Skin ADV
11 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/07/2012, 00.00

    INDIA

    Massacri del Gujarat: una giustizia a metà



    In un caso legato ai disordini interreligiosi del 2002, l’Alta corte di Mumbai ha scagionato cinque accusati per “mancanza di prove”, ma condannato all’ergastolo altre quattro persone. A fine luglio, la Corte suprema deciderà se confermare una sentenza dell’Alta corte del Gujarat, che obbliga il governo dello Stato a ricostruire oltre 500 luoghi di culto distrutti nel massacro.

    Mumbai (AsiaNews) - Per "indagini tardive e gravi lacune nel caso" l'Alta corte di Mumbai ha scagionato cinque dei nove accusati per il caso "Best Bakery", uno dei tanti episodi di violenza interreligiosa avvenuti in Gujarat nei disordini del 2002. Per gli altri quattro imputati invece il tribunale ha confermato il carcere a vita. Per p. Cedric Prakash, direttore del Centro gesuita Prashant per diritti umani, giustizia e pace, il verdetto "scatena molte domande", non tanto per la sentenza in sé, quanto per "le motivazioni date dalla corte".

    Il caso "Best Bakery" è una delle aggressioni più efferate accadute durante i massacri del Gujarat. Il primo marzo 2002 - due giorni dopo la carneficina del Sabarmati Express -, un gruppo di indù ha aggredito alcuni musulmani, che si erano rifugiati nella pasticceria Best Bakery di Vadodara. Dopo aver saccheggiato il negozio, gli aggressori hanno dato fuoco alla struttura, causando la morte di 14 persone (tra cui alcuni indù che lavoravano nella pasticceria).

    Nel leggere il verdetto, i giudici dell'Alta corte di Mumbai hanno dichiarato di aver "concesso il beneficio del dubbio" a Rajubhai Baria, Pankaj Gosavi, Jagdish Rajput, Lalo Devjibhai Vasava e Shailesh Tadvi (gli assolti) per mancanza di prove e testimoni attendibili. Invece, grazie ai racconti di alcuni impiegati sopravvissuti - Tufil Ahmed Siddiqui, Raees Khan, Shahzad Khan Pathan e Shailun Khan Pathan - il tribunale ha condannato al carcere a vita gli altri quattro accusati: Sanjay Thakkar, Bahadur Singh Chauhan, Sanabhai Baria e Dinesh Rajbhar.

    "Il caso Best Bakery - spiega ad AsiaNews p. Prakash - è tra i più noti del massacro del Gujarat per due motivi: l'efferatezza dell'aggressione; il voltafaccia di Zaheera Sheikh, testimone-chiave del processo, che nel momento più difficile del caso ha ritirato ogni accusa". Secondo il sacerdote, "non ci sono dubbi che siamo di fronte a un caso di ingiustizia. Ma resta la speranza che si crei un precedente, e che anche ad altre vittime sopravvissute ai massacri sia fatta giustizia".

    Il 27 febbraio del 2002 un gruppo di musulmani aggredirono e diedero fuoco al Sabarmati Express, a bordo del quale vi erano indù - soprattutto donne, bambini e anziani - di ritorno da un pellegrinaggio a Ayodhya. L'assalto, in cui morirono 58 persone, scatenò violenti disordini di matrice interreligiosa in tutto il Gujarat. Nel massacro, la comunità islamica dello Stato ha pagato il prezzo più alto: degli oltre 1.000 morti accertati, 790 erano musulmani e 254 indù. Almeno 253 persone sono state dichiarate disperse; 523 luoghi di culto, comprese tre chiese, sono state danneggiate; 27.901 indù e 7.651 musulmani sono stati arrestati. 

    Intanto, il 30 luglio prossimo la Corte suprema dell'India si pronuncerà per confermare o annullare una storica sentenza dell'Alta corte del Gujarat, che imponeva al governo dello Stato il risarcimento dei danni e la ricostruzione degli oltre 500 luoghi di culto danneggiati (v. 10/05/2012, "Massacro del Gujarat, il governo ricostruirà oltre 500 luoghi religiosi"). (NC)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/02/2012 INDIA
    Massacro del Gujarat, il governo ricostruirà oltre 500 luoghi religiosi
    Lo stabilisce una sentenza dell’Alta corte dello Stato, giunta in seguito alla denuncia dell’Islamic Relief Committee of Gujarat (Ircg). P. Prakash, diretto di un centro gesuita per i diritti umani: “Decisione giusta”. Nei disordini del 2002 morirono oltre mille persone e vennero distrutti 523 luoghi di culto, tra cui tre chiese.

    09/11/2011 INDIA
    Massacri del Gujarat, condannate all'ergastolo 31 persone
    La sentenza è relativa ai disordini di Sardarpura, nei quali morirono 33 musulmani, di cui 22 donne. Per questo caso, gli accusati erano 73. L’incidente è tra i numerosi episodi di violenza esplosi dopo il rogo al treno di Godhra del 2002, in cui persero la vita 50 indù.

    13/07/2013 INDIA
    Il massacro del Gujarat, Narendra Modi: Triste come quando muore un animale
    In un’intervista alla Reuters il chief minister del Gujarat ed esponente del Bharatiya Janata Party (Bjp) afferma di “non sentirsi colpevole” perché “non ha fatto nulla di sbagliato”. Nelle stragi interconfessionali del 2002 morirono quasi 2mila musulmani e Modi non fece nulla per fermare i militanti indù.

    03/05/2006 INDIA
    Violenze in Gujarat, rivive lo spettro del massacro del 2002

    Da tre giorni a Vadodara si registrano scontri tra musulmani e polizia dopo la demolizione di un luogo sacro: seii i morti. Sul fuoco soffiano anche gli estremisti indù del Vhp. La condanna del vescovo e di attivisti per i diritti umani contro autorità locali, forze dell'ordine e fondamentalisti.



    10/02/2006 INDIA
    Massacro del Gujarat: riaperti 1.600 casi

    Verranno indagati oltre 40 ufficiali di polizia; il governo locale dovrà fare rapporto ogni tre mesi sull'andamento delle indagini. John Dayal: oltre le violenze, la "vergogna più grande" è la "paralisi" dei politici e il coinvolgimento della polizia in quegli incidenti.





    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Sergei Chapnin: La Chiesa russo-ortodossa nel 2016. L’incomprensione e la sfiducia del popolo. Terza parte

    Sergei Chapnin

    L’attento analista russo mostra alcune contraddizioni in cui vive il Patriarcato, incapace a suo dire di comprendere la situazione dei poveri e della società russa. Un altro problema: la tradizionale “sinodalità” ha lasciato il posto a una gestione verticistica.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®