29 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/08/2012
SRI LANKA
Matara, 40 buddisti radicali attaccano un pastore protestante e sua moglie
di Melani Manel Perera
L'aggressione è avvenuta lo scorso 9 agosto a Deniyaya, nel sud del Paese. Presente all'attacco anche il cognato del presidente Rajapaksa. I due cristiani sono accusati di diffondere materiale religioso nella zona. Essi appartengono all'Assemblea della Chiesa di Dio.

Colombo (AsiaNews) - Un gruppo di 40 buddisti ha attaccato un pastore protestante dell'Assemblea della Chiesa di Dio e sua moglie a Deniyaya, nel distretto di Matara (Sri Lanka del Sud). Il fatto è avvenuto lo scorso 9 agosto. Entrambi sono accusati di diffondere il cristianesimo nella zona, dove i  buddisti radicali non tollerano la presenza dei movimenti protestanti e chiedono la loro cacciata dai territori a maggioranza buddista. A Deniyaya i cristiani sono circa 500.

Secondo la National Christian Evangelical Alliance of Sri Lanka (Nceasl) gli assalitori sono giunti sul luogo con una jeep e tre motocarri, sbarrando la strada al pastore a sua moglie. L'attacco è avvenuto nella totale impunità delle forze dell'ordine. Alcuni testimoni sostengono di aver riconosciuto a bordo del fuoristrada  Thusitha Ranawaka proprietario di una ditta di costruzione locale e cognato del presidente Mahinda Rajapaksa. Egli però si sarebbe limitato ad osservare la scena senza intervenire. Fra gli assalitori erano presenti anche cinque religiosi buddisti e il segretario del governo locale.

L'Nceasl aggiunge che dopo l'attacco contro il leader pastore, un'altra folla di buddisti ha assalito e molestato una donna della Chiesa metodista, costringendola ad abbandonare la zona.

Da alcuni anni nel Sud dello Sri Lanka, i buddisti radicali hanno lanciato una vera e propria campagna contro la minoranza cristiana, vista come una minaccia alle tradizioni religiose locali. Nel giugno 2008 a Middeniya, distretto di Hambanthota (Sri Lanka meridionale), oltre 7mila persone sono scese in piazza per allontanare dei cristiani dell'Assemblea della Chiesa di Dio, accusati di "mettere in serio pericolo l'integrità buddista".  La campagna anti-cristiana è sostenuta da due partiti politici estremisti, nella coalizione al governo: il Jathika Hela Urumaya (National Heritage Party, Jhu), composto da monaci buddisti favorevoli a leggi anti-conversione; il Janatha Vimukthi Peramuna (People's Liberation Front, Jvp), di matrice marxista.

Casi di violazione della libertà religiosa contro cristiani, musulmani e indù si registrano anche in altre aree del Paese. Lo scorso 20 aprile a Dambulla (Sri Lanka centrale) sede di un importante tempio buddista quasi duemila persone - monaci e laici - hanno attaccato una moschea, chiedendo al governo di demolirla e di vietare la costruzione di altri edifici religiosi non buddisti.  

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/01/2014 SRI LANKA
Sri Lanka, radicali buddisti attaccano due chiese cristiane indipendenti
26/09/2011 NEPAL
Nepal, leader musulmano ucciso a colpi di pistola all’uscita dalla moschea
di Kalpit Parajuli
29/01/2011 SRI LANKA
Sri Lanka: leader religiosi condannano l’attacco al tempio buddista Maha Bodhi
di Melani Manel Perera
17/08/2011 NEPAL
Appello di cristiani, musulmani, buddisti e bahai contro le leggi anti-conversione
di Kalpit Parajuli
05/10/2012 SRI LANKA - BANGLADESH
Sri Lanka, 600 buddisti attaccano l’ambasciata del Bangladesh
di Melani Manel Perera

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate