13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2017, 08.54

    VATICANO-ASIA-USA

    Le condoglianze del papa e in Asia per il massacro di Las Vegas



    Il telegramma a firma del card. Parolin al vescovo di Las Vegas. La vicinanza del presidente sudcoreano Moon e del cinese Xi Jinping. Uccise 59 persone e ferite oltre 500. L’autore della strage è un uomo di 64 anni, ricchissimo, forse uno psicopatico. Lo Stato islamico rivendica l’attacco, ma non vi sono elementi probanti.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Papa Francesco è “spiritualmente vicino” a tutti coloro che sono stati colpiti dalla “tragedia senza senso” di Las Vegas, dove nella serata del 1° ottobre, il 64enne Stephen Craig Paddock (foto n. 3) ha compiuto una strage uccidendo i partecipanti a un concerto e facendo 59 morti e oltre 500 feriti. In un telegramma inviato ieri al vescovo di Las Vegas mons. Joseph Anthony Pepe e firmato dal segretario di Stato card. Pietro Parolin, il pontefice “apprezza gli sforzi della polizia e del personale dei servizi di emergenza” che sono subito intervenuti, e “offre la promessa delle sue preghiere per i feriti e tutti coloro che sono morti, affidandoli all’amore misericordioso di Dio onnipotente”.

    Tra i primi in Asia a inviare telegrammi di cordoglio, il presidente sudcoreano Moon Jae-in, “in rappresentanza del popolo coreano”, ha espresso le sue “più profonde condoglianze per “il tragico e orribile” incidente. “Una simile violenza che miete così tante vittime innocenti è da condannare e non può essere giustificata da nessuna ragione”.

    “Profonde condoglianze per le vittime” e “vicinanza al governo degli Stati Uniti e al popolo” sono stati espressi anche da un messaggio inviato dal presidente cinese Xi Jinping, che con “una sincera partecipazione per i feriti”, ne augura la pronta guarigione.

    L’autore della strage ha aperto il fuoco dal 32mo piano del Mandalay Bay Hotel, sovrastante l’area dove si svolgeva il concerto. La polizia ha trovato nella stanza dell’albergo 23 tipi di fucili e mitragliette; a casa sua il killer aveva 19 armi ed esplosivi.

    Gli investigatori si domandano la ragione di questo massacro, il più sanguinoso della storia recente degli Usa. Sebbene lo Stato islamico abbia rivendicato l’attentato, dicendo che Paddock si sarebbe convertito da pochi mesi all’islam, le forze dell’ordine non hanno trovato alcun elemento che lo leghi alla rete del terrorismo internazionale.

    Paddock era un ricchissimo residente di Mesquite, a 130 km da dove è avvenuta la strage, che amava la caccia e il gioco d'azzardo. Secondo suo fratello, egli non ha mai mostrato segni di voler commettere uccisioni. Si sospetta una qualche influenza da parte di suo padre, un rapinatore di banche, un tempo fra i 10 più ricercati in America, definito come uno psicopatico. Dopo il massacro, Paddock si sarebbe suicidato prima dell’arrivo della polizia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/07/2011 ASIA - CINA - STATI UNITI
    Debito pubblico Usa, preoccupata l’Asia, crolla la borsa di Shanghai
    I Paesi asiatici sono convinti che Washington supererà l’attuale stallo tra il presidente Obama e il Congresso, ma temono che gli Usa siano comunque declassati. I bond Usa sono sempre stati bene di rifugio per l’Asia. In ribasso pure le borse europee.

    07/06/2006 Cina – Stati Uniti
    Pechino: "Washington non si intrometta su Tiananmen"

    Il portavoce del ministero degli Esteri rimanda al mittente le richieste statunitensi di una riabilitazione del movimento pro-democrazia. "E' solo una scusa per attaccarci, abbiamo già spiegato tutto quello che è successo".



    27/07/2006 corea del sud
    Card. Kim: "Al potere vada chi ha, come primo interesse, il bene comune"

    L'arcivescovo emerito di Seoul ha invitato i candidati del Grand National Party ad accettare i risultati delle primarie e non ripetere gli errori del passato. Dura critica al presidente Roh ed alla sua politica di allontanamento dagli Stati Uniti.



    06/10/2016 11:05:00 ASIA-CINA
    Pechino annuncia con forza una “nuova guerra fredda”

    Un nuovo assetto geopolitico sembra prendere forma nella regione dell’Asia-Pacifico. Da una parte vi è Cina, Russia, Nordcorea; dall’altra gli Stati Uniti con Corea, Giappone e Paesi del Sud-est asiatico.Pechino prova a strappare alleanze ai Paesi vicini usando anche l’arma dei benefici economici. Ma molti Paesi della regione temono proprio la potenza crescente della Cina. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.



    12/01/2006 ASIA – AUSTRALIA – STATI UNITI
    I Paesi che inquinano di più chiedono alle industrie di diminuire i gas serra

    Diminuzione dei gas serra e aumento della temperatura della terra sono stati i temi principali dell'incontro fra Stati Uniti, Australia, Giappone, Cina, Corea del sud e India. Protestano gli ambientalisti che definiscono i colloqui un diversivo per distogliere l'attenzione dal rifiuto dei governi di Stati Uniti ed Australia di sottoscrivere il protocollo di Kyoto.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®