28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/11/2006
FILIPPINE
Mindanao, cristiani e musulmani in marcia per la pace
di Santosh Digal

Si è aperta ieri a Zamboanga la nona "Settimana della Pace", che chiede al governo ed ai ribelli separatisti del Fronte islamico la fine delle ostilità nell'arcipelago meridionale.



Zamboanga (AsiaNews) -  Oltre 30mila persone si sono radunate ieri nella capitale dell'arcipelago meridionale di Mindanao per celebrare l'apertura della nona "Settimana della Pace", evento che "in nome di Dio, il misericordioso, chiede la fine di ogni ostilità".

Il tema della manifestazione è stato scelto dalla Conferenza dei vescovi e degli ulema delle Filippine, composta da 24 vescovi cattolici, 18 protestanti e 24 ulema, che l'ha organizzata.

Cristiani delle diverse chiese e musulmani, insegnanti, studenti, attivisti per i diritti umani e funzionari del governo hanno marciato insieme per chiedere la fine della guerra fra Manila ed i ribelli del Moro Islamic Liberation Front (Milf), che chiedono l'autonomia della regione a maggioranza musulmana.

Il Milf combatte da oltre 40 anni contro il governo per ottenere l'autonomia della minoranza musulmana che abita in prevalenza nella parte meridionale delle Filippine. Negli ultimi 2 anni gli scontri armati sono notevolmente diminuiti dopo l'inizio delle trattative di pace con il governo di Manila, che si sono però fermate alcuni mesi fa.

Per il p. Angelo Calvo, missionario clarettiano e presidente di Paz - Peace Advocates Zamboanga, un gruppo attivo nella pacificazione della regione meridionale delle Filippine – la gente che marcia "è come un tappeto pieno di colori, che si unisce a chi piange per la guerra e chiede con forza che questa finisca".

Celso Lobregat, sindaco di Zamboanga, si dice "colpito" dalla massiccia partecipazione popolare: "La gente di Zamboanga ha voluto inviare un forte messaggio a tutte le parti in causa: vogliamo la fine delle ostilità".

Romeo Abela, disabile che partecipa alla manifestazione, dice: "Sono qui perché voglio dimostrare al mondo intero che, nonostante la nostra situazione, abbiamo ancora voglia di lottare. Lavoriamo duramente per la pace".

Marx De Cruz è membro dei "Piccoli suonatori di tamburo", una sorta di organizzazione che mendica per le strade suonando e ballando. Il giovane spiega che "venire qui ci è costato molti soldi, ma siamo felici ed orgogliosi di manifestare per questa causa".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/09/2008 FILIPPINE
Filippine: la Arroyo cancella gli accordi di pace ed estromette il Milf dal tavolo delle trattative
di Santosh Digal
01/09/2008 FILIPPINE
Mindanao, cattolico ufficiale dell’esercito, protagonista del dialogo interreligioso
di Santosh Digal
27/03/2014 FILIPPINE
I vescovi filippini elogiano lo "storico accordo di pace" fra Manila e Milf
18/08/2009 FILIPPINE
Sacerdote filippino: dialogo fra etnie e religioni, unica via per la pace a Mindanao
di Santosh Digal
18/07/2008 FILIPPINE
Mindanao, talk-show radiofonico per favorire il dialogo interreligioso
di Santosh Digal

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate