14/05/2013, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Madhya Pradesh: bambine in vendita al “miglior fidanzato”. Quello che paga di più

di Nirmala Carvalho
Per tradizione, le comunità tribali del distretto di Rajgarh contrattano anche quattro “fidanzamenti” per le loro figlie minorenni, che venderanno a chi offre più soldi. Bambini venduti come schiavi per pagare debiti. Lenin Raghuvanshi, attivista per i diritti umani: “La povertà estrema disumanizza la comunità”. Le autorità restano in silenzio.

Mumbai (AsiaNews) - Vendute una, due, tre, quattro volte, ad appena 13 anni, al miglior offerente. Accade in India nelle comunità tribali del distretto di Rajgarh (Madhya Pradesh), dove per tradizione i genitori contrattano diversi matrimoni per le loro figlie, sin da quando sono molto piccole, per riuscire a ottenere l'offerta più alta possibile. Una pratica, spiega ad AsiaNews Lenin Raghuvanshi, direttore del People's Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), "molto comune nel distretto, che è un importante centro buddista, ma è noto per l'estrema povertà della sua gente e l'assoluta indifferenza dinanzi a riforme sociali o giustizia sociale".

Questa combinazione di fattori - povertà e mancanza di sviluppo - favorisce casi come quello di Babita (nome fittizio per ragioni di sicurezza). A soli 13 anni, suo padre ha organizzato e sciolto quattro diversi "fidanzamenti", perché di volta in volta il nuovo pretendente offriva più soldi del precedente, sufficienti per ripagare lo scartato e la famiglia di lei.

Le autorità sono consapevoli del fenomeno: tra gennaio 2011 e aprile 2013 la polizia ha registrato 55 denunce. Tuttavia, nessuno fa niente, e gli arresti avvengono solo in casi manifesti di violenza o altri reati. "Questa gente - spiega Raghuvanshi - vive da generazioni in povertà, piena di debiti, senza legami. È una situazione disumanizzante di cui sono vittime gli elementi più fragili e vulnerabili della famiglia: le donne e i bambini. Che possono essere venduti a seconda delle esigenze".

Il distretto di Rajgarh, sottolinea l'attivista per i diritti umani, "è tristemente famoso per lo sfruttamento minorile, in genere per ripagare debiti. Nonostante sia vietato, forme di semi-schiavitù continuano a esistere, e i bambini vengono venduti e acquistati per soddisfare ogni tipo di bisogno". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Elezioni in India: dieci cristiani tra i candidati nel Madhya Pradesh
18/11/2008
Papa: ai fidanzati, ricordate "per sempre" che l'altro è "un dono di Dio"
14/02/2014
India, 60 milioni di bambine non nate per gli aborti selettivi
11/10/2019 12:13
Salesiano indiano: Il “parlamento dei bambini” per evitare il fenomeno delle spose precoci
11/10/2016 12:06
Coronavirus e povertà: l’aiuto alle vedove e il grazie alla Madonna
14/05/2020 12:27