23 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/08/2012
CINA – STATI UNITI – VIETNAM
Mar Cinese meridionale: è guerra – di parole – fra Pechino e Washington
Pechino convoca il numero due dell’ambasciata Usa e accusa: gli Stati Uniti “manipolano” i fatti e “si immischiano” nelle vicende interne cinesi. Nei giorni scorsi il governo americano aveva criticato la decisione di creare una guarnigione militare nelle Paracel. Hanoi arresta 50 manifestanti, in piazza contro “l’imperialismo” cinese.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - La Cina ha convocato il numero due dell'ambasciata statunitense a Pechino, per protestare contro le recenti dichiarazioni del governo americano sulla situazione nel Mar Cinese meridionale. Nei giorni scorsi Washington ha criticato la scelta cinese di creare una guarnigione militare nella città di Sansha, cittadina dell'isolotto di Woody (nelle Paracel) formata nel giugno scorso da Pechino per il controllo della regione Asia-Pacifico. Per ora si tratta di un guerra verbale, ma è indice di un clima di tensione.

Nelle scorse settimane Pechino ha creato una divisione amministrativa e dato vita a una guarnigione militare in un isolotto delle Paracel, in una zona contesa da Vietnam e Filippine. Una mossa che ha scatenato le proteste di Hanoi e Manila, stretto alleato degli Stati Uniti nella regione. Sulla vicenda è intervenuto il 3 agosto scorso Patrick Ventrell, portavoce del Dipartimento di Stato Usa, che ha manifestato le "preoccupazioni" di Washington per "l'aumento della tensione nel Mar Cinese meridionale", causato anche dalle mosse di Pechino a Sansha che "vanno in direzione contraria" ai tentativi diplomatici "per appianare le differenze".

Pronta la replica del governo cinese, che nel fine settimana ha convocato il numero due dell'ambasciata Usa a Pechino. Zhang Kunsheng, collaboratore del ministero cinese degli Esteri, ha incontrato il vice-capo della missione diplomatica Robert Wang per sottolineare che il messaggio del Dipartimento di Stato "lancia un messaggio totalmente sbagliato" sul Mar Cinese meridionale. Per la Cina il documento americano "ignora i fatti e confonde di proposito il giusto e lo sbagliato", immischiandosi "negli affari interni della Cina" e mostrando l'interesse a "manipolare" i fatti che riguardano "questioni asiatiche".

Sulla vicenda interviene anche il People's Daily, giornale vicino al Partito comunista cinese, che in un editoriale al vetriolo invita Washington a "fare silenzio".

Intanto il governo di Hanoi continua a reprimere con la forza le manifestazioni in chiave anti-cinese di patrioti e nazionalisti vietnamiti. Ieri nella capitale la polizia ha arrestato almeno 50 persone, scese in piazza per manifestare il loro dissenso verso Pechino. I fermi sono avvenuti sia prima, che durante la protesta. In carcere sono finiti anche quattro famosi blogger e un attivista. La leadership comunista vietnamita continua nel suo atteggiamento ambiguo verso la Cina: proteste ufficiali per la politica imperialista di Pechino, unita alla repressione interna delle dimostrazioni in chiave nazionalista.  

Le isole Spratly e Paracel, comprese nell'arcipelago nel mar Cinese meridionale, potenzialmente ricco di giacimenti petroliferi sottomarini, sono conteso da Cina, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia. Manila e Hanoi accusano Pechino di una politica aggressiva e "imperialista" (cfr. AsiaNews 04/07/2012 Pechino contro tutti. La Cina sempre più dura in politica estera), che nelle scorse settimane ha causato scontri fra pescherecci dei tre Paesi. La tensione fra Manila e Pechino si è innalzata lo scorso aprile quando navi pattuglia cinesi hanno bloccato - al largo delle Scarborough Shoal - imbarcazioni della marina filippina, mentre stavano per arrestare pescherecci cinesi che avevano sconfinato. Le mire egemoniche di Pechino preoccupano anche gli Stati Uniti che hanno accresciuto la loro presenza navale nel Pacifico.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/09/2012 CINA – STATI UNITI
Hillary Clinton a Pechino, per placare le tensioni nel mar Cinese meridionale
04/09/2012 VIETNAM – CINA
Mar Cinese meridionale nei colloqui strategici fra Hanoi e Pechino
01/08/2012 CINA – ASIA
Mar Cinese meridionale: Pechino nega atti “ostili”, ma prosegue la politica di espansione
31/07/2012 FILIPPINE – CINA
Mar Cinese meridionale: Manila mette all'asta tre aree contese da Pechino
11/03/2014 VIETNAM
Vietnam, Filippine e Malaysia: un fronte comune contro “l’imperialismo” di Pechino
di Paul N. Hung

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate