11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/04/2007, 00.00

    GIAPPONE

    Le nuove esecuzioni, un ritorno al passato

    Pino Cazzaniga

    Il 23 aprile sono stati impiccati dopo 15 anni tre pluriomicidi. I decreti di morte firmati durante i fine settimana per evitare le critiche dell’opposizione. Il ritorno della pena capitale, forse un modo per svuotare le carceri.
    Tokyo (AsiaNews) - Il 23 aprile, nelle prigioni di Tokyo Osaka e Fukuoka, sono stati giustiziati rispettivamente Masahiro Tanaka (42 anni), Kosaka Nada (56 anni) e Yoshikatsu Oda (59 anni) dopo che il ministro della giustizia, Jinen Nagase, ha firmato il mandato di esecuzione.
     
    I tre giustiziati erano, complessivamente, rei di otto assassini, tutti per motivi di lucro. Particolarmente odioso è stato quello di Nada: ha ucciso la moglie di un collega e ne ha gettato il figlioletto di 4 anni in un fiume .
     
    È la seconda serie di esecuzioni che Nagase autorizza da quando il primo ministro Shinzo Abe gli ha affidato il ministero, nel settembre dell’anno scorso. Nella precedente, avvenuta il 25 dicembre, sono stati impiccati quattro detenuti. Erano quindici mesi che non avvenivano esecuzioni. Il suo predecessore, Seiken Sugiura, devoto buddista, si è sempre rifiutato di firmarne il nulla obsta durante il periodo di 11 mesi del suo incarico.
     
    L’annunzio delle esecuzioni ha immediatamente suscitato le proteste di parlamentari e di attivisti contrari alla pena di morte. Rende perplessi anche il fatto che il ministro ha firmato i decreti mentre erano in corso sessioni del parlamento, cosa che avviene molto raramente. Tuttavia in ambedue i casi lo ha fatto alla vigilia di lunghe vacanze, quelle per il capo d’anno in dicembre e quelle della “golden week”, un lungo ponte di riposo all’inizio di maggio. In questo modo ha scansato il fastidio di dover affrontare le critiche dei parlamentari dell’opposizione.
     
    Ma pare ci sia un motivo politico di maggior peso. I mass media avevano reso noto che nelle prigioni giapponesi i detenuti che attendevano l’esecuzione avevano superato il numero di 100. Makoto Teranaka, segretario generale di Amnesty International Japan, ha detto ai giornalisti che “le tre impiccagioni sono state probabilmente eseguite per diminuire il numero dei detenuti che si trovano nel ‘braccio della morte’. Egli ha denunciato l’insufficienza di un giudizio prudente prima di firmare i decreti.
     
    “Costruire un Giappone attraente” è la frase programmatica dell’attuale primo ministro Shinzo Abe. In questa prospettiva si è scelto i membri del Gabinetto. Lo zelante nuovo ministro della giustizia avrà pensato che ripulire le prigioni del Giappone da detenuti che ne macchiano particolarmente il volto fosse un atto virtuoso.
    Ironicamente proprio nello stesso giorno dell’impiccagione a Roma un rappresentante del consiglio generale dell’Amnesty international ha reso noto che nell’anno 2006 le esecuzioni capitali su scala mondiale sono diminuite del 25%, da 2.148 esecuzioni nel 2.005 a 1.591 nel 2006. “Questo, ha aggiunto, aumenta le speranze che un giorno la pena capitale sia totalmente abolita”. 
     
    Il quotidiano The Japan Times sottolinea che l’Italia, sulla scia dell’esecuzione dell’ex presidente irakeno Saddam Hussein, ha iniziato una energica iniziativa diplomatica a livello mondiale per l’abolizione della pena capitale con il pieno sostegno dell’Unione Europea: in nessuna delle 27 nazioni che la compongono esiste la pena di morte.
     
    Con la ripresa delle esecuzioni capitali il Giappone getta acqua gelida sul fuoco della speranza e cammina verso il passato. Se vuole assumere un ruolo di primo piano nella diplomazia a livello globale, come desidera, sarà bene che sappia leggere i segni dei tempi e adeguarvisi.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/02/2005 giappone
    L'80% dei giapponesi favorevole alla pena di morte


    14/07/2017 11:07:00 GIAPPONE
    Il governo ha eseguito altre due impiccagioni

    Il ministro della giustizia Katsutoshi Kaneda ha ordinato le esecuzioni numero 18 e 19 da quando il primo ministro Shinzo Abe è arrivato al potere, nel dicembre 2012, senza dare alcun preavviso ai famigliari e agli avvocati. I vescovi in prima fila contro le esecuzioni. La protesta di Amnesty Internazional: uno dei condannati aveva chiesto il riesame, l'altro aveva rinunciato alla propria difesa.



    18/04/2017 11:54:00 PAKISTAN
    Imam pakistani chiedono l’esecuzione di Asia Bibi, dopo il linciaggio dello studente di Mardan

    Per i leader islamici l’impiccagione della madre cristiana sarebbe un deterrente per le violenze di massa. Per loro è giustificabile il comportamento degli studenti che hanno ucciso e seviziato un loro collega per presunta blasfemia. Commissione Giustizia e pace: “Le università devono insegnare il pensiero critico, le virtù della tolleranza, della coesistenza e dell’accettazione”.



    11/07/2017 12:18:00 PAKISTAN
    Pakistan, dal 2015 465 esecuzioni capitali. ‘Motivi politici’ dietro le condanne

    I dati relativi al periodo da quando il governo ha eliminato la moratoria sulla pena di morte e sono pubblicati dalla Ong Justice Project Pakistan. Il Punjab è la provincia con il più alto numero di impiccagioni, pari all’83% del totale. Il crimine non è diminuito da quando è stata reintrodotta la pena di morte. Condanne a morte compiute “per fare spazio” nelle carceri sovraffollate.



    25/02/2010 COREA DEL SUD
    Seoul, la Corte costituzionale favorevole alla pena di morte
    Per la seconda volta nella storia la Consulta sud-coreana giudica “conformi alla legge” le esecuzioni. Esse sono un deterrente al crimine e servono a proteggere i cittadini e gli interessi pubblici. Dal 1948 sono state giustiziate 920 persone. Al momento vi sono 58 detenuti nel braccio della morte.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®