27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/01/2010, 00.00

    MALAYSIA

    Malaysia: attaccate quattro chiese cristiane, nella diatriba sull'uso di "Allah"



    Tre luoghi di culto protestanti e uno cattolico nel mirino dei fondamentalisti islamici. Danneggiati gli uffici amministrativi della Metro Tabernacle Church. Rotti i vetri e le carrozzerie di alcune auto di proprietà dei cattolici. Il direttore del settimanale cattolico Herald conferma “pressioni” su governo e magistratura per “cancellare la sentenza della Corte suprema”.
    Kuala Lumpur (AsiaNews) – “Non vi è un pericolo immediato, ma la situazione è comunque preoccupante”. È quanto riferisce ad AsiaNews p. Lawrence Andrew, direttore del settimanale cattolico Herald, commentando l’attacco “a tre chiese protestanti e una cattolica” avvenuti la scorsa notte. Il sacerdote conferma inoltre “una campagna di propaganda nazionale” della maggioranza musulmana, secondo cui “il nome Allah può essere usato solo per riferirsi al Dio dell’islam”.
     
    Verso la mezzanotte di ieri un’esplosione ha danneggiato gli uffici amministrativi della Metro Tabernacle Church, una chiesa protestante a Kuala Lumpur. Altri tre luoghi di culto cristiani, fra i quali la chiesa cattolica dell’Assunzione a Petaling Jaya, hanno subito attacchi. Gli assalitori hanno lanciato una bomba Molotov all’interno dell’edificio, che ha causato danni minimi. P. Lawrence riferisce che, oltre ai luoghi di culto, sono state attaccate alcune “auto di proprietà dei cattolici: carrozzerie danneggiate e vetri infranti, ma non vi sono feriti”.
     
    A scatenare la rabbia dell’ala fondamentalista del Paese la decisione – il 31 dicembre scorso – dei giudici di consentire anche ai cristiani l’uso della parola “Allah” in riferimento a Dio. Una decisione avversata dal governo, che ha annunciato il ricorso contro la decisione della Corte Suprema. Oggi per le vie della capitale si è svolta una manifestazione di protesta, promossa da 58 ong musulmane, alla quale hanno partecipato circa 300 persone.
     
    “La protesta non ha fatto registrare incidenti – conferma ad AsiaNews p. Lawrence – perché la polizia ha fatto un buon lavoro. Le forze di sicurezza sono impegnate a mantenere la calma, per prevenire un’escalation delle violenze”. Il sacerdote spiega che in Malaysia è in atto una campagna di propaganda che mira a “esercitare pressioni sul governo”: l’islam è la religione di Stato, deve mantenere una posizione dominante e le norme devono essere in accordo con la legge islamica.
     
     “Siamo preoccupati – afferma il sacerdote – ma la situazione non è ancora di pericolo. Abbiamo avviato una stretta collaborazione con il governo, per contribuire a riportare la tranquillità del Paese”. Proprio per evitare ulteriori violenze, p. Lawrence conferma che “non useremo la parola Allah nelle edizioni del nostro giornale finché la magistratura non avrà emesso la sentenza definitiva”.
     
    “Oggi la tv ha trasmesso in tutto il Paese – conclude il sacerdote – la preghiera del venerdì. Durante il sermone si è ripetuto più volte che Allah è il Dio dei musulmani e essi soli lo possono utilizzare. È un tentativo di mettere sotto pressione i giudici, perché cancellino la sentenza della Corte suprema. Con un clima di questo genere, non sarà possibile svolgere un processo equo e giusto”.(DS)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2010 MALAYSIA
    Corte Suprema autorizza i cristiani a usare la parola Allah. Il governo fa ricorso
    Ministro per gli affari religiosi: proteggere il nome di Allah da “insulti e abusi”. Il sito internet del settimanale cattolico Herald attaccato dagli hacker. Il direttore: garantiti i diritti costituzionali di libertà religiosa e di parola.

    11/01/2010 MALAYSIA
    Nuovo attacco contro i cristiani in Malaysia: il nono in quattro giorni
    Non si placano le violenze legate alla diatriba sull’uso della parola Allah. Oggi colpita una chiesa nello stato centrale di Negeri Sembilan. Ieri altri quattro assalti contro chiese e scuole cristiane. Nonostante le violenze, i fedeli hanno partecipato in massa alle funzioni della domenica.

    06/02/2009 MALAYSIA
    Campagna stampa islamica contro il giornale cattolico, che non può difendersi
    I media islamici cercano di provocare accusando il giornale di usare la parola “Allah” e provocare ogni male sulla nazione. L’arcivescovo di Kuala Lumpur sceglie il silenzio - forse per non provocare tensioni inutili – e attende la decisione dell'Alta Corte. La Chiesa ha infatti citato il governo in tribunale perché il divieto viola la libertà religiosa garantita dalla Costituzione.

    27/01/2015 MALAYSIA - ISLAM
    Arcivescovo di Kuala Lumpur: la parola “Allah” può essere usata nella Bibbia e a messa
    In una lettera pastorale il prelato torna sulla controversia legale fra il giornale Herald Malaysia e il governo. Il bando dei giudici, avverte, è limitato al settimanale cattolico, la parola può essere usata nelle funzioni e nelle altre pubblicazioni. Mons. Leow invita i fedeli a coltivare “fede e speranza” e a lottare per la giustizia e la verità.

    22/01/2015 MALAYSIA - ISLAM
    Arcivescovo di Kuala Lumpur: La sentenza sulla parola 'Allah' mette a rischio la libertà religiosa
    Mons. Julian Leow sottolinea che il verdetto potrebbe “scoperchiare un vaso di Pandora”. Il prelato teme una“progressiva riduzione dei diritti delle minoranze” e “ingerenze crescenti nella sfera religiosa”. P. Lawrence, direttore dell'Herald, auspica che “i diritti delle minoranze non siano calpestati”. Oggi nuova decisione avversa per i cristiani in una vicenda analoga a quella del giornale cattolica.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®