15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/06/2016, 10.47

    LIBANO

    Libano e Medio oriente "consacrati al cuore immacolato di Maria per la pace nella regione"

    Fady Noun

    Per il terzo anno consecutivo il patriarca maronita ha rinnovato il gesto devozionale. Il rito si è celebrato nella basilica di Nostra Signora del Libano ad Harissa. Il card. Béchara Raï ha parlato del male che si presenta sotto forma di conflitti, guerre, morte, esodo, armi, fanatismo e terrorismo. La consacrazione legata a un movimento di “preghiera e penitenza”. 

    Beirut (AsiaNews) - Il patriarca maronita, card Béchara Raï, ha rinnovato ieri la consacrazione del Libano e di tutti i Paesi del Medio oriente al “Cuore immacolato di Maria” (nella foto). Il gesto devozionale si iscrive nel quadro delle apparizioni di Fatima (1917), durante le quali la Vergine Santa aveva chiesto in modo esplicito la consacrazione della Russia al suo “Cuore immacolato”. 

    Il porporato ha compiuto il rito nella basilica di Nostra Signora del Libano ad Harissa. Egli ha chiesto [alla Vergine] di “ottenere per intercessione di suo figlio, il Redentore, di mostrare la sua forza di riscatto e di salvezza, e la potenza del suo amore misericordioso, fermando il male e cambiando le coscienze”. Il patriarca ha parlato del male che si presenta sotto le forme “dei conflitti e delle guerre, della morte e dell’esodo, della lingua delle armi, del fanatismo, della violenza e del terrorismo”. 

    L’atto di consacrazione è avvenuto nel contesto di una messa solenne, concelebrata dal patriarca siro-cattolico Ignazio Giuseppe III Younan, e da numerosi vescovi e sacerdoti. A concelebrare vi era anche il nunzio apostolico in Libano mons. Gabriele Caccia: presenti i superiori e le superiore degli ordini religiosi maschili e femminili e una folla di fedeli. 

    “Con questa doppia consacrazione - ha proseguito il patriarca - e attraverso la nostra consacrazione personale, ci rivolgiamo a Dio perché egli penetri nelle nostre coscienze e nel nostro Paese, con il suo disegno di salvezza”. 

    Il patriarca ha poi ricordato in modo esplicito la presenza del male all’interno della Chiesa, e non solo all’esterno. Nell’omelia il porporato ha affermato che “il male si radica con facilità nei nostri cuori di uomini, e colpisce la Chiesa, i suoi pastori e le sue istituzioni all’interno e all’esterno”. 

    Egli ha dunque legato il gesto della consacrazione a un movimento di “preghiera e penitenza”, alzando la voce contro “l’immoralità, la profanazione della religione e delle chiese, e la scomparsa della decenza nel vestire e del rispetto”. 

    “Attraverso questo atto di consacrazione, che la Chiesa maronita rinnova per il terzo anno consecutivo - ha aggiunto il card Béchara Raï - noi mettiamo il Libano e i Paesi del Medio oriente sotto la protezione della nostra Madre, Maria, Nostra Signora del Libano. L’abbiamo fatto per la prima volta nel giugno del 2013, rispondendo a una sollecitazione del Sinodo del Medio oriente che è tenuto in Vaticano nell’ottobre 2012, sotto la guida del papa emerito Benedetto XVI”. 

    “Si è trattato di una consacrazione simile a quella della Russia, da parte di Giovanni Paolo II, nel giugno del 1981”. Questa consacrazione, ha proseguito, “è stata seguita da un’altra, nel maggio 1982, e poi da una terza, il 25 marzo 1984, in unione con tutti i vescovi cattolici del mondo”, secondo quanto richiesto dalla Vergine nel 1917. 

    L’atto di consacrazione compiuto ieri per il Libano ha rappresentato il momento conclusivo di tre processioni e novene di preghiera promossi in tre santuari dedicati a Maria: quelli di Maghdouché, Zahlé e Miziara, a partire dal 22 maggio scorso. Queste attività si sono svolte in collaborazione con il comitato patriarcale preposto alla sorveglianza dell’atto di consacrazione, con il movimento sacerdotale mariano, con le associazioni mariane femminili fra cui le suore della famiglia del cuore di Gesù e la lega delle comunità mariane. Questi gesti devozionali e la consacrazione di individui, parrocchie e diocesi hanno toccato il cuore e le coscienze di decine di migliaia di fedeli. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/06/2017 13:50:00 LIBANO – PORTOGALLO
    Libano: la Chiesa consacra Paese e Medio oriente alla Madonna di Fatima

    Il lungo programma di preghiera per la pace. Il viaggio non è per i “deboli di cuore” che si accontentano della “salvezza in saldo”. Senza conversione del cuore, il pellegrinaggio non basta. Penitenza e misericordia vanno mano in mano. Bisogna essere sempre pronti a rispondere alle richieste della Vergine.



    23/06/2017 11:49:00 LIBANO - PORTOGALLO
    Fatima: Il patriarca Bechara Rai consacra il Libano e il Medio Oriente al Cuore Immacolato di Maria

    Le celebrazioni si terranno il 24 e il 25 giugno a Fatima, con la partecipazione di patriarchi e vescovi del Libano. Il filo che lega la “piccola” storia con la “grande”. La lotta spirituale della Chiesa. La preghiera a S. Michele arcangelo voluta da Leone XIII.



    15/06/2015 LIBANO - MEDIO ORIENTE
    Patriarca Rai: Cuore immacolato di Maria, consolazione dei cristiani di Libano e Medio oriente
    Nel santuario di Harissa, il cardinale ha rinnovato l’atto di consacrazione del Paese alla Madonna. Alla celebrazione migliaia di fedeli, che hanno gremito la basilica per pregare davanti alla statua di Fatima. Nell’omelia il porporato ha ricordato le sofferenze di una regione "teatro di guerre e violenze". E ha lanciato un nuovo monito contro una politica "incapace di eleggere un presidente".

    05/07/2016 09:33:00 LIBANO
    Fondazione maronita: un lavoro di memoria, per salvare la presenza cristiana in Libano

    Il Paese si fonda sulla demografia e sull’equilibrio fra cristiani e musulmani nella vita politica e istituzionale. Una uguaglianza che va oltre il dato numerico degli abitanti e la religione professata. Dalla fondazione un’opera che intende preservare il mito fondatore del Libano. Una realtà che non sostituisce le ambasciate, ma che ha un ruolo di ricerca e recupero.

     



    12/11/2012 LIBANO
    Beirut: Jean Fahed, cristiano, nuovo presidente del Consiglio superiore della magistratura
    La nomina accolta con soddisfazione dalle diverse anime libanesi. Uomo impegnato, fedele devoto, padre di famiglia attento, è un misto di “qualità professionali e umane”. Nel 1994 è sopravvissuto per miracolo all’attentato alla chiesa di Nostra Signora della Liberazione. Personalità di primo piano, anche da giudice ha sempre lavorato per la riconciliazione.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®