09/09/2010, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Le alluvioni nel Nord, occasione di pacificazione fra le Coree

di Theresa Kim Hwa-young
Per la prima volta dall’elezione del conservatore Lee Myung-bak a presidente del Sud, il regime stalinista di Pyongyang chiede aiuto alla nazione confinante. Servono riso, cemento e materiale da costruzione per aiutare le vittime delle disastrose piogge.

Seoul (AsiaNews) – Le inondazioni che hanno sconvolto la Corea del Nord durante il mese d’agosto si sono trasformate in un’inattesa opportunità di pacificazione fra i due Paesi. Dopo l’affondamento della corvetta sudcoreana Cheonan, che Seoul ritiene opera di Pyongyang, le tensioni diplomatiche fra i due Paesi si dono intensificate: ma la richiesta d’aiuto espressa dal regime stalinista, che chiede riso e materiali da costruzione per affrontare l’emergenza, riaccende le speranze.

Pyongyang ha chiesto infatti a Seoul aiuti d’emergenza sotto forma di riso, cemento e altro materiale da costruzione, a favore delle vittime delle inondazioni. L’appello di Pyongyang giunge in risposta all’offerta della Croce Rossa sudcoreana di inviare cibo e medicine agli alluvionati per l’equivalente di 8,5 milioni di dollari.

Cheong Wa Dae, rappresentante del governo del Sud, ha dichiarato: “Il nostro governo risponderà presto alle richieste del Nord. Pyongyang non ha mai, fino ad ora, detto in maniera chiara di che cosa aveva bisogno: invece questa volta ha presentato una domanda specifica. Nell’ambito delle relazioni intercoreane, si tratta di un passo avanti”.

La richiesta più importante è ovviamente quella che riguarda il riso: si tratta della prima volta che il regime si mostra debole dall’elezione a presidente della Corea del Sud di Lee Myung-bak, conservatore contrario alle politiche di apertura nei confronti del Nord attuate dai suoi predecessori.

Nell’ottica di questa “pacificazione” si inserisce anche il rilascio del peschereccio sudcoreano, con sette marinai a bordo, catturato a inizio agosto nel Mar del Giappone dalla flotta del Nord. L’imbarcazione, con quattro marinai sudcoreani e tre cinesi, navigava verso il porto di attracco di Sokcho, nel nord del Paese. Il governo di Pyongyang l’ha rilasciata “senza condizioni”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Corea: gestiti dalla Croce Rossa, partono gli aiuti per il Nord
31/08/2006
Alluvioni nel Nord, Pyongyang chiede di nuovo l’aiuto internazionale
03/08/2012
Corea: Pyongyang chiede altri aiuti umanitari
24/04/2006
Corea, le inondazioni al Nord potrebbero aver ucciso 900 persone
28/08/2006
La Corea del Nord sommersa dalle alluvioni, si aggrava la crisi alimentare
05/08/2008