23 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/07/2017, 12.26

    ISRAELE - PALESTINA

    La Tomba dei Patriarchi, Isacco ed Ismaele "spiegati" dallo statista israeliano Uri Avnery



    Una risoluzione Unesco aveva provocato sdegno perché diceva che il sito era “palestinese”. Ma l’indicazione non sarebbe di appartenenza, ma di semplice locazione. Il luogo è sacro per le tre religioni monoteistiche: secondo la Genesi, Ismaele e Isacco, progenitori di arabi ed ebrei, seppellirono insieme il padre.

    Gerusalemme (AsiaNews) – I luoghi sacri per tutte e tre le religioni monoteistiche sono spesso al centro di tensioni fra israeliani e palestinesi. Lo dimostrano i recenti fatti di Gerusalemme: ieri la Spianata delle Moschee è stata riaperta ai fedeli islamici dopo la sparatoria del 14 luglio, che tuttavia si rifiutano di entrarci per protesta all’introduzione dei metal detector alla Porta dei Leoni.  Di recente, una risoluzione dell’Unesco che riconosce la Tomba dei Patriarchi a Hebron come patrimonio mondiale aveva suscitato sdegno perché da molti interpretata come definizione del sito come di appartenenza palestinese. Lo statista israeliano Uri Avnery ha contestato questa interpretazione sul sito dell’Ong da lui fondata Gush Shalom.

    La “Grotta di Macpelà” [Tomba dei Patriarchi, ndr], scrive Avnery, è “un grosso edificio, che gli arabi chiamano al-Haram al-Ibrahim, ‘la Moschea di Ibrahim’”, dove secondo le Scritture, Abramo e la sua discendenza sarebbero sepolti. Per questo motivo, “uno tsunami di emozioni è esploso in Israele”. Una protesta corale e con una unanimità “vista di rado” nel Paese.

    Tuttavia, quello che confondeva lo statista era che “l’Unesco non assegna luoghi a nazioni […]. La Chiesa di Nazareth si trova in Israele, ma non ‘appartiene’ a Israele. […] L’Unesco non ha detto che il sito Machpelah-al-Haram al-Ibrahim appartiene ai palestinesi. Ha detto che si trova in Palestina,” scrive Avnery. “Sono grato ad un ex-israeliano chiamato Idan Landau che vive negli Stati Uniti. Si è preso la briga di leggere il testo originale e ci ha mandato delle email per correggere le nostre impressioni”.

    Per l’israeliano, la “risoluzione Unesco è giusta e corretta. Sottolinea che il luogo è sacro alle tre religioni monoteistiche, e in realtà lo è. Per esso, un ebreo fanatico – un colone americano – una volta ha ucciso decine di musulmani che vi stavano pregando. Ebrei estremisti si sono insediati lì vicino”.

    In più, “Se uno crede che Abramo, Isacco e Giacobbe erano persone reali, è tuttavia dubbio che essi siano stati sepolti lì. Un’intera scuola di archeologi crede che il luogo di sepoltura sia da qualche altra parte ad Hebron, non nell’edificio conosciuto come la Tomba dei Patriarchi. Le tombe che sono lì sono di sceicchi musulmani”.

    Nel suo commento Avnery continua, citando un versetto della Bibbia poco conosciuto in Israele, il 9 del 25mo capitolo della Genesi. “Lo seppellirono i suoi figli, Isacco e Ismaele, nella caverna di Macpela, nel campo di Efron, figlio di Zocar, l'Hittita, di fronte a Mamre”.

    Esso, secondo lo statista, non viene mai studiato nelle scuole israeliane perché “Ismaele è il patriarca degli arabi, proprio come Isacco è il patriarca degli ebrei”. In Israele è risaputo che Sara cacciò Ismaele e sua madre nel deserto a morire di sete, che venne tratto in salvo da un angelo, per poi sparire. “La rilevazione che la Bibbia di fatto dica l’opposto è scioccante. Quindi Ismaele non scomparve, ma da qualche parte lungo la via fece pace con Isacco. I due figli seppellirono il padre insieme. Questo cambia la storia del tutto. Questo significa che la Bibbia fa anche degli arabi i legittimi eredi della Grotta di Macpela, a fianco degli ebrei e dei cristiani”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/07/2017 16:35:00 ISRAELE – PALESTINA
    Palestinesi cristiani insieme ai musulmani contro il controllo della Spianata delle Moschee

    Cristiani in preghiera con i musulmani. Per Bernard Sabella, la religione non può e non deve diventare un motivo di conflitto. C’è bisogno di saggezza per ristabilire la calma e il dialogo, come dice il papa. Adel Misk: i palestinesi cristiani e musulmani hanno detto “no” al conflitto religioso. Israele “si è arrampicata su un albero e non sa come scendere”. I musulmani non cederanno.



    26/05/2017 11:50:00 ISRAELE
    P. Piotr Zelazko: Nel sud di Israele, il dialogo fra le fedi ‘spinge verso l’altro, non verso l’odio’

    L’”Iniziativa interreligiosa del Negev” è un’organizzazione fondata da rappresentanti delle tre religioni monoteistiche. All’origine, l’intuizione di due donne: il dialogo come strumento di pace. Attività con i giovani, in scuole, librerie e università. Le religioni sono la “soluzione” e non la “causa” del conflitto.



    01/03/2010 ISRAELE-PALESTINA
    Tensione alta a Gerusalemme dopo gli incidenti di ieri
    La polizia israeliana rafforza la sua presenza intorno alla Spianata delle moschee. Il governo palestinese si riunisce a Hebron. Dure reazioni del mondo musulmano. Per Peace Now, il progetto di costruire nuove case a Gerusalemme est “mira ad affondare la soluzione dei due Stati”.

    13/12/2003 israele - palestina
    Il Mufti di Gerusalemme: il Muro del Pianto appartiene all'Islam


    09/10/2013 ISRAELE - PALESTINA
    I costi dell'occupazione israeliana e la "giudaizzazione" di Gerusalemme
    L'occupazione dei territori palestinesi appare ormai irreversibile. Il governo e i politici della destra israeliana spingono sempre più ebrei a istallarsi nei territori della Cisgiordania. In un saggio, 20 studiosi spiegano l'impatto negativo di tale approccio da un punto di vista socio-economico e morale. Il concetto di Stato religioso si sta sostituendo a quello di Paese democratico.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®