20 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/08/2012
COREA DEL SUD - GIAPPONE
Lee Myung-bak visita le isole contese da Tokyo e Seoul
Le Dokdo (o Takeshima, in giapponese) sono circondate da un mare molto pescoso. Il Giappone ha richiamato il suo ambasciatore a Seoul e presentato protesta all'ambasciatore sudcoreano a Tokyo. Finora Lee aveva sempre predicato l'amicizia fra Corea e Giappone, nonostante il violento passato dell'invasione nipponica. Stasera alle Olimpiadi la partita di calcio Corea-Giappone.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) - Il presidente sudcoreano Lee Myung-bak si è recato oggi in visita a un gruppetto di isole all'estremo est della penisola, creando tensioni con il Giappone che rivendica anch'esso quei territori.

Le isole - dette Dokdo dai coreani; Takeshima dai giapponesi - sono pressoché equidistanti dalle due nazioni, ma sono contese da anni perché il mare attorno a loro è ricca di pesca.

Lee è giunto in aereo nella zona, presidiata dai coreani fin dal 1954. In tutta l'area era stato dato l'allerta militare. La visita del presidente coreano è fortemente simbolica nel rivendicare la sovranità sugli isolotti.

Per tutta risposta il Giappone ha richiamato il suo ambasciatore da Seoul e ha espresso le sue proteste all'ambasciatore coreano a Tokyo.

La popolazione in Corea si domanda il perché di questo gesto di Lee, che ha sempre perorato la causa di un rapporto amichevole con il Giappone, sebbene molti coreani soffrano ancora della violenta invasione giapponese del secolo scorso (1910-1945).

L'unica risposta è che Lee, quasi alla fine del suo mandato, abbia fatto un gesto "patriottico" per farsi pubblicità, sebbene egli non possa essere rieletto.

Il Giappone ha sempre richiesto che la disputa sulle Dokdo/Takeshima avvenga per via diplomatica.

Curiosamente, il gesto di Lee e le critiche del Giappone avvengono a poche ore dalla partita di calcio Corea-Giappone, che si disputa questa sera alle Olimpiadi di Londra. In ballo vi è la vittoria per la medaglia di bronzo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/08/2012 COREA DEL SUD – GIAPPONE
Cresce la tensione fra Seoul e Tokyo sulle isole Dokdo/Takeshima
12/11/2012 GIAPPONE – COREA DEL SUD
Dokdo/Takeshima, Tokyo e Seoul pronti a trattare
03/07/2006 Corea del Sud – Giappone
Isole Dokdo-Takeshima, continua la tensione diplomatica fra Tokyo e Seoul
28/04/2006 COREA DEL SUD - GIAPPONE
Per due isolette, quasi una guerra tra Corea del sud e Giappone
di Pino Cazzaniga
07/09/2012 CINA – GIAPPONE -COREA DEL SUD
Pechino, Tokyo, Seoul: sulle isole contese, sfumano i venti di pace

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate