17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2016, 12.53

    MYANMAR

    Leader buddisti birmani contro il movimento anti-musulmano Ma Ba Tha



    Per la prima volta lo Sangha Maha Nayaka Committe sconfessa in modo aperto il gruppo estremista. In una nota i leader buddisti affermano di non aver mai sostenuto le idee e i proclami ultra-nazionalisti. Un portavoce del Ma Ba Tha parla di organizzazione su base volontaria che non necessita di approvazione. 

    Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - Le più alte cariche del buddismo birmano si schierano contro il movimento estremista Ma Ba Tha, prendendo in modo netto le distanze dal loro pensiero e dalla loro ideologia. Per la prima volta i vertici della più importante religione del Myanmar sconfessano le azioni del gruppo nazionalista, protagonista in passato di attacchi contro la minoranza musulmana Rohingya e fautori di una escalation di violenze confessionali nel Paese. 

    In una nota pubblicata nella serata di ieri lo Sangha Maha Nayaka Committee, che rappresenta i vertici del clero buddista birmano, dichiara di non aver mai sostenuto o promosso le idee e i proclami ultra-nazionalisti del movimento “Ma Ba Tha”. 

    Dalla fondazione - circa tre anni fa - il gruppo estremista birmano nato dal movimento anti-islamico 969 e che oggi ha uffici in tutto il Paese è stato in prima linea nella protesta contro la minoranza musulmana e, in particolare, nei confronti dei Rohingya. Una minoranza perseguitata secondo attivisti e ong internazionali; immigrati irregolari per il precedente governo (filo-militare) del Myanmar, che non ha risparmiato politiche repressive nei loro confronti. 

    Alla vigilia dell’incontro che radunerà circa 50 monaci di primo piano provenienti da tutto il Paese, che si sono dati appuntamento alla periferia di Yangon, i vertici del buddismo locale precisano che il Ma Ba Tha non è nato secondo le regole e con l’approvazione dello Shangha. 

    In risposta, un portavoce del movimento estremista afferma che “[la nostra] è una organizzazione su base volontaria… e non necessita di registrazioni o approvazioni”. 

    La Costituzione promulgata nel 2008 dallo Union Solidarity and Development Party (Usdp, emanazione dei militari) stabilisce il “diritto di professare e praticare la religione nel rispetto dell’ordine pubblico, della moralità, della salute e delle altre disposizioni della Carta”.

    Negli anni successivi, però, il partito ha approvato quattro leggi promosse dal Comitato per la protezione della nazionalità e della religione (Ma Ba Tha) e contenute all’interno del pacchetto “Leggi a difesa della razza e della religione”. Le norme regolano poligamia e conversioni, e sono state volute per colpire la minoranza musulmana.

    Pur avendo ottenuto un pessimo risultato nelle elezioni del novembre scorso, il movimento estremista ha continuato ad alimentare la difesa dell’etnia birmana e della religione buddista in chiave anti-musulmana, considerando l’islam una minaccia. In passato le protese e le manifestazioni promosse dal gruppo sono state all’origine di violenze e della morte di diversi esponenti della comunità musulmana. E gli attacchi continuano, visto che solo il mese scorso due moschee sono state date alle fiamme nel centro e nel nord del Myanmar. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/10/2017 15:47:00 MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar

    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.



    18/01/2014 MYANMAR
    Monaci buddisti birmani chiedono limiti a matrimoni misti e ai diritti civili dei Rohingya
    Continua la raccolta firme per sostenere una legge popolare da presentare in Parlamento. Essa pone vincoli alle unioni fra donne buddiste e uomini di altre religioni, che devono avere l'approvazione. A questo si unisce il proposito di negare il diritto di voto e di formare partici politici alla minoranza musulmana.

    08/07/2014 MYANMAR
    Mandalay, violenze confessionali: arrestate 362 persone, ma i colpevoli sono ancora liberi
    Fermate centinaia di persone, molte delle quali per violazione del coprifuoco. Altre 16 in stato di fermo per possesso abusivo di armi. Tuttavia, i responsabili dei due omicidi sono a piede libero. Il presidente birmano minaccia censure sui media se verrà compromessa la “stabilità” nazionale.

    04/07/2014 MYANMAR
    Violenze confessionali, le autorità birmane impongono il coprifuoco a Mandalay
    Il bilancio provvisorio è di due morti e oltre 14 feriti. Timori di un’escalation delle violenze fra buddisti e musulmani. Attivisti e membri della Nld accusano polizia e membri della sicurezza, incapaci di gestire la tensione. Aung San Suu Kyi chiede il rispetto della legge e invita a non postare in rete materiale che “fomenta l’instabilità”.

    03/07/2014 MYANMAR
    Mandalay, ancora violenze fra buddisti e musulmani: due morti, decine di feriti
    Nella notte gruppi di buddisti a bordo di motocicli hanno scagliato pietre e sassi contro moschee e negozi di musulmani. Fra le vittime, un musulmano che stava andando alla moschea e un buddista in circostanze misteriose. Dietro le violenze il presunto stupro di una donna buddista da parte di un commerciante musulmano. Appello alla calma del presidente Thein Sein.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®