21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/04/2005, 00.00

    malaysia

    Malaysia, no alle Bibbie in lingua locale



    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – Il governo malaysiano è diviso sulla questione della circolazione di Bibbie scritte in lingua locale: un ministro ha dichiarato che"secondo la nostra Costituzione" tale pratica è illegale, un altro si è opposto a tale discriminazione.

    La polemica è sorta a metà aprile quando il ministro Datuk Seri Mohd Nazri Abdul Aziz Nazri ha affermato che la proibizione di Bibbie scritte in Bahasa Malaysia o in Bahasa Indonesia (due lingue locali) è sancita dai tempi dell'indipendenza (1957) secondo la Costituzione e che la politica di "non diffusione" di altre religioni diverse dall'islam è "radicata" nella carta costituzionale.

    I quotidiani nazionali The Star e The Sun hanno riferito che Datul ha voluto rinnovare il divieto per impedire che "le Bibbie in malaysiano vengano usate per convertire la gente al cristianesimo". The Sun aggiungeva inoltre che secondo il ministro coloro che fossero trovati in possesso di Bibbie in lingua locale "sarebbero incorsi in giudizio".

    Da tale posizione si è discostato Tan Sri Bernard Dompok, altro esponente dell'esecutivo, che ha affermato che "la lingua nazionale può essere usata per tutti gli scopi, compreso quello di culto". Egli ha aggiunto che già oggi è possibile possedere Bibbie in idiomi locali su concessione delle autorità competenti. Le Bibbie scritte in inglese possono circolare liberamente per il paese.

    I cristiani malaysiani hanno reagito con preoccupazione a questa notizia: Wong Kim Kong il segretario della National Evangelical Christian Fellowship (NECF), ha detto che il divieto "contrasta con la politica del premier Badawi che cerca di promuovere l'armonia religiosa nel paese".

    Wong ha denunciato che il divieto colpisce i molti cristiani malaysiani che non conoscono l'inglese: "Almeno il 50% dei cristiani della zona orientale del paese non parlano inglese e usano le Bibbie tradotte" ha affermato Wong. "Le dichiarazioni di Nazri hanno causato confusione e preoccupazione nella comunità cristiana".

    La Malaysia conta 25 milioni di abitanti: i musulmani sono il 53% della popolazione, i cristiani il 6,5%. (LF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/02/2008 MALAYSIA
    Cristiani: il governo vieti chiaramente la confisca di materiale religioso
    Mons. Tan, presidente della Christian Federation of Malaysia, interviene oggi sul caso di un sequestro di 32 Bibbie eseguito all’aeroporto di Putrajaya da un impiegato del servizio clienti. Le autorità si son già scusate e hanno promesso di restituire il materiale alla proprietaria, ma il vescovo chiede di più: Kuala Lumpur deve emanare “una direttiva che vieti questi episodi contrari alla libertà religiosa”.

    30/10/2013 MALAYSIA
    Sabah, "sequestro preventivo" del settimanale cattolico che non può più usare la parola "Allah"
    Duemila copie dell’Herald bloccate all’aeroporto di Kota Kinabalu. Il via libera arrivato a distanza di giorni, grazie all’intervento dell’arcidiocesi di Kuala Lumpur che ha interpellato un politico cattolico locale. Il sequestro ha di fatto impedito la distribuzione delle copie per la messa domenicale. Gruppi attivisti: violata la libertà religiosa.

    14/10/2013 MALAYSIA
    Malaysia, proibito ai cristiani l’uso della parola "Allah". Cattolici annunciano ricorso
    Questa mattina il tribunale di secondo grado ha stabilito che la parola è di uso “esclusivo” dei musulmani. Il direttore di "Herald Malaysia", p. Lawrence, si dice “contrariato e sbigottito” e si rivolgerà alla Corte federale per ottenere giustizia. Ministro dello Stato di Sarawak (Borneo) assicura: Da noi i cristiani potranno continuare a usare la parola Allah.

    21/09/2005 MALAYSIA
    I malay convertiti al cristianesimo "non possono rinunciare all'Islam"

    Schiere di convertiti sono bollati come "apostati" , praticano la loro nuova fede cristiana di nascosto e temono le violenze della sharia. Per la Costituzione "cittadino malay è colui che professa l'Islam".



    31/08/2007 MALAYSIA
    A 50 anni dall’indipendenza, ancora un sogno l’“unità” della Malaysia
    Kuala Lumpur in festa per l’anniversario dell’indipendenza dalla Gran Bretagna. Il governo pone l’accento sul progresso economico e l’unità della nazione. Ma nel Paese le politiche discriminatorie contro le minoranza etniche e la crescita di un islam conservatore minacciano la crescita, l’armonia sociale e la Costituzione laica. La Conferenza episcopale denuncia “l’erosione dei diritti fondamentali” e invita i cattolici a “promuove il dialogo”.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®