22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/11/2017, 14.48

    FILIPPINE

    Manila, l’impegno dell’Asean per la tutela dei lavoratori migranti



    Trattamento equo, diritti familiari e documenti al centro di un accordo siglato. Mons. Ruperto Cruz Santos: “Iniziativa amorevole ed utile”. L’intesa “fulcro” della presidenza filippina al blocco Asean. Malesia, Singapore e Thailandia i centri migratori con 6,5 milioni di immigrati, il 96% del totale. Nel 2015, circa 52,8 miliardi di euro inviati dai lavoratori verso i Paesi di appartenenza.

    Manila (AsiaNews) – L’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (Asean) si impegna a tutelare e promuovere i diritti dei lavoratori migranti nella regione. I leader dei 10 Stati membri dell’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (Asean), riuniti a Manila per il 31mo vertice Asean (foto), hanno sottoscritto oggi l’Asean Consensus on the Protection and Promotion of the Rights of Migrant Workers.

    Tra le disposizioni dello storico documento vi sono: il sostegno ad un trattamento equo dei lavoratori migranti; il riconoscimento dei diritti di visita da parte dei membri della famiglia; il divieto del sequestro dei passaporti. L’accordo inoltre bandisce gli oneri di sovrapprezzo delle tasse di collocamento e di assunzione, la regolamentazione delle agenzie per l’impiego ed il rispetto del diritto dei lavoratori ad un equo salario e benefici, nonché ad aderire a sindacati ed organizzazioni.

    “È un’iniziativa amorevole ed utile”. Mons. Ruperto Cruz Santos, vescovo di Balanga e presidente della Commissione episcopale per i migranti e gli itineranti (Cbcp-Ecmi), plaude l’impegno dell’Asean nel tutelare e promuovere i diritti dei lavoratori migranti nella regione. “L’accordo manifesta la preoccupazione e la compassione dei leader dell’Asean per la situazione dei nostri lavoratori migranti”, afferma mons. Santos. “Con la loro presa di posizione condivisa, i diritti ed i privilegi di tutti i lavoratori migranti saranno protetti, promossi e rispettati. Questa decisione sarà un beneficio per chiunque, a prescindere dalla nazionalità”.  

    Il governo di Manila ha dichiarato che la firma dell’accordo è il “fulcro” della presidenza filippina al blocco Asean. Il portavoce del ministero degli Affari esteri Robespierre Bolivar ha affermato che una delle caratteristiche fondamentali dell'intesa è che il Paese ospitante possa offrire ai lavoratori migranti lo stesso livello di protezione dei propri cittadini.

    La migrazione intra-regionale è aumentata in maniera notevole tra il 1995 e il 2015, trasformando Malesia, Singapore e Thailandia in centri migratori con 6,5 milioni di immigrati, il 96% del numero totale di lavoratori migranti nel blocco Asean. È quanto riporta uno studio della Banca mondiale pubblicato lo scorso ottobre dal titolo “Migrare verso le opportunità”. Nel 2015, circa 52,8 miliardi di euro in stipendi sono stati inviati dai lavoratori verso i Paesi di appartenenza. I compensi rappresentano il 10% del Pil nelle Filippine, il 7% in Vietnam, il 5% in Myanmar ed il 3% in Cambogia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/06/2016 11:30:00 FILIPPINE
    La tratta di esseri umani “è il più crudele dei crimini. Ma non va punito con il patibolo”

    Il presidente della Commissione episcopale filippina per i migranti e gli itineranti, mons. Ruperto Santos, risponde al nuovo governo che vuole includere il traffico di uomini nella lista dei reati punibili con la morte. Il traffico “è un atto barbarico che viola la natura stessa dell’uomo. Ma lo si combatte con indagini serie e punizioni severe, fino all’ergastolo. Nessun uomo può uccidere un altro uomo in nome della legge”.



    08/01/2016 FILIPPINE
    Vescovo filippino: Rimpatriate i lavoratori migranti in Arabia Saudita e Iran
    Preoccupa l’escalation di tensione in Medio Oriente e le frizioni fra Riyadh e Teheran. Mons. Santos, presidente della Commissione per la cura dei migranti: “Dobbiamo garantire la sicurezza dei nostri lavoratori all’estero ed essere pronti a rimpatriarli, offrendo un lavoro nelle Filippine”. Soddisfazione e gioia per l’amnistia concessa dal Qatar a 10 filippini incarcerati.

    30/04/2015 FILIPPINE – INDONESIA
    Vescovo filippino: Preghiamo e speriamo che Mary Jane venga liberata presto
    Il presidente della Commissione per la cura dei migranti ad AsiaNews: “E’ un ostaggio, vittima di un traffico di esseri umani più grande di lei. Pensiamo che sopra la sua reclutatrice vi sia una rete più estesa, faremo di tutto per fermarla”. In agosto mons. Santos sarà in Kuwait e nei Paesi del Golfo: “Una missione per i nostri lavoratori all’estero. A loro dico: non date retta a chi promette soldi facili, ricordate sempre la vostra dignità di esseri umani”.

    25/02/2016 12:53:00 FILIPPINE
    Vescovo di Balanga: Salviamo i 90 migranti filippini nel braccio della morte

    Mons. Santos, presidente della Commissione per la cura dei migranti: “È arrivato il tempo alleviare le sofferenze di tutti gli altri. Il governo non li abbandoni”. Almeno 3.800 lavoratori filippini sono in carcere all’estero, 90 dei quali nel braccio della morte, 41 in Malaysia e 27 in Arabia Saudita. Due giorni fa Joseph Urbiztondo, detenuto per 25 anni in Kuwait, è riuscito a pagare il “prezzo del sangue” e ad avere salva la vita.



    06/11/2017 11:22:00 FILIPPINE
    Manila, una suora contro la tratta di persone

    La tratta di persone è un business dai grandi profitti, che coinvolge una vasta rete di associazioni criminali organizzate. Le donne ed i bambini delle comunità indigene e delle aree remote sono i più vulnerabili. L’esperienza della Visayan Forum Foundation e l’impegno di suor Cecil Espenilla contro il fenomeno.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®