22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/11/2011, 00.00

    SIRIA

    La Lega araba decide quali sanzioni prendere contro Damasco



    Cresce la pressione internazionale sul regime di Assad. Ieri la Francia ha definito “interlocutore legittimo” il Consiglio nazionale siriano, il maggior organismo di opposizione. E sta prendendo piede l’idea di corridoi umanitari, o di una no-fly zone gestita da turchi e arabi.
    Damasco (AsiaNews/Agenzie) – I ministri degli Esteri della Lega araba si riuniscono oggi al Cairo per decidere quali sanzioni prendere nei confronti della Siria responsabile di non aver adempiuto alle misure stabilite dal piano della Lega stessa, che comportava anche il ritiro dei militari dalle aree civili. “E’ deplorevole che le autorità siriane non abbiano adempiuto a questo piano, disegnato in un quadro arabo per evitare interventi esterni” ha dichiarato Ahmed bin Heli, il “N.2” della Lega araba. Il 19 novembre Damasco aveva dichiarato di voler chiedere spiegazioni e modifiche alla Lega araba su alcuni punti del piano, fra cui il numero di osservatori (500) che saranno inviati per monitorare la situazione.

    Nel frattempo si moltiplicano voci e iniziative. Ieri la Francia, per bocca del suo ministro degli Esteri, Alain Juppé, ha dichiarato che il Consiglio nazionale siriano (Cns) organizzato dall’opposizione “è l’interlocutore legittimo con cui vogliamo lavoare. Lavoriamo con la Lega araba e l’insieme dei nostri alleati a un riconoscimento (del Cns, ndr), ha dichiarato il ministro durante una conferenza stampa con il presidente del Cns, Burhan Ghalioun (nella foto con Juppé).

    Allo stesso tempo ha lanciato l’idea di corridoi umanitari, precisando che si tratta di un'ipotesi legata all'autorizzazione del regime di Damasco o a un mandato internazionale. Il ministro degli Esteri francese, Alain Juppé, ha descritto i due scenari che renderebbero praticabile la proposta: "Il primo è che la comunità internazionale, l'Onu, la Lega Araba ottengano l'autorizzazione dal regime per la creazione di corridoi umanitari". Se questo non succede, ha continuato il capo del Quai d'Orsay "dovremmo considerare altre soluzioni”. E comunque nessun intervento umanitario "è possibile senza un mandato internazionale" ha precisato.

    Mentre nel Paese continuano gli scontri, il Cns ha chiesto al Free syrian army, cioè ai gruppi armati, formati principalmente da disertori, di limitarsi ad azioni difensive e di non attaccare posizioni e basi dell’esercito regolare. In un clima di grande instabilità, si moltiplicano voci e informazioni. Secondo fonti israeliane, la Turchia starebbe per creare una zona cuscinetto sui confini tale da permettere all’opposizione armata di organizzarsi, anche perché Damasco avrebbe perso il controllo della zona di Idlib, nel nord del Paese. Mentre fonti europee a Washington suggeriscono l’esistenza di un piano per una no-fly zone gestita da turchi e arabi, con il coordinamento strategico degli Stati uniti.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/11/2011 EGITTO
    L’Egitto alle urne per il dopo Mubarak
    File si sono formate davanti ai seggi elettorali prima dell’alba, nel primo turno elettorale che durerà due giorni. Nella notte è stato fatto esplodere il gasdotto che rifornisce Israele e la Giordania. Braccio di ferro sulla nomina del Primo ministro indicato dal Consiglio supremo delle forze armate.

    17/06/2011 SIRIA-TURCHIA
    Ankara annuncia: corridoio umanitario per 10 mila profughi siriani
    Serve per aiutare migliaia di profughi fuggiti dalle città assediate dall'esercito e ammassati sul lato siriano del confine. La televisione annuncia che Rami Makhlouf, magnate siriano rinuncerà a tutti i suoi interessi. Forze di sicurezza in massima allerta, specie a Maarat an-Numan e a Khan Sheikoun, nel nord ovest del Paese, per un altro venerdì di protesta.

    15/06/2011 SIRIA-TURCHIA
    Grande manifestazione pro-Assad a Damasco. Un vescovo: “L’80% della gente è con lui”
    Una bandiera siriana lunga 2,3 km è stata fatta sfilare per le vie della capitale. La Mezzaluna rossa siriana e quella turca cercheranno di organizzare il ritorno di migliaia di profughi entrati in Turchia dopo l'attacco a Jisr al-Shughour. Il governo annuncia un’operazione militare “limitata” verso Maraat an-Numan.

    04/07/2011 EGITTO
    Sinai, una bomba distrugge il gasdotto frutto degli accordi fra Egitto e Israele
    Secondo fonti di AsiaNews l’ordigno è stato piazzato da estremisti islamici contrari alle politiche pro-Israele ancora in vigore dopo la caduta di Mubarak. Ancora scontri in piazza Tahrir: 12 feriti.

    09/04/2011 EGITTO
    Scontri al Cairo fra soldati e manifestanti: due morti e 15 feriti. Piazza Tahrir di nuovo occupata
    Gli attivisti chiedono le dimissioni del leader del Consiglio militare, Tantawi, per 20 anni ministro della Difesa con Mubarak, il passaggio dei poteri a un Consiglio civile, e il processo per il “rais”. La piazza simbolo della Rivoluzione dei gelsomini è di nuovo presidiata dai manifestanti.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®