25 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/11/2006
FILIPPINE
Mindanao, cristiani e musulmani in marcia per la pace
di Santosh Digal

Si è aperta ieri a Zamboanga la nona "Settimana della Pace", che chiede al governo ed ai ribelli separatisti del Fronte islamico la fine delle ostilità nell'arcipelago meridionale.



Zamboanga (AsiaNews) -  Oltre 30mila persone si sono radunate ieri nella capitale dell'arcipelago meridionale di Mindanao per celebrare l'apertura della nona "Settimana della Pace", evento che "in nome di Dio, il misericordioso, chiede la fine di ogni ostilità".

Il tema della manifestazione è stato scelto dalla Conferenza dei vescovi e degli ulema delle Filippine, composta da 24 vescovi cattolici, 18 protestanti e 24 ulema, che l'ha organizzata.

Cristiani delle diverse chiese e musulmani, insegnanti, studenti, attivisti per i diritti umani e funzionari del governo hanno marciato insieme per chiedere la fine della guerra fra Manila ed i ribelli del Moro Islamic Liberation Front (Milf), che chiedono l'autonomia della regione a maggioranza musulmana.

Il Milf combatte da oltre 40 anni contro il governo per ottenere l'autonomia della minoranza musulmana che abita in prevalenza nella parte meridionale delle Filippine. Negli ultimi 2 anni gli scontri armati sono notevolmente diminuiti dopo l'inizio delle trattative di pace con il governo di Manila, che si sono però fermate alcuni mesi fa.

Per il p. Angelo Calvo, missionario clarettiano e presidente di Paz - Peace Advocates Zamboanga, un gruppo attivo nella pacificazione della regione meridionale delle Filippine – la gente che marcia "è come un tappeto pieno di colori, che si unisce a chi piange per la guerra e chiede con forza che questa finisca".

Celso Lobregat, sindaco di Zamboanga, si dice "colpito" dalla massiccia partecipazione popolare: "La gente di Zamboanga ha voluto inviare un forte messaggio a tutte le parti in causa: vogliamo la fine delle ostilità".

Romeo Abela, disabile che partecipa alla manifestazione, dice: "Sono qui perché voglio dimostrare al mondo intero che, nonostante la nostra situazione, abbiamo ancora voglia di lottare. Lavoriamo duramente per la pace".

Marx De Cruz è membro dei "Piccoli suonatori di tamburo", una sorta di organizzazione che mendica per le strade suonando e ballando. Il giovane spiega che "venire qui ci è costato molti soldi, ma siamo felici ed orgogliosi di manifestare per questa causa".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/09/2008 FILIPPINE
Filippine: la Arroyo cancella gli accordi di pace ed estromette il Milf dal tavolo delle trattative
di Santosh Digal
01/09/2008 FILIPPINE
Mindanao, cattolico ufficiale dell’esercito, protagonista del dialogo interreligioso
di Santosh Digal
27/03/2014 FILIPPINE
I vescovi filippini elogiano lo "storico accordo di pace" fra Manila e Milf
18/08/2009 FILIPPINE
Sacerdote filippino: dialogo fra etnie e religioni, unica via per la pace a Mindanao
di Santosh Digal
18/07/2008 FILIPPINE
Mindanao, talk-show radiofonico per favorire il dialogo interreligioso
di Santosh Digal

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate