26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/08/2012
CINA – STATI UNITI – VIETNAM
Mar Cinese meridionale: è guerra – di parole – fra Pechino e Washington
Pechino convoca il numero due dell’ambasciata Usa e accusa: gli Stati Uniti “manipolano” i fatti e “si immischiano” nelle vicende interne cinesi. Nei giorni scorsi il governo americano aveva criticato la decisione di creare una guarnigione militare nelle Paracel. Hanoi arresta 50 manifestanti, in piazza contro “l’imperialismo” cinese.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - La Cina ha convocato il numero due dell'ambasciata statunitense a Pechino, per protestare contro le recenti dichiarazioni del governo americano sulla situazione nel Mar Cinese meridionale. Nei giorni scorsi Washington ha criticato la scelta cinese di creare una guarnigione militare nella città di Sansha, cittadina dell'isolotto di Woody (nelle Paracel) formata nel giugno scorso da Pechino per il controllo della regione Asia-Pacifico. Per ora si tratta di un guerra verbale, ma è indice di un clima di tensione.

Nelle scorse settimane Pechino ha creato una divisione amministrativa e dato vita a una guarnigione militare in un isolotto delle Paracel, in una zona contesa da Vietnam e Filippine. Una mossa che ha scatenato le proteste di Hanoi e Manila, stretto alleato degli Stati Uniti nella regione. Sulla vicenda è intervenuto il 3 agosto scorso Patrick Ventrell, portavoce del Dipartimento di Stato Usa, che ha manifestato le "preoccupazioni" di Washington per "l'aumento della tensione nel Mar Cinese meridionale", causato anche dalle mosse di Pechino a Sansha che "vanno in direzione contraria" ai tentativi diplomatici "per appianare le differenze".

Pronta la replica del governo cinese, che nel fine settimana ha convocato il numero due dell'ambasciata Usa a Pechino. Zhang Kunsheng, collaboratore del ministero cinese degli Esteri, ha incontrato il vice-capo della missione diplomatica Robert Wang per sottolineare che il messaggio del Dipartimento di Stato "lancia un messaggio totalmente sbagliato" sul Mar Cinese meridionale. Per la Cina il documento americano "ignora i fatti e confonde di proposito il giusto e lo sbagliato", immischiandosi "negli affari interni della Cina" e mostrando l'interesse a "manipolare" i fatti che riguardano "questioni asiatiche".

Sulla vicenda interviene anche il People's Daily, giornale vicino al Partito comunista cinese, che in un editoriale al vetriolo invita Washington a "fare silenzio".

Intanto il governo di Hanoi continua a reprimere con la forza le manifestazioni in chiave anti-cinese di patrioti e nazionalisti vietnamiti. Ieri nella capitale la polizia ha arrestato almeno 50 persone, scese in piazza per manifestare il loro dissenso verso Pechino. I fermi sono avvenuti sia prima, che durante la protesta. In carcere sono finiti anche quattro famosi blogger e un attivista. La leadership comunista vietnamita continua nel suo atteggiamento ambiguo verso la Cina: proteste ufficiali per la politica imperialista di Pechino, unita alla repressione interna delle dimostrazioni in chiave nazionalista.  

Le isole Spratly e Paracel, comprese nell'arcipelago nel mar Cinese meridionale, potenzialmente ricco di giacimenti petroliferi sottomarini, sono conteso da Cina, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia. Manila e Hanoi accusano Pechino di una politica aggressiva e "imperialista" (cfr. AsiaNews 04/07/2012 Pechino contro tutti. La Cina sempre più dura in politica estera), che nelle scorse settimane ha causato scontri fra pescherecci dei tre Paesi. La tensione fra Manila e Pechino si è innalzata lo scorso aprile quando navi pattuglia cinesi hanno bloccato - al largo delle Scarborough Shoal - imbarcazioni della marina filippina, mentre stavano per arrestare pescherecci cinesi che avevano sconfinato. Le mire egemoniche di Pechino preoccupano anche gli Stati Uniti che hanno accresciuto la loro presenza navale nel Pacifico.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/09/2012 CINA – STATI UNITI
Hillary Clinton a Pechino, per placare le tensioni nel mar Cinese meridionale
04/09/2012 VIETNAM – CINA
Mar Cinese meridionale nei colloqui strategici fra Hanoi e Pechino
01/08/2012 CINA – ASIA
Mar Cinese meridionale: Pechino nega atti “ostili”, ma prosegue la politica di espansione
31/07/2012 FILIPPINE – CINA
Mar Cinese meridionale: Manila mette all'asta tre aree contese da Pechino
11/03/2014 VIETNAM
Vietnam, Filippine e Malaysia: un fronte comune contro “l’imperialismo” di Pechino
di Paul N. Hung

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate