28/09/2010, 00.00
NORVEGIA – CINA
Invia ad un amico

Le pressioni di Pechino su Oslo: “Niente Nobel per Liu Xiaobo”

Il direttore dell’Istituto norvegese per il Premio Nobel, Geir Lundestad, denuncia le minacce di un diplomatico cinese secondo cui l’assegnazione del riconoscimento al dissidente, autore di Carta 08, “avrebbe ripercussioni negative sui rapporti fra Cina e Norvegia”.

Oslo (AsiaNews) – La Cina torna ai vecchi metodi, e per evitare di vedere il premio Nobel per la Pace assegnato a un dissidente cinese mette in campo minacce e pressioni. Il direttore dell’Istituto norvegese per il Premio Nobel, Geir Lundestad, ha reso noto infatti che il governo cinese lo ha ammonito contro l’assegnazione del Nobel per la pace al dissidente Liu Xiaobo. Una decisione del genere “avrebbe ripercussioni negative sui rapporti tra la Repubblica popolare e la Norvegia”.

È stato l’ex presidente ceco Vaclav Havel a proporre il riconoscimento a Liu Xiaobo, attivista per i diritti umani attualmente in carcere dopo la pubblicazione di Carta 08. Havel, presidente cecoslovacco (poi ceco) dal 1989 al 2003, è uno degli autori di Charta ‘77. Il documento, pubblicato esattamente 33 anni fa, chiedeva al regime sovietico al potere nel Paese europeo di rispettare i diritti umani della popolazione. Liu è uno degli estensori di Carta 08, che si ispira proprio a Charta ’77 e domanda democrazia e rispetto per i diritti umani come base per un vero sviluppo integrale della Cina.

Per il suo impegno nella stesura e poi pubblicazione del testo, Liu è stato condannato lo scorso 25 dicembre ad undici anni di prigione per “sovversione contro il potere dello Stato”. Lundestad rivela che il monito gli è stato trasmesso la scorsa estate dal vice-ministro degli esteri cinese Fu Ying durante una visita a Oslo: “Mi ha detto chiaramente che una tale scelta sarebbe considerata come un gesto ostile”, ha dichiarato all’agenzia norvegese Ntb.

Il Comitato norvegese per il Nobel annuncerà il nome del vincitore del Premio per la pace 2010 il prossimo 8 ottobre a Oslo, dopo l’assegnazione degli altri Nobel che avverrà invece a Stoccolma. In ogni caso, la linea ufficiale del governo di Pechino è leggermente diversa da quanto ha rivelato Lundestad; Jiang Yu, portavoce del ministro degli Esteri cinese, ha dichiarato infatti che “la Cina non vuole fare pressioni, ma Liu è stato condannato per aver violato la legge”.

Jiang ha poi sottolineato che la Cina ha ottime relazioni con la Norvegia e che “è normale avere divergenze sui diritti umani”. Ma le pressioni diplomatiche potrebbero avere ripercussioni sul campo economico: Pechino e Oslo stanno infatti per firmare un accordo commerciale considerato il primo esperimento di cooperazione fra il mondo cinese e quello dell’Unione europea.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Oslo e Pechino riprendono i rapporti diplomatici. Dimenticato Liu Xiaobo
19/12/2016 11:35
Consegnato il Nobel per la pace a una sedia vuota
10/12/2010
Rohingya, Aung San Suu Kyi terrà il suo Nobel malgrado le accuse dell’Onu
30/08/2018 11:16
Il presidente colombiano Juan Manuel Santos è il premio Nobel per la Pace 2016
07/10/2016 11:44
Il Nobel per la Pace all'Opac, impegnata nell'abolizione delle armi chimiche
11/10/2013