27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/10/2008, 00.00

    INDIA

    Maoisti hanno ucciso lo Swami indù; il governo dell’Orissa ha nascosto le prove



    L’assassinio dello Swami è stata la scintilla da cui è partito il pogrom contro i cristiani. Richieste le dimissioni del governo dell’Orissa. La riconversione di tribali e paria cristiani all’induismo è un progetto in atto da decenni. Le organizzazioni cristiane chiedono di mettere fuorilegge le organizzazioni radicali indù

    Bhubaneshwar (AsiaNews) – Un leader maoista ha di nuovo rivendicato la morte di Swami Laxmanananda Saraswati, il cui assassinio ha scatenato il pogrom contro i cristiani in Orissa.

    Egi afferma che gli autori dell’eccidio hanno lasciato 2 lettere sul luogo del delitto, ma il governo ha taciuto per incolpare i cristiani e lasciare che venissero uccisi “per scopi elettorali”.

    Lo Swami, uno dei capi del gruppo radicale Vhp (Vishwa Hindu Parishad), è stato ucciso lo scorso 23 agosto nel suo ashram da un gruppo di armati. Da subito il Vhp e altre organizzazioni fondamentaliste hanno incolpato i cristiani anche se vi erano sospetti che gli autori fossero dei maoisti.

    Ora il leader maoista Sabyasachi Panda rivendica la morte dello Swami perché egli forzava i tribali a divenire indù. “Abbiamo ordinato la pena di morte per lui” ha detto Panda da un rifugio segreto. Egli ha aggiunto che i killer hanno lasciato due lettere, ma le autorità hanno nascosto le prove “per avere una scusa e attaccare i cristiani”. Panda afferma anche che egli ha cercato di diffondere la notizia della rivendicazione fra i giornali locali, ma essi si sono rifiutati di pubblicarla.

    “Dopo le violenze del dicembre 2007 [in cui ci sono state ancora violenze contro i cristiani in Orissa - ndr] abbiamo minacciato di ucciderlo se avesse continuato insieme ai suoi sostenitori a dare fastidio a tribali e dalit cristiani per far loro cambiare religione”.

    Swami Laxamananda Saraswati e il Vhp, da decenni accusano le Chiese cristiane di convertire tribali e dalit con la forza, con l’inganno e dietro promesse di  vantaggi economici. La loro campagna anti-cristiana è appoggiata da proprietari terrieri e commercianti, timorosi dell’emancipazione di dalit e tribali.

    Le (false) accuse contro i cristiani hanno scatenato una serie di violenze che hanno causato finora la morte di 61 persone, l’incendio di oltre 4 mila case di cristiani, la distruzione di 181 chiese e cappelle e di 13 fra scuole e centri sociali. Molti villaggi, soprattutto nel distretto di Kandhamal, sono ancora presi di mira. I radicali indù minacciano di morte chiunque non si riconverte all’induismo.

    Secondo il leader maoista,  il Chief minister dell’Orissa, Naveen Patnaik, dovrebbe dimettersi immediatamente per non aver difeso i cristiani e le loro proprietà.

    Anche le organizzazioni cristiane in India denunciano l’inazione del governo dell’Orissa e di quello centrale. Ma essi chiedono soprattutto la messa al bando delle organizzazioni indù radicali, accusate di essere vere e proprie “organizzazioni terroriste”. Il Vhp, l’Rss (Rashtriya Swayamsevak Sangh), il Bd (Bajrang Dal) hanno come progetto l’eliminazione delle minoranze e di tutte le religioni diverse dall’induismo. Esse trovano espressione politica e protezione nel Bjp (Bharatiya Janata Party), attualmente all’opposizione nella Confederazione, ma al potere in Orissa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/08/2011 INDIA
    Orissa, il governo vessa i cristiani. Ordine di demolizione per una chiesa
    Le famiglie cristiane di Nandagiri, ricollocate in quel luogo dopo i pogrom del 2008, hanno ricevuto un ordine di demolizione per la chiesetta che stanno costruendo, con i propri mezzi. Il Global Council of India Christians ha rivolto un appello alla Corte suprema contro la decisione del governo locale.

    23/08/2011 INDIA
    Tre anni fa i progrom dell’Orissa. Il vescovo: “La gente non ha rinnegato Cristo”
    L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar, Jonh Barwa, afferma che quegli eventi non furono “maledizione”. “Ci da' coraggio pensare che ora Kandhamal dà speranza alla Chiesa perseguitata in tutto il mondo. Dove c’è prova a persecuzione c’è anche luce”.

    16/08/2011 INDIA
    Alla Gmg la testimonianza dei pogrom cristiani di Kandhamal
    Una giovane insegnante e un sacerdote sono partiti dall’Orissa verso Madrid per partecipare alla Giornata mondiale della gioventù. “Se avrò la fortuna di poter incontrare Benedetto XVI personalmente, durante la Gmg, gli parlerò della gente cristiana di Kandhamal e della sua forte fede, a dispetto di ciò che abbiamo sofferto nei pogrom del 2007 e del 2008”.

    30/07/2009 INDIA
    Ucciso un sacerdote nel Karnataka
    Il vescovo esclude che sia stato ucciso per rapina. Il sacerdote è ricordato come una persona che aiutava persone di tutte le religioni. Il Global Council of Indian Christians chiede un’inchiesta ufficiale sulle violenze ai cristiani in Karnataka.

    09/06/2009 INDIA
    Orissa: tensioni nel Kandhamal. I cristiani ancora nel mirino degli estremisti
    Una donna cristiana riconosce l’assassino del marito incontrandolo al mercato. La polizia interviene e arresta l’uomo, ma subito fanatici indù manifestano davanti al posto di polizia per chiederne la liberazione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®