22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/11/2016, 08.58

    INDIA

    Manmohan Singh: Un fallimento il bando delle rupie. Una razzia legalizzata



    Dopo oltre due settimane, la situazione per poveri e classe media non migliora. Ancora lunghe code agli sportelli, proteste e scontri hanno provocato 70 morti. Sospesi banchieri scoperti a rubare denaro. I partiti di opposizione propongono il “giorno della collera”. 

     

    New Delhi (AsiaNews) – L’ex primo ministro indiano Manmohan Singh ha stroncato la manovra economica dell’attuale premier Narendra Modi, che ha eliminato le banconote da 500 e 1000 rupie, e l’ha definita un “monumentale fallimento di gestione”. In una delle rare dichiarazioni pubbliche da quando ha perso le elezioni due anni fa, Singh ha detto che “l’iniziativa può indebolire ed erodere la fiducia del nostro popolo nel sistema monetario e il quello bancario”. Poi ha sentenziato: “È una razzia legalizzata”. 

    Ad AsiaNews una fonte cattolica riporta le tribolazioni della popolazione indiana, in particolare poveri e classe media, che da oltre due settimane lotta ogni giorno tra lunghe code agli sportelli delle banche e la mancanza di denaro contante per acquistare il cibo

    La decisione di ritirare le banconote più contraffatte ha gettato milioni di persone sul lastrico e rischia di portare il Paese alla rivolta. All’inizio la reazione, continua la fonte, “è stata entusiasta, davvero tutti si aspettavano che il premier avrebbe eliminato il mercato dei soldi falsi”. Ma poi con il passare dei giorni tutto è precipitato “a causa della grande disorganizzazione. Per esempio l’altro ieri [24 novembre] è stato l’ultimo giorno in cui alcuni esercizi commerciali, come i benzinai, hanno potuto accettare le vecchie rupie. Ora non è più possibile e ogni giorno vengono imposte nuove regole”.

    L’aumento della tensione, con numerosi episodi di violenza che finora hanno portato a 70 morti, non ha impedito il “proliferare di video caricaturali sui protagonisti di questa vicenda, primi tra tutti i 63 grandi imprenditori amici del premier graziati dalle banche. Si sono diffusi filmati che li riprendono mentre sono intenti a mangiare soldi”. 

    L’ironia dei social network non elimina le preoccupazioni sociali e le accuse contro il premier Modi. “Per giorni interi – riferisce la fonte – i partiti lo hanno atteso nelle riunioni del Parlamento ma lui non si è mai presentato. Modi è incolpato di aver voluto cambiare il Paese in poco tempo, ma non si è reso conto che l’India non era pronta. Voleva trasformarci in una ‘cashless economy’ come l’America, cioè economia fondata sulle carte di credito. Ma qui non è possibile”. Eppure, continua, “Modi non era ricco, proviene da una famiglia di umili origini e conosce come vive la maggioranza della popolazione. Adesso tutti dicono che egli si è dimenticato di come vivono le persone comuni”.

    Un’altra accusa rivolta al premier, è quella di aver sottovalutato come “funziona l’India: tanti banchieri sono stati sospesi perché scoperti a rubare soldi. Per esempio, su un totale di 10 milioni di rupie dati alla banca per sostituire il vecchio denaro, i dirigenti ne intascavano la metà. Modi voleva chiudere la porta della contraffazione, ma non ha capito la mentalità indiana, che trova sempre nuove soluzioni e chiudendosi una porta, apre altre 100 portoni”.

    La fonte non nasconde preoccupazioni per i prossimi giorni. I leader di 13 partiti di opposizione hanno chiamato a raccolta il popolo indiano organizzando un “giorno di collera” per lunedì prossimo [28 novembre]. “Non escludiamo – conclude – la possibilità di manifestazioni violente. Purtroppo già ci sono state. Per quanto possibile, a peggiorare ancora di più la situazione vi è l’atteggiamento di Modi, che ha bollato come ‘non patrioti, non amanti delle nazione’ coloro che protestano”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/11/2016 08:59:00 INDIA
    “Giorno della collera” contro il bando delle rupie: in piazza decine di migliaia di persone

    La protesta si è svolta in modo per lo più pacifico. I partiti di opposizione hanno chiamato a raccolta la popolazione contro l’eliminazione delle banconote più utilizzate. Premier chiede ai colleghi di partito di mostrare i propri estratti conto per fugare dubbi di complicità.



    10/11/2016 08:48:00 INDIA
    India, code interminabili davanti alle banche per scambiare le banconote eliminate dal commercio

    Ieri il governo ha eliminato i tagli da 500 e 1000 rupie. La decisione rientra nelle politiche contro la corruzione e la falsificazione del denaro. Le banconote bandite rappresentavano l’85% del denaro circolante.



    09/11/2016 09:11:00 INDIA
    Lotta alla contraffazione: ritirate le banconote da 500 e 1000 rupie

    I tagli ritirati sono i più usati e falsificati. La popolazione potrà scambiare le banconote false fino al 30 dicembre. Nel frattempo verranno immessi in circolazione nuovi tagli da 500 e 2000 rupie. Il mese scorso un maxi condono di redditi non dichiarati ha permesso il recupero di 8,9 miliardi di euro.



    15/11/2016 12:28:00 INDIA
    Una settimana dal ritiro delle rupie: cinema, mercati e negozi sono “deserti e in perdita”

    L’iniziativa del governo Modi è motivata dalla lotta alla contraffazione del denaro. La mossa a sorpresa ha gettato la popolazione nella miseria. Le nuove banconote non vengono accettate nei negozi. Anche Bollywood è in crisi. Diffuse le immagini di funzionari del Bjp in possesso dei nuovi tagli prima dell’annuncio della manovra.



    03/12/2016 11:24:00 INDIA
    Lettera aperta di un leader cristiano al premier Modi: Ripristini l’economia basata sui contanti

    Sajan K George scrive al capo del governo indiano. Lo avverte dei pericoli del bando delle banconote da 500 e 1000 rupie. L’eliminazione dei contanti affligge tutta l’economia. Sistema sociale e produzioni agricole in difficoltà. Intervenire prima del Natale.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®