26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 28/12/2016, 11.35

    CINA

    Mao Zedong, persecutore delle religioni, ora è adorato come un dio



    In occasione del compleanno del defunto leader, si offrono incenso, frutta, carta-moneta alle statue di Mao, addobbate come una divinità buddista o taoista. In 40mila alla veglia del 26 dicembre a Shaoshan, luogo di nascita del Grande Timoniere.

    Shaoshan (AsiaNews/Agenzie) – Mao Zedong, che in vita aveva cercato di distruggere le religioni, ora è adorato come un dio. Soprattutto nell’Hunan, la provincia da dove proveniva, si trovano spesso templi buddisti e taoisti dove troneggia la statua del Grande Timoniere, rivestito di panni gialli (il colore dell’imperatore e del Budda), a cui offrire incenso, frutta, carta-moneta (falsa) proprio come a un dio o allo spirito di un antenato.

    Secondo Radio Free Asia vi sono alcuni ricchi che hanno trasformato una stanza della loro casa in “cappella” privata, occupata dalla statua di Mao.

    Gli onori alle statue di Mao e al suo mausoleo in piazza Tiananmen a Pechino sono molto più evidenti nel giorno del suo compleanno, il 26 dicembre, la data in cui egli è nato nel 1893.

    A Shaoshan, il suo luogo di nascita, almeno 40mila persone sono giunte da varie parti del Paese per vegliare nella notte ricordando il defunto presidente.

    Il governo cinese mantiene una posizione ambivalente verso la memoria di Mao. Da una parte esso elogia il defunto leader per aver “fatto alzare” la Cina davanti a tutte le nazioni; dall’altra ha giudicato errori per almeno “il 30%” del suo pensiero, soprattutto con l’esperienza del Grande Balzo in avanti – che ha fatto morire per fame fra i 30 e i 50 milioni di abitanti – e la Rivoluzione culturale, quando la Cina si è trovata in una guerra civile con epurazioni, purghe, esecuzioni, scontri che hanno colpito milioni di persone.

    Negli ultimi decenni, davanti alla grande differenza fra ricchi e poveri e alla corruzione dilagante nel Partito, molti proletari hanno esaltato Mao e il periodo maoista come l’età d’oro del comunismo, dove erano assenti i problemi attuali, sfruttando l’elogio per Mao come una critica all’attuale leadership.

    Nel tentativo di evitare “la fine dell’Unione sovietica”, Xi Jinping ha posto il veto ad ogni critica al passato e al presente del Partito comunista, favorendo il revival delle “canzoni rosse”, i canti dei tempi di Mao, che esaltano il Grande Timoniere e i successi splendenti della Cina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/02/2016 14:38:00 CINA
    Xi Jinping usa la “cultura tradizionale” per lanciare un nuova Rivoluzione culturale

    Nel 50mo anniversario dell’inizio della disastrosa campagna ideologica lanciata da Mao Zedong, il suo successore accumula potere, costruisce un culto della personalità che non ha precedenti in epoca moderna, mette nel mirino ogni “influenza straniera” che possa “destabilizzare” la Cina. La feroce persecuzione dei cristiani ne è una prova lampante. E l’ossequio dei suoi sottoposti non fa ben sperare per il futuro. Un’analisi del grande esperto di Cina, per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.



    08/10/2014 CINA
    Il Quarto Plenum per salvare il Partito comunista cinese dalle sue contraddizioni
    La costituzione predica che chi governa è il popolo, ma il Partito è sopra il popolo e sopra la costituzione. La delusione per le aperture di Xi Jinping. Il confronto con Liu Xiaobo e Carta 08. La difficoltà di mettere insieme economia di mercato e centralizzazione; socialismo e tradizione cinese. Il terrore di finire come l'Urss.

    01/08/2014 CINA
    Xi Jinping vuole essere Mao. Ma non vuole imparare dai suoi errori
    La concentrazione dei poteri sul "numero 1" del Partito, dello Stato e dell'esercito ha scatenato una ridda di adulazione e il ritorno al culto della personalità "abolito" dopo la morte del Grande Timoniere. Ma lo stile e la gestione del potere della nuova leadership non tiene conto del fatto che, quando uno solo si innalza su tutti, si ritiene libero di compiere errori madornali. Un'analisi del grande esperto di Cina, per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.

    16/09/2016 15:29:00 CINA
    Con il processo agli avvocati, naufraga lo “stato di diritto” promesso da Xi Jinping

    I processi-farsa; le confessioni estorte sotto costrizione e pubblicizzate in tivu; il facile patriottismo sono gli ingredienti di un ritorno della giustizia in Cina come ai tempi della Rivoluzione culturale. Gli Stati Uniti e l’occidente accusati di “portare il caos” in Cina strumentalizzando i diritti umani. Avvocati, attivisti, editori liberali esautorati e arrestati. Xi Jinping si rimangia le promesse e nel Partito continua la guerra fra le fazioni. Per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.



    20/07/2016 10:46:00 CINA
    La nuova “Lunga Marcia” di Xi Jinping

    Il segretario generale del Partito ha deposto una corona di fiori al monumento che celebra la fine della Lunga Marcia, che portò al potere Mao Zedong. All’incontro di Beidaihe si teme lo scontro fra diverse fazioni.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®