26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/03/2017, 12.48

    FILIPPINE

    Manila, in via di approvazione la pena di morte. L’ultimo appello dei vescovi filippini



    La proposta di legge è passata ieri in seconda lettura. Martedì 7 marzo la definitiva approvazione. La Chiesa richiama i parlamentari ai valori cristiani e ad opporsi al provvedimento. I vescovi chiedono la votazione nominale. Il cardinale Luis Antonio Tagle: “La vita umana è un dono di Dio, non possiamo far finta di essere dèi".

    Manila (AsiaNews/Cbcp) – In occasione del Mercoledì delle Ceneri, inizio del tempo di Quaresima, i vescovi filippini hanno lanciato un ultimo appello ai legislatori, chiedendo loro di opporsi alla reintroduzione della pena di morte per reati legati alla droga, prossima all’approvazione.

    Il governo intende ratificare il disegno di legge il 7 marzo prossimo, nella sua terza e finale lettura. I rappresentanti della Chiesa hanno altresì esortato i parlamentari ad esprimere il proprio parere in una votazione nominale.

    Mons. Broderick S. Pabillo, vescovo ausiliare di Manila, ha anche criticato la scelta dell’assemblea legislativa di approvare, in seconda lettura con votazione a voce (anonima), il controverso provvedimento di reintroduzione della pena capitale.

    “La Camera bassa - ha dichiarato mons. Pabillo - ha scelto la morte e non la vita. Hanno anche avuto paura di essere identificati. Si sono rifiutati di votare in maniera nominale”.

    Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per l’assistenza pastorale ai carcerati, ha affermato che il passaggio del disegno di legge di ieri era in gran parte previsto. Egli ha sostenuto: “Hanno scelto la strada che porta alla morte invece di battersi per la vita in questo tempo di Quaresima”.

    Ramon Arguelles, arcivescovo emerito di Lipa, ha anche detto che è ironico che la misura sia stata approvata il Mercoledì delle Ceneri, “il primo giorno di un tempo di conversione dalle malvagità”. Il prelato ha aggiunto: “I legislatori scelgono di andare contro la Parola di Dio. Scelgono la morte in nome del popolo”.

    Il cardinale Luis Antonio Tagle di Manila aveva in precedenza affermato, nel suo invito ai parlamentari a respingere la pena di morte, che gli uomini non possono far finta di essere dèi. Egli ha ricordato che la vita umana è un dono di Dio, in quanto ogni persona è creata a Sua immagine e che ogni essere umano è salvato da Gesù Cristo. "Al cospetto di Dio, la sorgente della vita, noi siamo umili. Non possiamo far finta di essere dèi – le parole di Tagle".

    "Questo è il motivo – ha avvertito il cardinale – per cui un'etica della vita, una cultura della vita, non è coerente con l'aborto, l'eutanasia, il traffico di esseri umani, le mutilazioni e la violenza contro persone innocenti e vulnerabili".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2017 14:45:00 FILIPPINE
    Manila, mons. Pabillo: ‘Ingiustificabile’ la guerra alla droga di Duterte

    “Non è altro che una serie di assassinii extragiudiziali”. Più di 12mila vittime nelle operazioni di polizia. Tossicodipendenti e famiglie, l’azione della Chiesa per l’assistenza ed il recupero. Gonfiati i dati del governo sull’utilizzo di droghe nel Paese.



    21/08/2017 10:25:00 FILIPPINE
    Il card. Tagle contro la guerra alle droghe di Duterte: ‘Stop allo spreco di vite umane’

    In meno di quattro giorni, la polizia ha ucciso 32 presunti spacciatori a Bulacan e altri 49 a Manila. Il card. Luis Antonio Cardinal Tagle, arcivescovo di Manila, invita il governo al dialogo: “Il problema della droga non deve esser ridotto ad un problema politico o penale. Esso è una questione umanitaria che colpisce tutti noi”. “Ricordate le parole che Dio disse a Caino, il quale aveva ucciso suo fratello Abele: ‘La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!’ (Genesi 4:10)”.



    01/03/2017 13:15:00 FILIPPINE
    Vescovo di Manila: è ‘vendetta politica’ l’arresto della senatrice De Lima

    La senatrice aveva indagato il presidente. Mons. Pabillo: “Vogliono fargliela pagare”. La Chiesa filippina unita contro una cultura di morte: “Educare le persone e raddoppiare gli sforzi per affrontare i problemi”.



    08/09/2017 08:57:00 FILIPPINE
    Card. Tagle: Le campane a morto contro la distruzione delle vite

    L’arcivescovo di Manila rilancia la tradizione del suono delle campane alla sera per ricordare i defunti. “Non possiamo promuovere una cultura filippina umana e decente con le uccisioni”. L’appello a pastori e laici per la solidarietà con le vittime e le loro famiglie, in polemica con la campagna di "pulizia" lanciata dal presidente Duterte.



    15/03/2017 15:38:00 FILIPPINE
    La polizia filippina invita i sacerdoti nelle violente operazioni antidroga

    La Conferenza episcopale filippina respinge la proposta legata alla campagna antidroga del governo Duterte. “La Chiesa sostiene qualsiasi strategia se non comporta uccisioni, corruzione e ingiustizie”. La vice presidente Leni Robredo critica la guerra alla droga: “i filippini ora sono disperati e indifesi”. Le ritorsioni del presidente Duterte contro i suoi avversari.





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®