11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/03/2016, 08.56

    LIBANO - ONU

    Libano, il patriarca Rai: Anti costituzionale un Paese senza presidente, subito al voto



    Nuovo monito del capo della Chiesa maronita contro lo stallo istituzionale. Il cardinale ha aggiunto che “il patriarcato non ha candidati, non ne indica nessuno e non mette il veto su alcun nome”. Profonda preoccupazione anche da parte del Consiglio di sicurezza Onu. Pericolo di “instabilità” politica, sociale ed economica. 

    Beirut (AsiaNews/Agenzie) - Il patriarca maronita Beshara Rai ha lanciato un nuovo appello per l’elezione del presidente della Repubblica libanese, carica vacante da oltre 21 mesi, sottolineando che ogni tentativo di prolungare il vuoto istituzionale è contro la Costituzione. La Carta, ha sottolineato ieri il cardinale, prevede che “in caso di vuoto il Parlamento dovrebbe riunirsi immediatamente ed eleggere il presidente… Questa è la vera interpretazione”. “Rifiutiamo la situazione attuale - aggiunge il porporato - perché viola la Costituzione, e non accetteremo altra interpretazione”. 

    Dal maggio 2014, quando è scaduto il mandato di Michel Suleiman, il Paese dei cedri è senza presidente; in questi mesi il Free Patriotic Movement, Hezbollah e loro alleati hanno a più riprese boicottato il voto per il rinnovo della carica, facendo mancare il quorum.

    Essi affermano che il boicottaggio è “legale da un punto di vista costituzionale”. 

    Sulla vicenda è intervenuto ancora una volta il capo della Chiesa maronita, chiarendo che “il patriarcato non ha candidati, non ne indica nessuno e non mette il veto su alcun nome”. Il presule invita i politici a “non scommettere su forze straniere o su un miracolo”, ma di riunirsi in Parlamento “ed eleggere un presidente”, perché questa è “la nostra posizione oggi”. 

    I due principali schieramenti del Paese sono divisi fra il sostegno a Suleiman Franjieh e a Michel Aoun. Finora non si è riusciti a raggiungere un accordo per sbloccare la situazione. 

    Intanto anche il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite lancia un appello alle forze politiche libanesi, per l’elezioni “il prima possibile” del nuovo capo di Stato. Esprimendo “profonda preoccupazione” per lo stallo, i Paesi membri evocano il pericolo di “instabilità” politica, sociale ed economica nel caso in cui questa situazione dovesse prolungarsi oltremisura. 

    Il comunicato del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è giunto all’indomani della relazione presentata dal Coordinatore speciale per il Libano Sigrid Kaag sull’effettiva applicazione della Risoluzione 1701 - cessazione delle ostilità fra Israele ed Hezbollah e ritiro delle truppe israeliane - e del bilancio aggiornato delle operazioni di peacekeeping nel Paese. 

    L’organismo Onu rivolge infine un appello alla comunità internazionale perché sostenga il Libano nell’opera di assistenza ai rifugiati, garantendo al contempo la stabilità della nazione. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2016 13:26:00 LIBANO
    Vescovi maroniti: senza presidente e con la crisi il Libano affonda

    Divisioni e interessi personali mettono in pericolo l’unicità “dell’esperienza libanese”. Aumentano inflazione e debito pubblico. Dal patriarcato maronita l’invito a ritrovare il “compromesso storico” di Taëf. Il sostegno di Hariri (forse) decisivo per la presidenza Aoun. 

     

     



    03/10/2016 08:56:00 LIBANO
    Libano, leader religiosi cristiani e musulmani in campo per l’elezione del presidente

    Il patriarca maronita contro la proposta di un “pacchetto di accordo” legato all’elezione del capo di Stato. Per il porporato è una soluzione senza “dignità”. Il gran muftì sunnita chiede di sostenere l’azione diplomatica di Saad Hariri. E lancia un monito contro le proteste: “acuiscono la frammentazione”. Dopo due anni e mezzo di vuoto di potere la scelta di un nome appare ancora lontana. 

     



    28/09/2016 08:55:00 LIBANO
    Il patriarcato maronita "favorevole all’elezione di Aoun alla presidenza del Libano"

    Il vicario generale approva la scelta del leader del Movimento patriottico libero per mettere fine alla vacanza della prima carica dello Stato. Secondo mons. Sayyah egli “gode del sostegno della maggioranza dei cristiani”. L’elezione del presidente favorirà un accordo anche sulla nuova legge elettorale. Ma resta aperta l’ipotesi Franjieh. 



    08/11/2007 LIBANO
    I vescovi invitano il Parlamento a salvare il Libano, eleggendo un presidente
    In un documento diffuso al termine della loro riunione mensile, i vescovi maroniti mettono sotto accusa sia la maggioranza che l’opposizione. Gli uni in quanto “monopolizzerebbero” il voto per il nuovo capo dello Stato, gli altri perché la boicotterebbero.

    01/03/2016 08:52:00 LIBANO
    Samir Frangieh: un rinnovamento cristiano, contro la minaccia della fine del Libano

    L’ex parlamentare cristiano lancia un appello al Paese, da oltre 20 mesi senza presidente e teatro di una grave crisi politica. Come in passato, la comunità deve farsi promotrice di unità, condivisione e convivenza. Creare una rete di sicurezza capace di proteggere il Paese. Per gentile concessione del quotidiano libanese L’Orient-Le Jour.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®