24 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/07/2017, 11.22

    CINA

    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.

    Pechino (AsiaNews) - “Verrà il giorno in cui” il nome di Liu Xiaobo “accenderà una fiaccola e illuminerà questa terra”. Così si conclude l’elegia che pubblichiamo oggi, scritta da un sacerdote del nord della Cina, a ricordo del grande dissidente lasciato morire di cancro e condannato per “sovversione contro il potere dello Stato” solo per avere suggerito - in modo non violento - riforme sociali, politiche e religiose per la società cinese. Di fronte alla spregiudicata e violenta onnipotenza del regime, brilla la testimonianza di Liu Xiaobo, il più grande “contributo all’umanità” negli ultimi “500 anni” della storia cinese.

     

    Non è rimasto nulla,

    eccetto i numeri[1]

    relativi alla tua vita:

    55, 

    64, 

    89, 

    08, 

    17, 

    713, 

    61.

    Alla fine, tu hai lasciato parole di amore,

    Io non ho paura della morte.

    Lei già trepida per la vita,

    per cui lasciatela andar via

    e lasciate me morire.

     

    Il muro è alto

    e l’allodola non può sorvolarlo,

    può solo cinguettare.

     

    Per completare il ricordo:

    Alla sera del 13 luglio, celebrata la S. Messa, inaspettatamente ho richiesto con insistenza ai fedeli di cantare il canto “Il riposo delle anime”. Rientrato a casa, ho saputo della tua morte. Non avevo pensato che il canto ‘Il riposo delle anime’ fosse per te. Sebbene non cantiamo bene, ti auguriamo sinceramente di raggiungere il riposo eterno.

    Il 6 luglio, si pubblica “Guarda, due figure che soffrono!” [la foto di Liu Xiaobo malato e di sua moglie Liu Xia-ndr]. Qualcuno chiede senza riflettere: Due ciechi? Che fanno?  Chi sono?  Come sono? In Cina troppe persone non vi riconoscono. Ma di fatto, oltre al nome, quanto anch’io conosco di voi?

    Le grandi anime accompagnano certamente le sofferenze infinite della vita. 

    Qualcuno dice: la Cina negli ultimi 500 anni non ha dato nessun contributo all’umanità.

    Oggi, la Cina ha offerto un uomo al mondo, una persona il cui nome può essere iscritto nella storia della civiltà umana.

    Tale nome, questa notte, illumina le tenebre del cuore umano, la paura è che sia solo per un istante. Ma io credo, verrà il giorno in cui questo nome accenderà una fiaccola e illuminerà questa terra! 

     


    [1] I “numeri” di cui parla la poesia iniziale sono le date dei maggiori eventi nella vita di Liu Xiaobo: 1955, la nascita; 64 e 89, il 4 giugno 1989, data del massacro di Tiananmen; 08, è il 2008, data del suo arresto, ma anche il documento per cui egli è stato arrestato per “sovversione”, la Carta ’08; 17 e 713, la data della sua morte: 13 luglio 2017; 61, sono gli anni che ha vissuto.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2017 08:52:00 CINA
    Dottori stranieri invitati in Cina a curare il ‘sovversivo’ Liu Xiaobo, Premio Nobel per la pace

    Gli esperti di medicina provengono da Stati Uniti e Germania. Speranze che il dissidente possa essere portato all’estero per le cure. Lettera aperta ai leader del G20 perché premano su Xi Jinping, che sarà presente all’incontro di Amburgo. Visitatori all’ospedale non hanno trovato il malato.



    07/09/2010 CINA
    Shenzhen e le riforme politiche, le ambiguità di Wen Jiabao e Hu Jintao
    Il presidente cinese suggerisce che la metropoli delle modernizzazioni vari anche riforme politiche, ma “con caratteristiche cinesi”. Due settimane prima il premier Wen Jiabao aveva perorato riforme politiche senza di cui anche la modernizzazione economica fallisce. Discussioni fra gli attivisti democratici. Secondo alcuni, il potere cinese “non ha la volontà di riconoscere valori accettati internazionalmente”.

    08/07/2017 12:05:00 HONG KONG - CINA
    Cristiani di Hong Kong pregano per Liu Xiaobo e sua moglie. Card. Zen: Dire la verità come lui

    Una veglia di quasi 300 cattolici e protestanti per ricordare il grande dissidente malato di cancro al fegato in fase terminale, e sua moglie. Liu è “la coscienza della Cina”. Card. Zen: E’ come un profeta dell’Antico Testamento. Rev Wu: I suoi scritti sono pieni di valori cristiani. Cartoline da firmare e spedire alla famiglia Liu: “Xiaobo, siamo con te”.



    07/07/2017 08:35:00 CINA
    I dottori ai familiari di Liu Xiaobo: Preparatevi alla sua morte

    Interrotte le cure contro il cancro al fegato; applicate solo le cure contro il dolore. L’invito a specialisti dagli Stati Uniti e dalla Germania è fermo per questioni burocratiche. Gli amici di Liu sospettano che le autorità vogliano abbandonarlo alla morte.



    26/06/2017 10:56:00 CINA
    Il dissidente Liu Xiaobo esce dalla prigione: è malato di cancro terminale al fegato

    Gli è stato concesso di curarsi fuori del carcere. Non cercherà trattamenti medici all’estero. Nel 2009 era stato condannato a 11 anni per “sovversione contro lo Stato”: aveva compilato il manifesto di Carta ’08. Mentre era in prigione, nel 2010 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la pace.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®