04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/06/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Lahore, centinaia di cristiani e musulmani in piazza per Asma Jahangir

    Shafique Khokhar

    La famosa attivista pro diritti umani oggetto di minacce di morte. “Ho dedicato la mia vita agli emarginati – sottolinea – e non mi farò intimidire”. La solidarietà di politici, leader religiosi e membri della società civile. Vertici di Ncjp si appellano alle autorità, perché sia garante della sua incolumità. Peter Jacob: “siamo con lei”.

    Lahore (AsiaNews) - I vertici della Chiesa cattolica ed esponenti della comunità cristiana pakistana hanno aderito alla marcia di solidarietà - organizzata dal Comitato congiunto per i diritti umani di Lahore - a favore di Asma Jahangir. Famosa per le sue battaglie a difesa dei più deboli e degli emarginati dalla società, la donna ha ricevuto nei giorni scorsi minacce di morte da frange estremiste del Paese. L'attacco personale contro una persona conosciuta e apprezzata per il suo lavoro ha seminato il panico fra i membri della società civile, gli avvocati e gli attivisti che si battono a favore dei diritti umani in Pakistan. "Ho dedicato tutta la mia vita agli emarginati e agli oppressi - ha sottolineato Asma Jahangir - e se queste minacce sono mirate a farmi chiudere in casa, sappiate che non mi farò intimidire".

    Alla manifestazione preceduta da un convegno, organizzato lo scorso 15 giugno all'Aiwan-i-Iqbal di Lahore, hanno partecipato oltre 700 musulmani e cristiani, laici e religiosi, politici di primo piano e rappresentanti di circa 30 organizzazioni e movimenti della società civile tra cui la Commissione nazionale di giustizia e pace della Chiesa cattolica (Ncjp), Women Action Forum e All Pakistan Minorities Alliance (Apma).

    P. Emmanuel Yousaf Mani e Peter Jacob, leader di Ncjp, hanno entrambi condannato le minacce e chiesto l'intervento delle autorità per risalire agli autori e garantire l'incolumità della donna. Il sacerdote ha assicurato il sostegno e le preghiere della comunità cattolica, incoraggiando Asma Jahangir a continuare nella sua "nobile causa". P. Mani ha ricordato le battaglie per l'abolizione della legge sulla blasfemia e il lavoro a tutela delle vittime della "legge nera". Gli fa eco Peter Jacob, che rende onore alla "quarantennale lotta per i diritti di tutti i cittadini", in particolare "emarginati e oppressi". "Assicuro ad Ama - ha aggiunto il segretario esecutivo Ncjp - che siamo tutti con lei, e non faremo passi indietro nel momento del bisogno. Siamo pronti a sacrificare la nostra vita per lei".

    Alyas Rahmat, giovane cristiano e direttore di Chanan Development Association, afferma ad AsiaNews che "tutti noi attivisti per i diritti umani siamo sotto minaccia e dobbiamo affrontare dozzine di sfide". Il caso di Asma è salito alla ribalta delle cronache internazionali per la "fama internazionale" del personaggio, perché è una donna "coraggiosa e dedita" alla causa ed è "modello e fonte di ispirazioni" per gli altri. Asif Jonaijo, senatore del Balochistan, ricorda le campagne di Asma Jahangir a favore dei "desaparecidos" della provincia e il lavoro a favore della pace e dell'armonia interreligiosa.

    (Ha collaborato Joseph Laldin)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/01/2014 PAKISTAN
    Islamabad, migliaia di cristiani in marcia per la pace. Il vescovo: "Uniti contro la violenza"
    Una fiaccolata nella capitale ha ricordato le vittime delle stragi e l’opera di un sacerdote in prima fila nella campagna per le vaccinazioni, scomparso di recente. Mons. Rufin Anthony parla di “bagno di sangue” che ha colpito anche “chiese e scuole”. Appello dei cittadini al governo e all’esercito: sradicare il terrorismo “alla radice”.

    17/04/2009 PAKISTAN
    Lahore, l’Alta corte assolve due cristiani dall’accusa di blasfemia
    James e Buta Masih erano in galera dal 2006 perché “colpevoli” di aver bruciato una copia del Corano in strada. Il tribunale riconosce l’infondatezza dell’imputazione e dispone la scarcerazione. Sacerdote cattolico chiede la cancellazione della legge sulla blasfemia, che definisce “assassina”.

    14/04/2014 PAKISTAN
    Lahore, terzo rinvio per l'appello di Asia Bibi. Minacce islamiste ai giudici
    Questa mattina l’Alta corte ha aperto e subito rinviato l’udienza; forse domani verrà decisa la nuova data di un processo atteso da anni. I legali della donna mostrano ottimismo e sperano in una scarcerazione a breve. Ma restano le minacce dei gruppi fondamentalisti. Sacerdote a Lahore: "La situazione peggiora ogni giorno, per le minoranze e per le donne".

    02/04/2014 PAKISTAN
    Pakistan, cattolici e musulmani in digiuno e preghiera per Sawan Masih e Asia Bibi
    Oggi a Lahore e Islamabad manifestazioni pacifiche per mostrare solidarietà ai “cristiani perseguitati” e chiedere giustizia per le vittime della “legge nera”. Sacerdote a Lahore: “incoraggiante” risposta della società civile. Attivista musulmano: “disgustato”, vicini ai “nostri fratelli cristiani in segno di solidarietà”.

    28/03/2014 PAKISTAN
    Cristiano condannato a morte per blasfemia. Vescovo di Islamabad: Preghiamo per i perseguitati
    La sentenza contro il giovane Sawan Masih è giunta al termine di un processo che si è svolto in prigione. Alto il rischio di attentati da parte di estremisti islamici. La difesa annuncia il ricorso in appello. Ira e indignazione nei leader religiosi e società civile. Mons. Rufin Anthony: "Accuse false, è un abuso”. Il 14 aprile fissata udienza di appello per Asia Bibi.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®