28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/06/2012, 00.00

    EGITTO

    La Corte Suprema egiziana scioglie il parlamento dominato dagli islamisti



    Per i giudici è incostituzionale la legge elettorale che ha escluso dai partiti gli ex membri del regime. Possibili nuove elezioni fra due mesi. Portavoce della Chiesa cattolica sottolinea la grande opportunità dell'Egitto di avere vere elezioni senza i brogli dei Partiti islamici. Ma vi sono ancora timori di un colpo di mano dell'esercito.

    Il Cairo (AsiaNews) -  La Corte suprema egiziana dichiara invalide le elezioni parlamentari avvenute fra novembre 2011 e gennaio 2012. Secondo i giudici la legge elettorale che ha escluso i membri del National Democratic Party, ex partito di Mubarak è incostituzionale e contro i diritti civili. La sentenza autorizza Ahmed Shafiq, ex Primo ministro del regime, a concorrere ai ballottaggi delle presidenziali contro Mohammed Morsy, candidato dei Fratelli musulmani. Una sua esclusione avrebbe decretato la vittoria automatica del candidato islamista alle presidenziali.

    P. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, afferma: "Siamo tornati al punto di partenza. Questa è una buona opportunità per i movimenti democratici e i giovani della Rivoluzione dei Gelsomini. Indebolendo il potere dei Fratelli musulmani, l'esercito ha la possibilità di riconciliarsi con la popolazione offrendo elezioni parlamentari pulite e senza brogli. Ora occorre attendere i risultati delle presidenziali, che saranno probabilmente vinte da Shafiq". 

    Questa mattina la Corte aveva dichiarato nulli solo i seggi uninominali eletti con il sistema maggioritario, pari a un terzo del parlamento. Ma nel pomeriggio, Maher Samy, vice-presidente della Corte suprema ha annunciato l'invalidità di tutti i seggi, perché frutto di una votazione viziata, che ha impedito a una parte dei cittadini di candidarsi all'interno delle liste di un partito. Nelle prossime ore è attesa una dichiarazione ufficiale del Gen. Mohammed Hussein Tantawi, che dovrebbe anche comunicare la data delle nuove elezioni. Lo scioglimento del parlamento invalida anche l'Assemblea costituente eletta lo scorso 11 giugno.

    La sentenza della Corte suprema è frutto delle denunce di diversi ex esponenti di partiti e movimenti legati all'ex regime. Nonostante non vi fossero accuse contro di loro, ad essi è stato concesso di candidarsi solo come persone singole senza partiti di appoggio. Ciò ha dato un grande vantaggio ai partiti islamici, meglio organizzati e finanziati dai Paesi del golfo, fra tutti l'Arabia Saudita.

    Secondo Nagui Damian, giovane copto fra i leader della rivoluzione dei Gelsomini, "Il Paese si trova ora a un punto di svolta. Possiamo ripartire, ma possiamo anche tornare indietro al vecchio sistema. Noi giovani della rivoluzione siamo nel mezzo fra i Fratelli musulmani ed ex del regime".  

    Nonostante i rischi di una destabilizzazione totale dell'Egitto, Nagui Damian, sottolinea che la popolazione ha capito che i Fratelli musulmani sono un pericolo. Essi hanno mentito e cambiato versione più volte sul loro programma elettorale, disorientando la popolazione e creando il panico fra le minoranze religiose. Invece di cercare una mediazione con le altre forze in campo essi hanno tentato di prendere il potere assoluto subito, decretando la loro rovina".  (S.C.)

     

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/05/2012 EGITTO
    Giovani egiziani contro le false promesse di Fratelli musulmani e amici del regime
    I fautori della Rivoluzione dei gelsomini boicotteranno i ballottaggi in programma dal 15 al 16 giugno. Mohammed Mursi, candidato dei Fratelli musulmani annuncia pari diritti per i copti. Cristiani terrorizzati dall'eventuale salita al potere degli islamisti. L'esercito dietro il successo a sorpresa di Ahmed Shafiq, ex Premier del governo Mubarak.

    16/04/2012 EGITTO
    Fratelli musulmani e salafiti fuori dalla corsa per le presidenziali egiziane
    La commissione elettorale ha escluso 10 candidati per vizi di forma. Fra essi Omar Suleiman, ex capo dei servizi segreti del regime e i candidati di punta di Fratelli musulmani e salafiti. Portavoce della chiesa cattolica loda la trasparenza dei funzionari elettorali.

    31/01/2012 EGITTO
    Elezioni egiziane, nuova vittoria degli islamisti. Militari forse via entro maggio
    Fonti di AsiaNews spiegano che i patiti musulmani hanno preso in totale circa l'80% dei voti. I risultati ufficiali si attendono per i prossimi giorni. L’esercito annunciato il primo trasferimento forzato di uno dei suoi generali: Ismail Etmanm, ex di Mubarak, implicato nelle violenze compiute dai militari contro i manifestanti di piazza Tahrir. Egli è il primo membro dello Scaf a subire un allontanamento.

    18/06/2012 EGITTO
    Mentre gli islamisti vantano la vittoria alle presidenziali l'esercito si riprende il potere
    I militari varano a sorpresa una legge che limita i poteri del futuro presidente e dà loro la facoltà di scegliere la nuova Assemblea costituente. Leader politici democratici e islamisti gridano al colpo di Stato.

    29/05/2012 EGITTO
    Egitto, attaccato il quartier generale del candidato amico di Mubarak
    Dietro l'assalto potrebbe esserci la mano dello stesso Ahmed Shafiq, ex Premier del regime. La Commissione elettorale conferma il ballottaggio fra Mursi, presidente di Giustizia e libertà (Fratelli musulmani) e Shafiq. Le votazioni si terranno dal 15 al 16 giugno. In centinaia protestano contro i risultati elettorali.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®