19 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/06/2011
CINA - VATICANO
Leshan, sette vescovi legittimi all’ordinazione episcopale senza mandato del papa
di Jian Mei
È la prima ordinazione dopo la dichiarazione vaticana riguardo alle scomuniche per celebrazioni di questi tipo. Un consacrazione episcopale – lecita – che doveva tenersi ad Handan (Hebei) è stata bloccata dalla polizia. Il vescovo illegittimo rivendica l’importanza dell’evangelizzazione. Ma molti fedeli sono “tristi”.

Pechino (AsiaNews) – P. Paolo Lei Shiyin (v. foto) è stato ordinato oggi vescovo di Leshan (Sichuan), senza il mandato del papa. Alla celebrazione hanno partecipato sette vescovi in comunione col pontefice. Per volere dell’Associazione patriottica la messa è avvenuta proprio nella festa dei santi Pietro e Paolo. Questa è la prima ordinazione dopo che la Santa Sede ha diffuso una dichiarazione riguardo alle scomuniche in cui incorrono coloro che partecipano – come candidati o come ordinanti - a una ordinazione illecita (cfr. 13/06/2011 Ordinazioni illecite in Cina: la Santa Sede spiega cosa fare con i vescovi scomunicati).

Un’altra ordinazione, voluta dal papa, che doveva tenersi a Handan (Hebei), è stata bloccata dall’Ap e la polizia ha sequestrato il candidato (v. 27/06/2011 Hebei: cancellata l’ordinazione del vescovo di Handan. Era approvato dalla Santa Sede ).

La cerimonia a Leshan è stata presieduta da mons. Fang Xinyao di Linyi. Gli altri vescovi coordinanti sono: mons. Fang Jianping di Tangshan; mons. He Zeqing di Wanzhou; mons. Li Shan di Pechino; mons. Li Jing di Ningxia; mons. Xiao Zejiang di Guizhou; mons. Zhao Fengchang di Liaocheng. Mons. Fang è il presidente dell’Associazione patriottica a livello nazionale.

Il vescovo Lei, riconosciuto solo dal governo, ha dichiarato ad AsiaNews che egli spera di rafforzare la diocesi nel lavoro di evangelizzazione e che ora è il tempo favorevole per lo sviluppo. La diocesi ha 70 mila fedeli.

Un sacerdote ha comunicato ad AsiaNews che alla ordinazione illecita hanno partecipato circa 1000 fedeli e personalità del governo. Essa si è tenuta nella chiesa di Emeishan, che è più capiente della cattedrale di Leshan. Erano presenti 67 sacerdoti, fra cui 14 di Leshan. Dopo la messa vi è stata una festa gestita dai cattolici locali.
Un sacerdote sotterraneo di una vicina provincia, ha detto ad AsiaNews che in precedenza fa egli è stato minacciato dalla pubblica sicurezza di non recarsi a Leshan nei giorni attorno all’ordinazione.

Un cattolico di Wuhan (Hubei) ha detto di essere “triste” per quanto è successo oggi con l’ordinazione illecita. “A Wuhan – ha aggiunto – siamo stati fortunati che l’ordinazione sia stata cancellata e per ora almeno ne siamo sfuggiti”.

Nelle settimane precedenti, era stata annunciata un’ordinazione illecita a Hankow (Wuhan) per il 10 giugno, ma poi – grazie alla pressione dei fedeli – non è stata effettuata (v. 03/06/2011 Mons. Savio Hon: Vescovi cinesi, non abbiate paura di dire no alle pretese di Pechino).

Una personalità della Chiesa, ha affermato che questa ordinazione illecita danneggia la comunione della Chiesa in Cina e quella con la Chiesa universale.

Il vescovo Lei Shiyin, 48 anni, è divenuto sacerdote il 30 novembre 1991. È membro della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, un organismo di consiglio al parlamento cinese. È vice-presidente dell’Associazione patriottica ed è stato presidente dell’Ap per il Sichuan.

Lei è stato eletto vescovo di Leshan il 18 marzo scorso. Aveva ricevuto 27 voti su 31. Ma la sua ordinazione episcopale non ha mai ricevuto l’approvazione della Santa Sede. La sede di Leshan era vacante dalla morte di mons. Luo Duxi nel 2009.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/05/2006 vaticano-cina
Santa Sede: le illecite ordinazioni in Cina una "grave violazione della libertà religiosa"
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera
28/06/2012 CINA - VATICANO
Ancora rimandata l'ordinazione episcopale illecita ad Harbin: vincono "le preghiere e i digiuni dei fedeli"
di Bernardo Cervellera
03/06/2011 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Vescovi cinesi, non abbiate paura di dire no alle pretese di Pechino
di Bernardo Cervellera
19/04/2012 CINA - VATICANO
Vescovo scomunicato all'ordinazione di Nanchong. Mons. Savio Hon: Disobbedire porta all'autodistruzione
di Bernardo Cervellera

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate