31/08/2012, 00.00
CINA – GERMANIA
Invia ad un amico

Merkel a Pechino firma contratti e incassa un tiepido sostegno per l’euro

Nonostante i toni positivi, la Cina ha chiarito che “investirà nell’Eurozona solo se i rischi non saranno troppo alti e saranno calcolati bene”. Berlino ottiene importanti contratti commerciali e tende la mano sulla questione dei dazi europei alle importazioni dall’Asia: “Risolviamo con il dialogo, non con le Corti internazionali”.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - La seconda visita di Angela Merkel a Pechino in meno di 6 mesi è stata segnata da un gran numero di contratti commerciali siglati e dal presunto appoggio cinese alla politica europea degli Eurobond come strumento per uscire dalla crisi. Tuttavia, i giornali cinesi riportano le "preoccupazioni" espresse dal premier comunista Wen Jiabao alla Cancelliera: Wen ha detto che il suo Paese "potrebbe" acquistare debito pubblico europeo "se le condizioni non saranno troppo rischiose".

La leader tedesca è arrivata ieri a Pechino. Qui ha incontrato il primo ministro, il presidente Hu Jintao e il futuro leader Xi Jinping, che nel corso del Congresso comunista di ottobre dovrebbe essere incoronato come prossimo presidente della Cina popolare. Insieme a lei una delegazione nutrita di uomini di affari e ministri, che si sono confrontati con le controparti cinesi.

Al centro dei colloqui, secondo i comunicati ufficiali, vi è stata la discussione della crisi dell'Eurozona e del conflitto in Siria. Merkel si è detta "convinta" dell'appoggio cinese e ha ribadito a margine dell'incontro con Wen che "c'è assoluta volontà politica di rafforzare l'euro".

Da parte sua, il premier cinese ha dichiarato: "La Cina è disposta a continuare ad investire in titoli di Stato europei dopo una piena valutazione dei rischi. Pechino punta a migliorare la comunicazione e le consultazioni con Ue, Bce e Paesi membri per sostenere l'economia europea e aiutarla a superare la difficoltà".

Tuttavia non si è trattato solo di politica: durante l'incontro delle due delegazioni sono stati firmati 13 accordi di cooperazione in diversi settori. Airbus ha siglato con la Cina un contratto da 3,5 miliardi di dollari per 50 aerei commerciali, mentre la Merkel ha chiarito che la polemica dei dazi sulle importazioni cinesi "va risolta con il dialogo e non con le Corti internazionali".

A luglio la tedesca SolarWorld e altri produttori europei di pannelli solari hanno presentato un reclamo a Bruxelles per ottenere dazi sul'importazione di pannelli solari di fabbricazione cinese. La Commissione ha 45 giorni di tempo per decidere se avviare una indagine. Le esportazioni cinesi di prodotti solari sono state pari a 35,8 miliardi di dollari nel 2011: di queste oltre il 60 per cento sono dirette verso l'Unione Europea.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Europa divisa sui dazi ai pannelli solari della Cina
28/05/2013
Dall'Europa Pechino vuole armi e commerci
07/12/2004
Il bando sulle armi al centro dei colloqui fra Cina e UE
03/12/2004
Sanzioni UE sospese: “un premio inopportuno”
18/10/2007
Inizia il volo Solar Impulse 2, il giro del mondo senza carburanti
09/03/2015