30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/03/2009, 00.00

    EGITTO – ARABIA SAUDITA

    Ministro saudita chiede strategia comune per affrontare la “sfida iraniana”



    Il programma nucleare iraniano è una minaccia per tutta il Medio Oriente. Preoccupazioni della Lega Araba per una possibile apertura del governo Usa a colloqui con Teheran. La Clinton rassicura i partner arabi e promette consultazioni approfondite.

    Cairo (AsiaNews/Agenzie) – Una strategia comune dei Paesi arabi per fronteggiare la “sfida iraniana”, il cui programma nucleare è una minaccia per tutta l’area del Golfo. È quanto ha chiesto ieri al Cairo il principe Saud Al Faisal, Ministro saudita degli esteri, nel corso di un vertice che ha riunito i capi della diplomazia della Lega araba.

    “Al fine di cementare la riconciliazione nel mondo arabo – afferma il ministro saudita – abbiamo bisogno di una visione comune in materia di sicurezza e dobbiamo essere uniti davanti alla sfida lanciata dall’Iran”, inclusa la sua “deriva verso il nucleare”.

    Il programma nucleare promosso da Teheran è all’origine delle tensioni fra i Paesi arabi del Golfo – a maggioranza sunnita – e l’Iran sciita. Durante un vertice Onu del 2008, il principe saudita ha esortato l’Iran a seguire le disposizioni della Comunità internazionale e risparmiare il Medio Oriente da “conflitti devastanti, una inutile corsa agli armamenti e seri rischi per l’ambiente”.

    La Lega araba manifesta preoccupazioni anche per la possibile “apertura” del governo americano a colloqui diretti con l’Iran. A margine del vertice dei donatori per la ricostruzione della Palestina Hillary Clinton, segretario di Stato Usa, ha però voluto rassicurare i ministri arabi: Washington valuta “con molta cura” i passi da percorrere e si consulterà “a fondo” con gli alleati del Golfo sulle questioni che riguardano l’Iran.

    Una rassicurazione, quella fornita dalla Clinton, che segue il monito lanciato da Amr Moussa, capo della Lega Araba, il quale ha chiesto che i Paesi arabi siano tenuti informati. “Chiedo che nessuna [potenza] straniera – ha detto – parli con l’Iran, senza che i Paesi arabi ne siano messi al corrente e abbiano un ruolo nel processo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/04/2007 ISRAELE - MEDIO ORIENTE
    Olmert apre al dialogo e al processo di pace coi paesi arabi
    Il piano saudita di riconoscimento d’Israele in cambio di un ritorno ai confini prima del 1967 sarebbe la base del dialogo. Pressioni per far avanzare il processo di pace da Abbas, Usa e Egitto.

    09/01/2008 MEDIO ORIENTE - USA
    George W. Bush in Israele e Medio Oriente
    Bush spera di affrettare il dialogo israelo-palestinese dopo la Conferenza di Annapolis. Visitando i Paesi arabi vuole tranquillizzarli sulla sicurezza verso l’Iran.

    28/03/2015 EGITTO-M.ORIENTE
    Una forza militare araba per combattere gli sciiti e (forse) lo Stato islamico
    I Paesi della Lega araba hanno pronta la bozza per varare una coalizione armata che intervenga nelle situazioni di tensione del mondo arabo. Un fatto giudicato “storico”, che mette da parte le passate coalizioni, sempre guidate dall’occidente. La lotta contro gli islamisti e perfino il problema israelo-palestinese sono messi al secondo posto; al primo è il contenere l’influenza dell’Iran. Confessionalizzando gli impegni militari si dà maggior respiro allo Stato islamico e si affondano le richieste sociali e politiche delle primavere arabe.

    04/07/2013 EGITTO - MEDIO ORIENTE
    Il Golfo applaude al cambiamento egiziano. Il silenzio del Qatar
    Arabia Saudita ed Emirati Arabi hanno inviato messaggi di congratulazioni al nuovo presidente ad interim Adli Mansour. Essi offrono il loro appoggio al nuovo Egitto. Nessun messaggio dal Qatar, il più grande alleato dei Fratelli Musulmani e di Mohamed Morsi. In risposta agli eventi del Cairo, le autorità di Doha presidiano l'ambasciata egiziana.

    21/03/2011 MEDIO ORIENTE-LIBIA
    Mondo arabo diviso tra l’appoggio ai rivoltosi libici e la diffidenza verso l’Occidente
    La “Coalizione dei volenterosi” ha bisogno del sostegno dei Paesi arabi, nei quali Gheddafi ha scarse simpatie. Aperto appoggio all’intervento da parte del Consiglio di cooperazione del Golfo. Moussa sembra almeno in parte modificare le critiche di ieri. Contrari l'Iran e i suoi alleati, ma Hezbollah è in difficoltà, visto che il dittatore libico è accusato di aver fatto sparire il “padre” del movimento.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®