conto della dignità umana e rispetti in pieno le norme del lavoro”. La pedofilia "una tragedia. Non dobbiamo tollerarla, i colpevoli vanno puniti severamente". 



    20/12/2015 VATICANO
    Papa: Per celebrare davvero il Natale, soffermiamoci sui “luoghi dello stupore”
    L’altro, dice Francesco, è uno di questi luoghi: “In lui dobbiamo riconoscere un fratello, perché dalla nascita di Gesù ogni volto porta impresse le Sue sembianze”. Poi vengono “la Storia, nella quale Cristo scombina le carte” e la Chiesa “una Madre che, pur tra macchie e rughe, lascia trasparire i lineamenti della Sposa amata e purificata da Cristo Signore”. Un appello per il processo per la pace in Siria e Nicaragua, una preghiera per le popolazioni indiane colpite dall’alluvione. E la tradizionale benedizione dei Bambinelli.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®