24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/03/2016, 08.49

    PAKISTAN

    Massima allerta per i funerali di Mumtaz Qadri. Si teme per la vita di Asia Bibi

    Jibran Khan

    I funerali si terranno nelle prossime ore a Rawalpindi. Si sono già radunati milioni di fanatici islamici e altrettanti sono attesi a Lahore, Karachi e Peshawar per altre cerimonie funebri in contemporanea. Innalzate le misure di sicurezza attorno ad Asia Bibi, che era stata difesa dal governatore Salman Taseer. La famiglia della donna si è nascosta in una località segreta.

    Rawalpindi (AsiaNews) – Le forze di sicurezza sono in massima allerta in tutto il Pakistan per i funerali di Mumtaz Qadri, l’assassino dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer, impiccato ieri in un carcere di Rawalpindi. La cerimonia funebre si svolgerà nelle prossime ore, e si teme lo scoppio di violenze da parte degli estremisti islamici che hanno sempre esaltato Qadri come “eroe nazionale”. Le autorità hanno anche innalzato le misure di sicurezza attorno ad Asia Bibi, la madre cristiana condannata a morte con l’accusa di aver offeso il Profeta, che Taseer aveva difeso contestando le leggi sulla blasfemia.

    Qadri è stato impiccato ieri nel carcere di Adiala, nonostante le pesanti pressioni che i fondamentalisti avevano esercitato sul presidente Mamnoon Hussain, minacciato di ritorsioni nel caso egli non avesse concesso la grazia. La sentenza di morte non era scontata, come hanno confermato ieri ad AsiaNews alcune voci cattoliche, sottolineando la decisione “coraggiosa” di Hussain.

    Subito dopo l’esecuzione di Qadri i partiti religiosi islamici sono scesi per le strade e hanno bloccato diverse città. Nella sola Rawalpindi si sono radunate milioni di persone e altrettante sono attese a Lahore, Karachi, Peshawar e Jhnag, dove si svolgeranno delle cerimonie funebri in contemporanea con il funerale vero e proprio a Liquat Bagh.

    I rangers sono stati schierati per tenere sotto controllo gli animi. Ieri hanno arrestato diversi leader islamici e simpatizzanti dell’omicida dell’ex governatore. Le autorità hanno serrato scuole, mercati, università e uffici, per paura di possibili scontri.

    I timori più grandi però sono per la sicurezza di Asia Bibi. I gruppi estremisti hanno posto una taglia sulla sua testa e i partiti islamici hanno chiesto la sua morte. La famiglia si è nascosta in una località segreta.

    Qadri era detenuto dal gennaio 2011, da quando ha ucciso il governatore Taseer all’uscita da un ristorante di Islamabad, per le sue posizioni contrarie alla legge sulla blasfemia che prevede il carcere a vita o la condanna a morte per quanti profanano il Corano o dissacrano il nome del profeta Maometto. Nell’ottobre dello stesso anno è stato condannato a morte in primo grado dal Tribunale antiterrorismo pakistano. Nel febbraio 2015 l’Alta corte di Islamabad ha confermato la decisione, sostenendo che “nulla può giustificare l’omicidio della vittima”. I legali hanno fatto ricorso presso la Corte suprema del Pakistan, che a ottobre 2015 ha rigettato la richiesta di assoluzione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/02/2016 11:17:00 PAKISTAN
    Cattolici del Pakistan: Con l’impiccagione di Qadri, la volontà politica di affrontare il terrorismo

    I radicali islamici stanno protestando nelle strade di tutto il Paese. L’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer è stato impiccato questa mattina. La scelta del presidente Hussain di non concedere la grazia è “coraggiosa. Giustizia è stata fatta nonostante la pressione dei fondamentalisti”. Direttore Commissione giustizia e pace: “Taseer è stato ucciso perché ha difeso Asia Bibi, che langue ancora in carcere”.



    01/03/2016 12:37:00 PAKISTAN
    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.



    29/02/2016 08:46:00 PAKISTAN
    Pakistan, impiccato l’assassino di Salman Taseer. Si temono nuove violenze

    La condanna a morte di Mumtaz Qadri è stata eseguita nelle prime ore di oggi. Il detenuto ha incontrato i familiari poco prima dell’esecuzione. I suoi funerali previsti per oggi pomeriggio. Ci si aspetta la partecipazione in massa dei radicali islamici, che hanno già bloccato le strade di Rawalpindi, Lahore e Karachi. Qadri è considerato “eroe nazionale” per aver ucciso l’ex govenatore del Punjab, critico delle leggi sulla blasfemia.



    17/02/2015 PAKISTAN
    Alta corte di Islamabad: Nulla può giustificare l'omicidio di Salman Taseer
    Mumtaz Qadri, assassino dell'ex governatore del Punjab, ha presentato un appello contro la sua condanna a morte. Egli chiede di essere giudicato da un tribunale shariatico perché ha commesso l'assassinio "in difesa dell'islam". L'Alta corte si esprimerà nelle prossime settimane. L'accusa ha sottolineato che l'omicidio è contrario alla Costituzione e alla legge del Pakistan.

    23/02/2016 13:44:00 PAKISTAN
    Pakistan, massima tensione per la sentenza di grazia per l’assassino di Salman Taseer

    La decisione del presidente Mamnoon Hussain è attesa nei prossimi giorni. Egli deve decidere se accogliere o rigettare l’appello alla grazia presentato dai legali di Mumtaz Qadri. La famiglia presidenziale teme ritorsioni e si rifugia nella residenza ufficiale. Uno dei tre figli scampato di recente ad un attentato. La polizia pronta a elevare il livello di allerta nel Paese e rivedere l’intero sistema di sicurezza a Islamabad.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®