25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2017, 16.01

    FILIPPINE - CINA

    Manila studia esplorazioni congiunte con Pechino nel mar Cinese meridionale



    Divise da tempo per il controllo dei mari dell’Asia-Pacifico, Filippine e Cina potrebbero lanciare una partnership strategica. Manila è alla ricerca di nuove fonti energetiche e di investimenti esteri per rilanciare l’economia. L’obiettivo è “normalizzare” i rapporti con Pechino dopo anni di tensioni.

    Manila (AsiaNews/Agenzie) - Le Filippine stanno “studiando in modo serio” la possibilità di promuovere esplorazioni congiunte con Pechino nel mar Cinese meridionale, alla ricerca di risorse naturali. Da tempo divise per il controllo di un’ampia porzione strategica nella regione Asia-Pacifico, le due nazioni potrebbero dar vita a una partnership strategica a conferma - una volta di più - del progressivo allontanamento di Manila dagli Stati Uniti. 

    Secondo quanto riferisce il neo ambasciatore filippino in Cina Jose Santiago Sta. Romana, il dipartimento dell’Energia e degli Affari esteri stanno già valutando alcuni studi di fattibilità relativi a iniziative congiunte. Per Manila è essenziale scoprire altre riserve di energia, dato che le scorte di gas naturale di Malampaya dovrebbero diminuire in maniera drastica entro i prossimi 10 anni. 

    Un tempo pronta a dare battaglia all’Onu per rivendicare i propri diritti nei mari, oggi Manila - sotto la presidenza Duterte - preferisce appianare le dispute mediante incontri faccia a faccia (secondo la linea caldeggiata da Pechino) e attirare gli investimenti delle imprese cinesi. La leadership di Manila si dice aperta a “esplorazioni congiunte” con la Cina nel mar Cinese meridionale e che intende “normalizzare” sempre più i rapporti con Pechino. 

    Le parole del neo ambasciatore in Cina confermano una linea già da tempo espressa dal presidente presidente filippino Rodrigo Duterte, che nell’ottobre scorso aveva compiuto una visita ufficiale a Pechino. Nel contesto della missione diplomatica in terra cinese, volta a rafforzare l’economia delle Filippine, il capo di Stato aveva sottolineato il cambio di passo in materia di politica estera introdotto dall’inizio del suo mandato. Duterte aveva affermato di voler allentare i rapporti “troppo stretti” con Washington e migliorare il dialogo con Pechino.

    “I cinesi hanno sempre considerato le Filippine come una pedina a livello geopolitico o un cavallo di Troia degli Stati Uniti. Adesso guardano a noi come a un vicino amichevole”. Del resto la Cina non si immischia negli affari interni di un altro Paese e si guarda bene dall’esprimere critiche alla lotta sanguinaria lanciata dal presidente Duterte contro i narcotrafficanti e i tossicodipendenti, come ha fatto Washington di recente. Una guerra condita anche da esecuzioni sommarie e omicidi extragiudiziali, che hanno attirato anche la condanna della stessa conferenza episcopale filippina

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/07/2012 FILIPPINE – CINA
    Mar Cinese meridionale: Manila mette all'asta tre aree contese da Pechino
    L’area contesa è al largo dell’isola occidentale di Palawan. Per il governo filippino la zona, ricca di gas naturali, si trova all’interno del territorio nazionale. Sottosegretario all’energia: “diritti non negoziabili”. All’asta prevista la partecipazione di compagnie locali e straniere, fra cui Total, Eni e Shell.

    15/04/2015 FILIPPINE - CINA

    Presidente filippino: l’imperialismo di Pechino nei mari può innescare un conflitto militare
    Per Benigno Aquino i governi internazionali "devono essere preoccupati" per la politica di Pechino nel mar Cinese meridionale. Egli non esclude la “possibilità di una escalation", che avrebbe gravi conseguenze. I progetti di costruzione di isolotti artificiali confermano la politica aggressiva della Cina.

    24/04/2015 FILIPPINE - CINA

    Mar Cinese meridionale: Manila accusa Pechino di "rapina a mano armata"
    Nuovi scontri fra pescherecci filippini e imbarcazioni cinesi nelle acque contese. La guardia costiera cinese avrebbe sparato cannonate d’acqua contro un gruppo di pescatori filippini; in precedenza alcune navi cinesi hanno abbordato, minacciato con pistole e derubato due navi filippine del carico. Manila presenterà una protesa formale.

    01/08/2012 CINA – ASIA
    Mar Cinese meridionale: Pechino nega atti “ostili”, ma prosegue la politica di espansione
    Per i vertici militari le decisioni servono solo a “tutelare gli interessi nazionali” e a perseguire “diritti legittimi”. E rilanciano la proposta di accordi bilaterali e soluzioni amichevoli. Tuttavia, nei fatti ostacolano i progetti economici dei Paesi vicini e lanciano critiche al governo giapponese per le rivendicazioni territoriali nel mar Cinese orientale.

    15/07/2015 FILIPPINE - CINA
    Vescovi filippini: una “oratio imperata” per la pace nel mar Cinese meridionale
    A conclusione dell’assemblea annuale, la Conferenza episcopale ha lanciato una preghiera da recitare in tutte le diocesi e parrocchie. Da tempo Manila e Pechino sono protagoniste di una controversia territoriale per il controllo dei mari. Mons. Villegas: "La pace è una missione primaria della Chiesa".



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®