31/08/2009, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

La Corte suprema contro il Vice-presidente, che rifiuta il giuramento in nepalese

di Kalpit Parajuli
Parmananda Jha ha recitato il giuramento per l’insediamento in lingua hindi. La Corte ha definito illegittima la presa di possesso dell’incarico e lo obbliga a ripeterlo in nepalese pena le dimissioni.
Kathmandu (AsiaNews) - Scade oggi alle 17 l’ultimatum della Corte suprema del Nepal che ha imposto al vice presidente Parmananda Jha di rifare il giuramento d’insediamento, pena l’inibizione dell’incarico.
 
Con verdetto del 23 agosto il supremo tribunale del Paese ha riconosciuto illegittimo il giuramento perché fatto in hindi e non in nepalese. Parmananda Jha si è rifiutato sino ad oggi di ripetere la cerimonia appellandosi all’articolo 151 della Costituzione provvisoria varata nel 2007. Il presidente Ram Baran Yadav ed il primo ministro Madhav Kumar Nepal da giorni stanno facendo pressioni su Parmananda Jha perché rispetti la decisione della Corte.
 
Jyoti Jha, consigliere personale del vice-presidente, ha affermato che egli “rassegnerà le dimissioni piuttosto che giurare in nepalese”. Le ragioni del braccio di ferro nascono dal fatto che Parmananda Jha è stato eletto con il sostegno della popolazione Madhesi che vive nella regione del Terai, nel sud del Paese, è di cultura indù e chiede maggiore indipendenza dal potere centrale. Al momento del giuramento ufficiale, il Vice presidente ha tradotto il testo originale in nepalese recitandolo in hindi in segno di sostegno alle rivendicazioni dei Madhesi.
 
Il braccio di ferro tra la Corte e Jha sta creando problemi alla coalizione di governo che soffre di una instabilità cronica e deve fare i conti con le continue proteste dei maoisti impegnati a sobillare la piazza contro l’esecutivo. Di contro anche il partito comunista- maoista si trova in imbarazzo avendo sostenuto la candidatura di Jha che però ora dimostra di non sostenere il nazionalismo del partito guidato dall’ex premier Prachanda.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Anche il Nepal mette al bando latte e prodotti caseari cinesi
20/10/2008
Il governo maoista vuole integrare i guerriglieri nell’esercito nepalese
23/10/2008
Nel Paese è pronta la “repubblica maoista”
14/04/2008
Kathmandu sotto lo scacco dei maoisti. I nemici si rivolgono a India e Cina
13/11/2009