18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/02/2018, 08.55

    FILIPPINE-KUWAIT

    Manila, abusi e violenze: ‘Divieto totale’ ai lavoratori filippini in Kuwait



    Nel Paese medio-orientale vi sono oltre 250mila lavoratori filippini. I lavoratori domestici non sono coperti dalla legislazione ordinaria dell’emirato sul lavoro. Il presidente Duterte al Kuwait: “C'è qualcosa di sbagliato nella vostra cultura e nei vostri valori?”

    Manila (AsiaNews/Agenzie) – Approfittando di un programma di amnistia sottoscritto con il governo del Kuwait, il dipartimento per gli Affari esteri delle Filippine dispone il rimpatrio di 10mila lavoratori migranti che si sono trattenuti nell’emirato. Ciò segue il “divieto totale” imposto due giorni fa da Manila in materia di nuova occupazione in Kuwait, che comprende i migranti già in possesso dei permessi di lavoro ma non ancora partiti per il Paese del Golfo. In precedenza, il presidente Rodrigo Duterte si era scagliato contro il Kuwait per i frequenti casi di abusi e sfruttamento cui sono soggetti i lavoratori filippini.

    Secondo le stime del ministero degli Esteri, in Kuwait vi sono oltre 250mila lavoratori filippini, la maggioranza dei quali è impiegata come personale di servizio. Nell’emirato, i lavoratori domestici non sono coperti dalla legislazione ordinaria sul lavoro. Gruppi di attivisti per i diritti umani hanno documentato abusi diffusi, tra cui il mancato pagamento delle retribuzioni, lunghi orari di lavoro senza giorni di riposo, aggressioni fisiche e sessuali e nessun canale chiaro di riparazione.

    Lo scorso gennaio, il governo delle Filippine aveva sospeso l'invio di lavoratori in Kuwait, dopo che Duterte aveva dichiarato che gli abusi da parte dei datori di lavoro hanno spinto diversi aiutanti domestici a suicidarsi. La nuova misura disposta da Manila segue il ritrovamento, la scorsa settimana, del corpo della 29enne Joanna Demafelis, domestica filippina, nel congelatore di un appartamento in Kuwait. Si sospetta che il corpo sia stato conservato nel congelatore per più di un anno. Il 9 febbraio 2018, Duterte ha lanciato un duro attacco all’indirizzo del Paese mediorientale. In un acceso discorso pubblico, egli ha brandito la fotografia della giovane donna, denunciando gli abusi sessuali subiti dalle lavoratrici, spesso costrette anche a cibarsi degli scarti dei datori di lavoro.  Rivolgendosi al Kuwait, il presidente ha dichiarato: “C'è qualcosa di sbagliato nella vostra cultura? C'è qualcosa di sbagliato nei vostri valori?”.

    Oltre 2,3 milioni di filippini sono registrati come lavoratori all'estero. Essi inviano a casa ogni mese più di 1,6 miliardi di euro, denaro che alimenta una delle economie in più rapida crescita del mondo. Manila guarda ora a Cina e Russia come “mercati alternativi” per i lavoratori migranti filippini.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/01/2018 08:36:00 FILIPPINE-KUWAIT
    Duterte: ‘Stop ai nostri lavoratori in Kuwait. Abusati e maltrattati'

    Sette lavoratori filippini sono morti in circostanze misteriose. “Situazione non più accettabile”. Vi sono oltre 250mila filippini in Kuwait, la maggioranza dei quali è impiegata come personale di servizio. Oltre 2,3 milioni di filippini sono registrati come lavoratori all'estero. Essi inviano a casa ogni mese più di 1,6 miliardi di euro.



    13/11/2004 MEDIO ORIENTE
    La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo

    Sono asiatici e cristiani: soprusi, mancanza di protezione legale e violenze all'ordine del giorno.



    01/03/2016 10:41:00 FILIPPINE – KUWAIT
    Vescovo di Balanga: Grazie alla Chiesa, migliora la situazione dei filippini in Kuwait

    Il presidente della Commissione episcopale filippina per i migranti e gli itineranti conferma ad AsiaNews la “parziale amnistia” concessa dall’emirato: “Invitiamo i nostri connazionali a fare di tutto per mettersi in regola, è importante essere sempre nella legalità”. I lavoratori filippini all’estero sono circa 10 milioni, quasi due soltanto nei Paesi del Golfo: “Sono missionari ed evangelizzatori, il governo li deve difendere”.



    25/02/2016 12:53:00 FILIPPINE
    Vescovo di Balanga: Salviamo i 90 migranti filippini nel braccio della morte

    Mons. Santos, presidente della Commissione per la cura dei migranti: “È arrivato il tempo alleviare le sofferenze di tutti gli altri. Il governo non li abbandoni”. Almeno 3.800 lavoratori filippini sono in carcere all’estero, 90 dei quali nel braccio della morte, 41 in Malaysia e 27 in Arabia Saudita. Due giorni fa Joseph Urbiztondo, detenuto per 25 anni in Kuwait, è riuscito a pagare il “prezzo del sangue” e ad avere salva la vita.



    13/11/2014 QATAR - FIFA
    Mondiali 2022, il Qatar sarà assolto dalle accuse di corruzione
    Lo annuncia una fonte alla Bbc. Il Paese mediorientale si è aggiudicato il prestigioso torneo nel 2010 battendo Australia, Usa, Corea e Giappone. Ma i dirigenti della Federazione internazionale sarebbero stati "convinti" con tangenti per un totale di circa 4 milioni di euro. Nessun passo avanti nella situazione dei migranti, i nuovi schiavi costretti a costruire gli stadi nel deserto.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®