28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/07/2016, 10.40

    INDIA

    Maria Maddalena: donna, contemplativa, apostola

    Sr Marie Gemma, Ocd

    Da oggi, la memoria di S. Maria Maddalena viene innalzata a livello di festa, per espresso volere di papa Francesco. Sr Marie Gemma, priora carmelitana a Baroda, spiega il valore di questa santa, la prima che annunciò la resurrezione, segno della grandezza del genio femminile.

    Mumbai (AsiaNews) – Da quest’anno, per espresso volere di papa Francesco, la Congregazione vaticana per il culto ha stabilito che la memoria di Maria Maddalena sia celebrate come festa. Il motivo è che in tal modo si viene a dare ancora più importanza al genio femminile nella Chiesa. Maria Maddalena è stata fra le prime a ricevere la misericordia di Gesù ed è stata la prima annunciatrice della risurrezione. Sr Marie Gemma, priora del monastero carmelitano di Baroda (Gujarat) offre la sua riflessione.

    Questo nuovo sviluppo – il passaggio dalla memoria alla festa di Maria Maddalena – ha significato per una contemplativa di clausura? Potrebbe essere una contraddizione, dato che Maria Maddalena è quella che è corsa fuori [al sepolcro] per incontrare Gesù.

    In realtà non vi è contraddizione perché anzitutto una contemplativa è colei che avendo un’esperienza di Dio, diviene un mezzo che comunica Dio ad ogni persona che incontra. Solo un cuore contemplativo potrebbe uscire fuori, nel buio più oscuro, prima dell’aurora, per imbalsamare il corpo di Colui al quale è legata da vincoli d’amore che nessuno potrebbe rompere.

    Mi viene in mente un’immagine che S. Teresa d’Avila descrive nel suo libro “Il castello interiore”. È l’immagine del baco da seta. Parlando della profonda unione che si produce nell’anima, ella dice che [ciò] è davvero la morte dell’io e la nascita della somiglianza con Cristo. Il baco da seta tesse il suo bozzolo in cui andrà a morire, solo per emergere come una splendente farfalla. In tal modo, Dio stesso diviene la casa in cui l’anima muore, entrando nella stessa tenebra della sofferenza e della morte di Cristo, per essere trasformata in una nuova vita nello spirito. Tale trasformazione porta con sé lo spirito di servire, di muoversi ancora più a fondo nel mondo dello spirito e di condividere l’amore redentore del Salvatore. L’annichilimento della croce espande il potere della resurrezione.

    S. Maria Maddalena ha davvero fatto esperienza di ciò, quando ha osato rimanere ai piedi della Croce. Questa condivisione della Sua morte l’ha resa capace di portarsi per amore fino alla tomba, dove ella ha incontrato Lui. Ella ha sperimentato il potere di conoscere che Lui, il suo amore è Vita; che Lui è il Dio che la guida in un nuovo rapporto: “Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli e di’ loro: Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro". Lei, trasformata, è divenuta il mezzo, l’apostola degli apostoli.

    Solo una contemplativa potrebbe fare questo – una contemplativa nel mondo o una contemplativa nel chiostro. Una vera contemplativa è appassionata, coraggiosa, tenace, aperta per essere condotta ovunque dall’amore, condotta fuori da se stessa.

    L’innalzamento della memoria di Maria Maddalena al livello di festa è l’esaltazione della convinzione che uno è amato da Lui nonostante tutto. E’ l’esaltazione dell’essere contemplativi, dell’essere donna con la dignità datale da Colui che l’ha creata, salvata, resa bella per renderla la sua eterna Sposa.

    Siamo felici e orgogliose che il Santo Padre sia stato capace di percepire i doni meravigliosi che sono affidati ad ogni donna.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/06/2016 11:23:00 VATICANO
    Papa: La passione di Cristo è la risposta di Dio al “grido angosciato, e a volte indignato” dell’uomo nel dolore e nella morte

    Alla messa per la canonizzazione di due beati (Stanislao di Gesù Maria Papczyński (1631-1701) e Maria Elisabetta Hesselblad (1870-1957), papa Francesco sottolinea la “vittoria di Dio sul dolore e sulla morte”. “Dio di fronte alla nostra morte (in ogni sua forma); non dice: ‘Tienitela, arrangiati!’, ma dice: ‘Dalla a me’”. E “Gesù chiede per sé la nostra morte, per liberarcene e ridarci la vita”. Anche per noi peccatori, Gesù “dice alla Madre Chiesa: ‘Dammi i tuoi figli’, che siamo tutti noi. Egli prende su di sé i nostri peccati, li toglie e ci restituisce vivi alla Chiesa stessa”. Il saluto alle delegazioni ufficiali da Polonia e Svezia e la preghiera dell’Angelus.



    25/09/2016 11:26:00 VATICANO
    Papa al Giubileo dei catechisti: È amando che si annuncia Dio-Amore

    Alla messa giubilare davanti a decine di migliaia di catechisti da tutto il mondo, papa Francesco mette in luce “il centro” della fede da annunciare: “il Signore Gesù è risorto, il Signore Gesù ti ama, per te ha dato la sua vita”. Ma mette in luce anche le qualità del messaggero: “non a forza di convincere, mai imponendo la verità, nemmeno irrigidendosi attorno a qualche obbligo religioso o morale”. Il ricco “è cieco” perché non vede il povero; “strabico” perché “guarda con riverenza le persone famose, di alto rango, ammirate dal mondo, e distoglie lo sguardo dai tanti Lazzaro di oggi”. Oggi “siamo caduti in questo abisso dell’indifferenza, della mondanità, dell’egoismo”. Solidarietà ai vescovi messicani nel loro impegno per la famiglia e contro l'ideologia gender. La beatificazione del sacerdote Engelmar Unzeitig, ucciso nel campo di sterminio di Dachau. La Giornata per il sordo.



    14/02/2007 VATICANO
    Papa: senza le donne la storia del cristianesimo sarebbe stata diversa
    All’udienza generale Benedetto XVI parla delle donne nella vita di Gesù e nella Chiesa primitiva per sottolinearne “l’effettivo e prezioso ruolo” che hanno svolto nella diffusione del Vangelo. L’importanza della formazione cristiana nell’attuale società pluralistica. L’Europa sia consapevole delle sue radici cristiane.

    23/03/2014 VATICANO
    Papa: il 28 e il 29 marzo una "festa del perdono" in san Pietro e nelle chiese del mondo
    L'annuncio dato da papa Francesco dopo l'Angelus di oggi. "Il perdono che ci dà il Signore si deve festeggiare", come ha fatto "il padre del figliol prodigo". Nell'incontro di Gesù con la samaritana, egli "rompe gli schemi del pregiudizio nei confronti delle donne". I pellegrini invitati a ripetere: "Ogni incontro con Gesù ci cambia la vita; ogni incontro con Gesù ci riempie di gioia". La Giornata mondiale della Tubercolosi e il saluto a una scuola del Giappone.

    08/12/2015 VATICANO
    Papa in Piazza di Spagna: Madre della Misericordia, sotto il tuo manto c’è posto per tutti
    Papa Francesco recita una preghiera a Maria, da lui composta per l’occasione. Un ricordo delle famiglie, dei bambini, degli anziani e degli ammalati e carcerati. Il saluto alle personalità di Propaganda Fide. In silenzio davanti all’immagine in Santa Maria Maggiore.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®