25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/02/2011, 00.00

    COREA DEL NORD

    La fame a livelli allarmanti: il popolo mangia grasso crudo e terra

    Joseph Yun Li-sun

    Cinque Organizzazioni non governative, appena rientrate da Pyongyang, lanciano l’allarme: “La gente è disperata, si rischiano migliaia di morti”. Una fonte spiega ad AsiaNews: “Il rischio è quello di una sollevazione popolare, che finirà con un esodo di massa al Sud”.
     Seoul (AsiaNews) – La juche, l’ideologia dell’auto-sufficienza lanciata negli anni ’50 dal dittatore Kim Il-sung, sta per distruggere del tutto la Corea del Nord: la popolazione è talmente affamata che mangia grasso crudo, quando riesce a trovarlo, oppure muore di fame. Ora il rischio è quello di una sollevazione popolare che si potrebbe concludere con un esodo di massa verso il Sud.

    L’allarme è stato lanciato da cinque Organizzazioni non governative americane appena rientrate da Pyongyang. Invitati dal governo, i dirigenti delle Ong - Christian Friends of Korea, Global Resource Services, Mercy Corps, Samaritan’s Purse e World Vision - hanno redatto un rapporto terribile: fra il 50 e l’80 % delle coltivazioni interne sono state distrutte dal gelo che ha colpito il Paese negli scorsi mesi, e gli ospedali sono pieni di casi di malnutrizione.

    La questione è complessa: l’invio di aiuti umanitari alla Corea del Nord da parte dei due maggiori donatori (Stati Uniti e Corea del Sud) è stato interrotto dopo le provocazioni militari ordinate da Pyongyang negli ultimi due mesi. L’affondamento della corvetta sudcoreana Cheonan, in cui sono morti 46 marinai, e il bombardamento di un’isoletta sotto il controllo di Seoul hanno fatto infuriare il governo conservatore sudcoreano. Il presidente Lee Myung-bak ha dichiarato che “non ci saranno più aiuti fino alle scuse ufficiali del regime”

    Da parte loro, gli Stati Uniti hanno deciso di fermare il flusso perché temono che gli aiuti possano arrivare non alla popolazione, ma all’esercito e alla dirigenza politica del Paese. Il “Caro Leader” Kim Jong-il ha sempre proibito ogni ispezione internazionale, e pretende che gli aiuti vengano scaricati sul confine nelle mani dei militari. Tutto questo si combina poi con una pianificazione economica disastrosa e con una riforma valutaria che ha spezzato gli ultimi barlumi di auto-sufficienza del Paese.

    Una fonte coreana spiega ad AsiaNews: “Tutto questo è vero. La gente non ha più di che mangiare, e ho visto di persona dei bambini mangiare la terra. Il rischio è che, senza un aiuto del mondo, la popolazione si possa sollevare in massa andando incontro a un massacro per mano dell’esercito. Oppure potrebbero cercare di sfondare il confine con il Sud per poi scappare; ma Seoul non è in grado di reggere un flusso simile, e potrebbe decidere di rimandarli indietro”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2011 COREA DEL NORD
    Nel regime dei Kim “vivono ancora dei cristiani. E sono stimati”
    Pastore protestante sudcoreano: “In Corea del Nord ci sono ancora circa 40mila cristiani: torturati e chiusi nei campi di lavoro, ma un esempio per tutti”. La Chiesa cattolica non conferma queste cifre ma loda l’atteggiamento di chi riesce a fuggire, “missionario di speranza per tutti noi”.

    16/03/2010 COREA DEL NORD
    Pyongyang prepara il primo ritratto del “Terzo Kim”
    Il 15 aprile si festeggia la nascita di Kim Il-sung, “Presidente eterno” della Corea del Nord. Per l’occasione verrà esposto in pubblico il ritratto di Kim Jong-un, terzogenito e delfino di Kim Jong-il.

    16/02/2011 COREA DEL NORD
    Compleanno di Kim: grandi feste, ma quest'anno niente cibo alla popolazione
    A Pyongyang sono stati organizzati eventi di ogni tipo - dall’esposizione delle “kimjongilie”, begonie create in suo onore, alle recite teatrali dei bambini - ma per la prima volta da più di un decennio non sono state distribuite razioni alimentari gratuite alla popolazione. La mancanza di questo gesto sottolinea la grave crisi economica che colpisce il Paese.

    26/06/2010 COREA DEL NORD
    La Corea del Nord avrà presto un nuovo leader
    La scelta avverrà in settembre con una sessione straordinaria dei dirigenti del Partito dei lavoratori. L’annuncio è stato dato in occasione dell’60mo anniversario della guerra tra le due Coree e avviene dopo la recente riapertura delle tensioni con la Corea del Sud. Il futuro della nazione sarà nelle mani di Kim Jong- un, figlio dell’attuale dittatore Kim-Jong-il da tempo in gravi condizioni di salute.

    08/04/2011 COREA DEL NORD
    Il Parlamento coreano non parla di successione ma di “economia”
    Riuniti a Pyongyang, i deputati dell’Assemblea suprema del popolo hanno lasciato da parte la questione del delfino Kim Jong-un ma hanno promesso “fondi enormi” per lo sviluppo economico del Paese. Soltanto parole, ovviamente, mentre il popolo muore di fame.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®