28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/11/2006, 00.00

    FILIPPINE

    Mindanao, cristiani e musulmani in marcia per la pace

    Santosh Digal

    Si è aperta ieri a Zamboanga la nona "Settimana della Pace", che chiede al governo ed ai ribelli separatisti del Fronte islamico la fine delle ostilità nell'arcipelago meridionale.

    Zamboanga (AsiaNews) -  Oltre 30mila persone si sono radunate ieri nella capitale dell'arcipelago meridionale di Mindanao per celebrare l'apertura della nona "Settimana della Pace", evento che "in nome di Dio, il misericordioso, chiede la fine di ogni ostilità".

    Il tema della manifestazione è stato scelto dalla Conferenza dei vescovi e degli ulema delle Filippine, composta da 24 vescovi cattolici, 18 protestanti e 24 ulema, che l'ha organizzata.

    Cristiani delle diverse chiese e musulmani, insegnanti, studenti, attivisti per i diritti umani e funzionari del governo hanno marciato insieme per chiedere la fine della guerra fra Manila ed i ribelli del Moro Islamic Liberation Front (Milf), che chiedono l'autonomia della regione a maggioranza musulmana.

    Il Milf combatte da oltre 40 anni contro il governo per ottenere l'autonomia della minoranza musulmana che abita in prevalenza nella parte meridionale delle Filippine. Negli ultimi 2 anni gli scontri armati sono notevolmente diminuiti dopo l'inizio delle trattative di pace con il governo di Manila, che si sono però fermate alcuni mesi fa.

    Per il p. Angelo Calvo, missionario clarettiano e presidente di Paz - Peace Advocates Zamboanga, un gruppo attivo nella pacificazione della regione meridionale delle Filippine – la gente che marcia "è come un tappeto pieno di colori, che si unisce a chi piange per la guerra e chiede con forza che questa finisca".

    Celso Lobregat, sindaco di Zamboanga, si dice "colpito" dalla massiccia partecipazione popolare: "La gente di Zamboanga ha voluto inviare un forte messaggio a tutte le parti in causa: vogliamo la fine delle ostilità".

    Romeo Abela, disabile che partecipa alla manifestazione, dice: "Sono qui perché voglio dimostrare al mondo intero che, nonostante la nostra situazione, abbiamo ancora voglia di lottare. Lavoriamo duramente per la pace".

    Marx De Cruz è membro dei "Piccoli suonatori di tamburo", una sorta di organizzazione che mendica per le strade suonando e ballando. Il giovane spiega che "venire qui ci è costato molti soldi, ma siamo felici ed orgogliosi di manifestare per questa causa".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/09/2008 FILIPPINE
    Filippine: la Arroyo cancella gli accordi di pace ed estromette il Milf dal tavolo delle trattative
    È rottura definitiva fra governo e gruppi ribelli del fronte islamico Moro, colpevoli delle recenti ondate di violenze nel Mindanao. Nell’isola vi sono quasi mezzo milione di sfollati. L’appello della Chiesa cattolica che, insieme ai musulmani, vuole una “vera pace” per il Paese.

    01/09/2008 FILIPPINE
    Mindanao, cattolico ufficiale dell’esercito, protagonista del dialogo interreligioso
    Il Ten. Col. Johnny Macanas ha vissuto per anni il conflitto fra cristiani e musulmani. Segnato dalla logica delle violenze, egli ha deciso di “lottare in prima fila” per portare “la pace e la comprensione reciproca”. Appello del card. Rosales che chiede di pregare per la “fine della guerra”.

    27/03/2014 FILIPPINE
    I vescovi filippini elogiano lo "storico accordo di pace" fra Manila e Milf
    Oggi a Manila la cerimonia che mette fine a decenni di guerra separatista dei ribelli musulmani del sud. La firma accolta con feste e celebrazione da 10mila guerriglieri a Maguindanao. La Chiesa rinnova l’invito al dialogo con il Mnlf e chiede dialoghi che includano tutte le comunità a Mindanao. Per la pace, aggiungono i prelati, è necessario lo sviluppo umano.

    18/08/2009 FILIPPINE
    Sacerdote filippino: dialogo fra etnie e religioni, unica via per la pace a Mindanao
    Padre Leo S Pepito sottolinea che agli “sforzi politici” e ai progetti di “sviluppo socio-economico”, va affiancata la costruzione di “rapporti interpersonali” fra le diverse anime dell’isola. Nella missione affidata alla Chiesa cattolica c'è anche la promozione di un “dialogo per la vita”.

    04/12/2009 FILIPPINE
    Settimana della pace a Mindanao: dialogo fra Milf e governo, fine dei massacri
    Dal 26 novembre al 2 dicembre nell’isola meridionale dell’arcipelago cristiani e musulmani uniti per la pace. Preghiere per le vittime della strage a Maguindanao e per un accordo definitivo fra Manila e ribelli islamici. Sacerdote cattolico: proteggiamo la “comune terra natale”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®