22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/01/2018, 13.24

    INDIA

    Madhya Pradesh, preghiere indù nelle scuole cattoliche. Mons. Mascarenhas: i fondamentalisti torneranno



    Ieri la polizia ha disperso circa 900 dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad, che hanno programmato un altro raid il 16 gennaio. Dopo gli scontri con gli agenti, gli indù “sono andati via arrabbiati”. Gli insegnanti e il governo sostengono i cristiani.

    Vidisha (AsiaNews) – I fondamentalisti indù che ieri hanno accerchiato il complesso di un college cattolico a Vidisha, in Madhya Pradesh, “torneranno il 16 gennaio”. Lo comunica ad AsiaNews mons. Theodore Mascarenhas, segretario generale della Conferenza episcopale indiana. Egli si trova nella cittadina indiana, dove ieri si sono radunati circa 900 integralisti dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad (Abvp), che pretendevano di entrare nell’istituto cattolico e celebrare il culto indù per Bharat Mata, cioè la “Madre India”. Il vescovo riferisce che “oggi la folla si è dispersa, ma la situazione rimane tesa. Lancio un appello a tutto il mondo: pregate per le comunità cristiane”.

    Il segretario dei vescovi riferisce che ieri gli indù, un’ala giovanile del Bjp (Bharatiya Janata Party, partito nazionalista indù al governo), hanno “tentato di entrare con la forza St. Mary’s Post Graduate College, ma sono stati respinti dai poliziotti inviati dal ministro dell’Interno Rajinath Singh. Ci sono stati degli scontri e per sedare gli animi gli agenti hanno anche usato i bastoni”. “I fondamentalisti se ne sono andati arrabbiati e dicono che i nostri sacerdoti sono ‘antinazionali’”.

    Appreso della situazione incandescente, mons. Mascarenhas si è precipitato a Vidisha “per portare conforto ai sacerdoti e alla suore, che sono molto demoralizzati”. Oggi egli ha parlato con gli insegnanti del campus: “Nello stesso recinto ci sono una scuola e due college, per un totale di circa 300 insegnanti in maggioranza non cristiani. Ho spiegato loro quali sono le motivazioni che ci spingono a non celebrare riti indù e tutti loro hanno detto di essere d’accordo con la direzione del college”. “Non è una questione di cristiani o non cristiani – sottolinea – ma una questione di legge vigente nel Paese. Siamo un’istituzione di minoranza e la folla non può venire e dettare le sue regole all’amministrazione di una scuola. Oggi gli integralisti chiedono di celebrare un rituale votivo, domani imporranno di cacciare di un insegnante. Non possiamo lasciare la legge nelle mani di queste persone”.

    Sul futuro della piccola comunità cristiana di Vidisha, circa 3600 su una popolazione totale di 10 milioni di abitanti, mons. Mascarenhas afferma: “Siamo preoccupati, dovremo chiedere ancora l’intervento del governo. Intanto ringraziamo l’aiuto dell’amministrazione federale e statale, che hanno adottato tutte le misure necessarie”. Infine lancia un appello: “Chiedo una preghiera per tutte le nostre piccole comunità”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2018 09:10:00 INDIA
    Madhya Pradesh, scuola cattolica costretta a celebrare riti indù

    L’incidente riguarda il St. Mary’s Post Graduate College di Vidisha. Radicali indù dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad minacciano ritorsioni. Numerosi episodi di intimidazione contro istituzioni e cattolici.



    04/01/2018 12:12:00 INDIA
    Mons. Mascarenhas: è terrorismo imporre il culto indù nelle scuole cattoliche

    Circa 900 attivisti dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad sono radunati davanti al St. Mary’s Post Graduate College di Vidisha. Il ministro dell’Interno manda 400 poliziotti a ristabilire l’ordine. I vescovi augurano un 2018 “di pace e armonia”.



    16/12/2017 09:25:00 INDIA
    La Chiesa indiana condanna l’attacco a seminaristi e sacerdoti in Madhya Pradesh

    A Satna i cattolici sono stati tenuti in ostaggio dai fondamentalisti indù. Mons. Mascarenhas: “L’accusa di conversione forzata contro di loro è vuota e ridicola”. “È tempo di andare oltre le parole e le promesse”. “Terroristi indù si travestono da polizia religiosa”.



    08/01/2018 13:11:00 INDIA
    Madhya Pradesh: la Chiesa serve lo sviluppo della società, ma le scuole cattoliche sono attaccate

    A Vidisha il St. Mary’s Post Graduate College è minacciato dai fondamentalisti. P. Biju illustra l’opera sociale della diocesi di Sagar. L’associazione Manav Vikas Seva Sangh fondata 27 anni fa e serve 286 villaggi di tribali.



    21/02/2013 INDIA
    Madhya Pradesh: fondamentalisti indù attaccano i cristiani (anche) dentro casa
    In due diversi incidenti, pastori pentecostali sono stati accusati di praticare conversioni forzate. Il presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic): “La nostra Costituzione garantisce piena libertà di culto, e per il Codice penale non è reato pregare in casa”.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®