17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2017, 10.54

    FILIPPINE

    Mindanao, due alti ufficiali dell’esercito tra gli accusati per l’omicidio di p. Tentorio



    Almeno 20 soldati appartenenti al 57mo battaglione di stanza a Makilala hanno pianificato l’uccisione. P. Fausto era malvisto da esercito, uomini d’affari e politici locali per la sua attività a favore dei tribali contro lo sfruttamento delle miniere.

    Manila (AsiaNews) – Svolta nell’inchiesta per l’assassinio del missionario del Pime p. Fausto Tentorio,  yavvenuto sei anni fa nell’isola di Mindanao. Il Dipartimento di Giustizia (Doj) dispone una nuova denuncia per omicidio contro due ufficiali dell’esercito e molti altri, tra cui due membri della tribù Manobo identificati dalla parlamentare Nancy Catamco, rappresentante distrettuale del North Cotabato.

    P. Fausto Tentorio (foto), sacerdote 59enne per oltre 32 anni nelle Filippine, è stato ucciso la mattina del 17 ottobre 2011, mentre si preparava a partire dalla parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo soccorso ad Arakan, in North Cotabato, per un incontro del clero della diocesi a Kidapawan. Per la sua attività a favore dei tribali Manobo minacciati dallo sfruttamento delle miniere, p. Tentorio era mal visto dall'esercito. Secondo i militari, egli avrebbe avuto legami con i ribelli maoisti del New People’s Army (Npa), che più di una volta avevano elogiato il suo operato. Nel 2003, esponenti delle forze armate avevano tentato di ucciderlo, mentre si trovava in una delle sue visite ai tribali dell’Arakan Valley, a Kitaotao. In quell’occasione, i tribali gli avevano fatto da scudo umano, salvandogli la vita.

    Descrivendolo come “puro e semplice omicidio”, lo scorso 27 dicembre il vice procuratore statale Peter Ong ha dichiarato che la presunta affiliazione di Tentorio con i gruppi di sinistra “non è rilevante” nella nuova inchiesta condotta sull'uccisione del sacerdote. Il segretario alla Giustizia Vitaliano Aguirre II aveva in precedenza ordinato a Ong di riesaminare il caso, poiché l’incriminazione di diverse persone implicate nell'omicidio era in fase di stallo. “Speriamo di aver in qualche modo dato giustizia a Padre Tentorio”, ha detto Ong ai giornalisti.

    Il vice procuratore riferisce che almeno 20 soldati appartenenti al 57mo battaglione dell'esercito di stanza nella città di Makilala, nella provincia di North Cotabato, hanno preso parte alla pianificazione dell'uccisione di p. Tentorio. Egli è poi stato ucciso da un solo assassino all'interno del complesso della parrocchia fuggito con un complice a bordo di una motocicletta. L'Npa ed il Moro Islamic Liberation Front (Milf) avevano in precedenza sostenuto le accuse dei residenti locali che uomini d’affari e militari avessero orchestrato l'omicidio di p. Tentorio. I sospetti sono caduti anche su un politico ed il capo della polizia locale. “Non hai motivo di uccidere una persona che non sia un combattente. È un semplice omicidio”, ha sottolineato Ong. “Non c’entra la politica. Il suo assassinio non ha nulla a che fare con l'Npa. È un semplice omicidio”.

    Le persone denunciate dal Dipartimento di Giustizia sono: il colonnello dell'esercito Joven Gonzales; il maggiore Mark Espiritu; Jimmy Ato, esecutore materiale dell’omicidio, e suo fratello Robert Ato; Jan Corbala; Nene Durado; Kaing Labi; Joseph Basol; Edgar Enoc; Romulo Tapgos,; William Buenaflor ed un certo alias Katong. Si sospetta che i fratelli Ato fossero membri di un gruppo paramilitare chiamato "Bagani", utilizzato dalle truppe governative per combattere i maoisti. Ong chiarisce tuttavia che le accuse dovranno essere verificate attraverso una regolare indagine preliminare.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/01/2012 FILIPPINE
    Il fratello dell’assassino di p. Tentorio è ancora a piede libero
    Robert Ato sartebbe sotto la protezione di un politico locale dell’Arakan Valley (Mindanao). Il fratello Jimmy, presunto omicida è in carcere, ma non ha ancora confessato. Per il superiore regionale del Pime nessun missionario locale conosce i due sospettati.

    29/12/2011 FILIPPINE
    Arrestato il presunto assassino di padre Fausto Tentorio
    Il ministro della Giustizia Leila de Lima ha dichiarato oggi che il responsabile dell’uccisione del sacerdote a Mindanao, un uomo di Arakan, Jimmy Ato, e suo fratello, Robert sono stati arrestati dopo un conflitto a fuoco.

    28/10/2011 FILIPPINE
    L’amore per gli ultimi di p. Tentorio strumentalizzato da militari e maoisti
    L’esercito filippino sostiene che il sacerdote, ucciso lo scorso 17 ottobre, era sospettato di avere legami con i ribelli del New People’s Army. In un articolo i maoisti lo elogiano come un “vero comunista”. Fonti di AsiaNews: “P. Fausto era innanzitutto un sacerdote. La sua vita era stare con i poveri incurante di strumentalizzazioni politiche”.

    11/01/2012 FILIPPINE
    Un politico e il capo della polizia dell’Arakan fra i possibili mandanti dell’omicidio Tentorio
    Fonti di AsiaNews commentano la confessione del presunto assassino del sacerdote apparsa nei giorni scorsi sull’agenzia di stampa MindaNews. William Buenaflor, ex candidato sindaco dell’Arakan aveva grandi interessi nella zona e considerava il missionario un ostacolo alla sua elezione. A tre mesi dalla morte de sacerdote le indagini sono ferme e mancano prove concrete per arrestare gli accusati.

    23/08/2006 filippine
    Mindanao, la Chiesa "lavora per i tribali, non per i ribelli"

    Il vescovo di Kidapawan, insieme al p. Peter Geremia del PIME, ha chiarito all'esercito di stanza nella zona la totale estraneità della Chiesa con la guerriglia comunista. I militari hanno anche offerto il loro aiuto alla missione pastorale nella diocesi.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®