01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/07/2012, 00.00

    SIRIA

    Mentre a Damasco ancora si combatte, cresce la preoccupazione per i depositi di armi chimiche



    Il timore è che in caso di collasso del regime finiscano nelle mani di al Qaeda. I ribelli preannunciano l'attacco alla sede della televisione di Stato. Assad e la moglie avrebbero lasciato la capitale. Scarse possibilità di misure concrete dalla riunione di oggi del Consiglio di sicurezza.

    Beirut (AsiaNews) - Colonne di fumo si levano oggi su Damasco, a segnalare gli intensi combattimenti in corso ancora stamattina. Dopo l'attentato di ieri in cui sono morti il ministro della Difesa, il suo vice e il capo dell'unità di crisi, i ribelli hanno annunciato l'intenzione di attaccare la sede della tv di Stato. Ai dipendenti dell'emittente è stato lanciato un ultimatum perché lascino "immediatamente" l'edificio.

    Ieri, secondo il Syrian Observatory for Human Rights ci sarebbero state più di 214 vittime: 124 civili, 62 militari e 28 ribelli.

    Quanto sta accadendo a Damasco è visto da più parti come un possibile segnale di un possibile prossimo crollo del regime. Voci non controllate sostengono che il presidente Bashar al-Assad ha lasciato la città per rifugiarsi nella più sicura Latakia, mentre sua moglie sarebbe a Mosca.

    La situazione ha spinto il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon a dire che il Consiglio di sicurezza deve "prendersi le sue responsabilità e svolgere un'azione collettiva e concreta" ."Il popolo siriano - ha aggiunto - ha sofferto troppo a lungo. Lo spargimento di sangue deve finire adesso".

    L'appello difficilmente troverà una risposta. Spostata a oggi, la riunione del Consiglio di sicurezza appare infatti dominata dal contrasto tra coloro che continuano a dare sostegno al regime di Assad - Mosca e Pechino - e quanti vorrebbero minacciare il governo di ulteriori sanzioni, l'Occidente e i Paesi arabi.

    Accanto agli scenari dei combattimenti e dei contrasti politici, un nuovo fronte di timori è costituito dalle armi chimiche in possesso dell'esercito siriano. La preoccupazione che "possano finire in mani non amiche" è stata espressa da re Abdallah di Giordania, intervistato dalla CNN. Il riferimento è a quei gruppi di al Qaeda la presenza dei quali è ritenuta certa in Siria.

    Le armi chimiche preoccupano anche gli Stati Uniti. Oggi il New York Times scrive che il consigliere del presidente Obama per la sicurezza nazionale, Thomas Donilon è in Israele e starebbe discutendo la possibilità di un intervento dell'esercito di Gerusalemme contro i depositi militari siriani. (PD)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/07/2012 SIRIA
    A Damasco si combatte nelle strade, all'Onu sulle formule
    Notizie contrastanti sulla battaglia nella capitale siriana che, secondo l'Armata dei ribelli avrà termine solo con la liberazione della città. Oggi il Consiglio di sicurezza discute su cosa fare per porre fine alla crisi. L'opposizione di Russia e Cina a ogni formula che in qualsiasi modo contenga un riferimento all'uso della forza. ". Una fonte Onu parla di "piccola speranza di un accordo all'ultimo minuto".

    20/07/2012 SIRIA
    Continua la battaglia di Damasco e i ribelli conquistano posti di frontiera
    Ieri è stata la giornata più sanguinosa dall'inizio della rivolta: 302 vittime. Morto anche il capo dell'intelligence. I rivoltosi hanno preso il controllo di posti di confine con Turchia e Iraq. Dopo il veto russo-cinese al Consiglio di sicurezza, Gran Bretagna e Stati Uniti annunciano iniziative di sostegno alla ribellione. Mosca polemizza.

    30/08/2013 SIRIA-ONU-USA
    Onu: Prove 'considerevoli' sull'uso di armi chimiche. Gli Usa sempre più soli
    Il parlamento britannico ha bocciato ogni possibile intervento contro la Siria. Obama sceglierà una via "nel miglior interesse per gli Stati Uniti". Domani gli ispettori Onu parleranno a Ban Ki-moon sulle prove raccolte a Damasco.

    29/08/2013 USA-SIRIA
    Obama 'sicuro' che Damasco ha usato armi chimiche; ma è indeciso sul da farsi
    L'opinione pubblica americana è contraria al 60% ad ogni intervento militare in Siria. Il premier britannico Cameron bloccato dal parlamento: nessuna azione prima dei risultati dell'inchiesta Onu sulle armi chimiche. Nuovi video sull'uso di armi chimiche da parte del Free Syrian Army. Ban Ki-moon: Date tempo agli esperti.

    28/08/2013 SIRIA
    Fermare l'attacco contro Damasco prima che sia troppo tardi
    Troppe contraddizioni nella versione Usa sull'uso delle armi chimiche. Non si vuole aspettare nemmeno i risultati dell'inchiesta Onu. È falso pensare che un attacco militare aiuterà la conferenza di pace. Invece essa aiuterà gli islamisti, che vogliono dominare nell'opposizione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®