16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/01/2018, 11.28

    LIBANO - SIRIA

    Ministro libanese: in due anni diminuiti i rifugiati siriani, oggi meno di un milione



    Moein Merhebi, titolare del dicastero per gli Sfollati, riferisce che il numero è calato a 980mila unità circa. Al contempo sono diminuiti anche i finanziamenti di nazioni e ong internazionali. Resta essenziale l’opera di distribuzione degli aiuti. Intanto Damasco si prepara al rientro dei rifugiati.

     

    Beirut (AsiaNews) - Il numero dei rifugiati siriani in Libano negli ultimi due anni è diminuito in modo considerevole e, per la prima volta dopo diverso tempo, è sceso sotto il milione di persone. Ad affermarlo è il ministro per gli Sfollati e rifugiati Moein Merhebi, il quale aggiunge che l’opera regolare e costante di registrazione dei dati faciliterà anche il loro ritorno in patria in un futuro prossimo. Il miglioramento della situazione è confermato dal collega siriano per la Riconciliazione Ali Haidar, il quale ha sottolineato che Damasco si prepara al “ritorno dei rifugiati dal Libano”.

    Intervistato dal quotidiano pan-arabo al-Hayat, il ministro libanese Moein Merhebi ha sottolineato che l’ultimo censimento relativo ai rifugiati siriani mostra che il numero “è sceso da 1,21 milioni a 980mila circa”. Al contempo, egli aggiunge anche che è diminuita pure l’assistenza fornita ai rifugiati stessi a causa del crollo dei finanziamenti da parte dei Paesi donatori, ong e benefattori.

    Il ministro ricorda che l’opera di assistenza agli esuli in fuga dalla guerra nella vicina Siria, una crisi che ha rischiato di far collassare anche il sistema economico e sociale del Paese dei cedri, deve essere appannaggio “delle Nazioni Unite e delle altre organizzazioni attive sul campo”. A loro deve essere affidato il compito di gestire la “distribuzione degli aiuti”. Egli aggiunge inoltre che l’immane opera di registrazione dei rifugiati accolti nel Paese potrà favorire il loro rientro in patria. Un lavoro enorme, spiega, che è “di tutto interesse del Libano e dei libanesi”. In passato AsiaNews aveva denunciato il dramma di quanti, fuggiti dalla guerra in Siria, non risultavano riconosciuti e per questo non potevano nemmeno registrare i figli deceduti.

    L’emergenza profughi (quasi due milioni nel pieno della crisi, a fronte di una popolazione di 4,4) aveva rischiato di far collassare il sistema sociale ed economico del Libano, gravando in modo insostenibile sulle infrastrutture. Analisti ed esperti avevano anche parlato del rischio di un aumento della radicalizzazione fra quanti venivano ospitati in centri di accoglienza in condizioni di assoluta precarietà. Fonti della Banca mondiale affermano che la crisi siriana avrebbe spinto almeno 200mila libanesi oltre la soglia della povertà, andando ad aggiungersi al milione già presente.

    Intanto giungono dichiarazioni improntate all’ottimismo anche dal governo siriano, che attraverso il ministro per la Riconciliazione Ali Haidar conferma che proseguono i preparativi per il rientro dei profughi dal Libano. “Un gran numero di cittadini - ha sottolineato durante l’incontro con l’ambasciatore libanese in Siria Saad Zakhia - tornerà presto nelle loro case a Deir el-Zor e nella periferia sud-orientale di Aleppo, oltre che a Damasco”. Per questo egli rilancia l’importanza della collaborazione fra i due Paesi, per far fronte alle sfide e perseguire gli obiettivi comuni. In queste settimane il governo siriano ha più volte rivolto appelli a quanti sono fuggiti, invitandoli a tornare nelle loro abitazioni nelle province di Aleppo e Hama, che si possono ormai considerare in gran parte stabilizzate.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/01/2013 SIRIA - LIBANO
    Caritas Libano: Aiutateci a salvare i profughi in fuga dalla Siria
    Per p. Simon Faddoul la situazione dei profughi - oltre 400mila - è drammatica e dolorosa. La neve e le alluvioni hanno distrutto tende e baracche. Migliaia di persone non hanno nemmeno le scarpe per camminare nel fango. Caritas e altre organizzazioni non hanno più risorse per sostenere questa emergenza. L'appello del presidente Caritas: "Il vostro aiuto è necessario. Un piccolo contributo può alleviare le sofferenze di molti profughi".

    19/07/2013 SIRIA – LIBANO
    Profughi siriani, la battaglia della Cnewa nell’emergenza umanitaria
    Il dramma siriano produce ogni mese decine di migliaia di profughi. L'Agenzia papale per il sostegno umanitario e pastorale in Medio Oriente è attiva lungo il confine libanese nel fornire sostegno alle famiglie cristiane sfollate. Issam Bishara, direttore regionale dell’organizzazione, racconta ad AsiaNews: “Nell'ultimo anno abbiamo aiutato più di 11mila famiglie e 4mila bambini. Andiamo avanti”.

    21/08/2009 SRI LANKA
    Resta un miraggio il ritorno a casa dei profughi tamil
    Per il governo di Colombo è colpa delle ong coinvolte nello sminamento delle regioni un tempo sotto il controllo delle Tigri tamil: troppo lente. Il piano di reinsediamento dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno, ma si temono nuovi ritardi. Intanto la stagione dei monsoni aggrava l’emergenza umanitaria dei campi di raccolta.

    09/07/2009 SRI LANKA
    Guerra di cifre sulle vittime della guerra coi Tamil mentre continua l’emergenza
    I medici che accusavano l’esercito di aver ucciso migliaia di civili negli scontri finali con le Tigri ritrattano la loro versione dei fatti. Nel parlamento di Colombo acceso scontro tra governo e opposizione sulle reali condizioni dei profughi e sull’impegno dell’esecutivo per la loro riabilitazione.

    08/08/2006 israele - libano
    Olmert per l'ampliamento delle operazioni militari nel sud Libano

    L'esercito israeliano dovrebbe arrivare fino a 30-50 km dal confine per eliminare le basi di Hezbollah. In Libano peggiora la situazione umanitaria. La comunità internazionale lavora sulla bozza di risoluzione Onu e sulle obiezioni libanesi.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®