17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/08/2017, 09.17

    COREA DEL SUD

    Le religioni coreane chiedono un vero trattato di pace tra nord e sud



    Una cerimonia interreligiosa svoltasi a Seongiu nel 64mo anniversario della fine della guerra e la proclamazione della tregua, ancora in vigore. Il presidente della Conferenza episcopale coreana ribadisce il no della Chiesa al THAAD.

    Seoul (AsiaNews) – In appello per una “vera pace” tra le due Coree è stato lanciato nel corso di una cerimonia interreligiosa svoltasi a Seongiu nel 64mo anniversario della fine della guerra e la proclamazione della tregua, ancora in vigore.

    Il 3 agosto cattolici, protestanti e buddisti hanno ricordato quel 27 luglio 1953 che ha segnato la fine del conflitto, ma al quale manca la conclusione della pace. “Se la pace non si afferma in modo definitivo nella penisola coreana – ha affermato mons. Hyginus Kim Hee-joong, presidente della Conferenza episcopale coreana – crollerà la pace nell’intera Asia del Nord-est e la penisola coreana sarà il barile di polvere pronto a esplodere e a far scoppiare un’altra guerra”. “Noi – ha detto ancora – abbiamo bisogno di un trattato di pace e non solo di una tregua”.

    Mons. Kim Hee-Joong è poi tornato a ribadire l’opposizione dei vescovi al THAAD (Terminal High Altitude Area Defense), il sistema di difesa antimissili progettato e dislocato dagli Stati Uniti contro eventuali attacchi da Pyongyang. "E illusorio – ha sostento - voler installare la pace con le armi. THAAD non può portare la pace in Corea”. L'arcivescovo di Kwangju ha aggiunto che il dispiegamento di THAAD "è stato fatto senza il consenso della popolazione, quindi dovrebbe essere riconsiderato. Per la pace, dovremmo lavorare insieme per la preparazione di un trattato”.

    Alla celebrazione hanno partecipato circa 400 persone, appartenenti a tutte le espressioni religiose presenti nella Corea del sud.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/06/2006 corea del nord
    Dopo quasi 60 anni un missionario entra in Corea del nord

    La storia di padre Hammond che due volte all'anno può varcare il 38mo parallelo. Nel Paese non ci sono sacerdoti, ma una "Associazione dei cattolici", nella sede della quale non ci sono simboli religiosi, ma foto di Kim Jong-Il.



    13/10/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Card. Cheong: "Aspettiamo con pazienza, la crisi nucleare va risolta in maniera pacifica"

    Il porporato, arcivescovo di Seoul ed amministratore apostolico di Pyongyang, sottolinea ad AsiaNews che il test è stato annunciato ma che nessuno lo può confermare. Il presidente della Caritas sudcoreana, mons. Lazzaro You, aggiunge che non si deve pensare ad un blocco degli aiuti: la prossima settimana, incontro a Roma della Caritas internazionale per decidere come procedere con il Nord.



    02/10/2008 SUD COREA - NORD COREA - USA
    Corea del Nord, diplomazie al lavoro per sedare i venti di guerra
    Dopo l'annuncio di Pyongyang di voler riprendere il programma nucleare e sperimentare nuovi missili in grado di colpire gli Stati Uniti, oggi vertice fra i leader militari delle due Coree per trovare una soluzione alla crisi. Il negoziatore capo Usa sul nucleare prolunga di un giorno la visita al Nord.

    08/08/2007 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    Storico vertice tra le due Coree a fine agosto
    Il summit, annunciato per la fine del mese a Pyongyang, intende contribuire “all’apertura di un’era di pace” fra i due Paesi. Un esito positivo dei colloqui aumenterebbe i consensi per il presidente sud-coreano in vista delle presidenziali di dicembre.

    26/07/2007 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    La disputa sui confini marini affonda i colloqui
    Pyongyang abbandona il tavolo delle trattative, al più alto livello militare dalla guerra di Corea ad oggi, definendole “infruttuose”: il nodo da sciogliere resta il limite delle rispettive acque territoriali.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®