25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/03/2009
EGITTO – ARABIA SAUDITA
Ministro saudita chiede strategia comune per affrontare la “sfida iraniana”
Il programma nucleare iraniano è una minaccia per tutta il Medio Oriente. Preoccupazioni della Lega Araba per una possibile apertura del governo Usa a colloqui con Teheran. La Clinton rassicura i partner arabi e promette consultazioni approfondite.

Cairo (AsiaNews/Agenzie) – Una strategia comune dei Paesi arabi per fronteggiare la “sfida iraniana”, il cui programma nucleare è una minaccia per tutta l’area del Golfo. È quanto ha chiesto ieri al Cairo il principe Saud Al Faisal, Ministro saudita degli esteri, nel corso di un vertice che ha riunito i capi della diplomazia della Lega araba.

“Al fine di cementare la riconciliazione nel mondo arabo – afferma il ministro saudita – abbiamo bisogno di una visione comune in materia di sicurezza e dobbiamo essere uniti davanti alla sfida lanciata dall’Iran”, inclusa la sua “deriva verso il nucleare”.

Il programma nucleare promosso da Teheran è all’origine delle tensioni fra i Paesi arabi del Golfo – a maggioranza sunnita – e l’Iran sciita. Durante un vertice Onu del 2008, il principe saudita ha esortato l’Iran a seguire le disposizioni della Comunità internazionale e risparmiare il Medio Oriente da “conflitti devastanti, una inutile corsa agli armamenti e seri rischi per l’ambiente”.

La Lega araba manifesta preoccupazioni anche per la possibile “apertura” del governo americano a colloqui diretti con l’Iran. A margine del vertice dei donatori per la ricostruzione della Palestina Hillary Clinton, segretario di Stato Usa, ha però voluto rassicurare i ministri arabi: Washington valuta “con molta cura” i passi da percorrere e si consulterà “a fondo” con gli alleati del Golfo sulle questioni che riguardano l’Iran.

Una rassicurazione, quella fornita dalla Clinton, che segue il monito lanciato da Amr Moussa, capo della Lega Araba, il quale ha chiesto che i Paesi arabi siano tenuti informati. “Chiedo che nessuna [potenza] straniera – ha detto – parli con l’Iran, senza che i Paesi arabi ne siano messi al corrente e abbiano un ruolo nel processo”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/04/2007 ISRAELE - MEDIO ORIENTE
Olmert apre al dialogo e al processo di pace coi paesi arabi
09/01/2008 MEDIO ORIENTE - USA
George W. Bush in Israele e Medio Oriente
di Joshua Lapide
21/03/2011 MEDIO ORIENTE-LIBIA
Mondo arabo diviso tra l’appoggio ai rivoltosi libici e la diffidenza verso l’Occidente
04/07/2013 EGITTO - MEDIO ORIENTE
Il Golfo applaude al cambiamento egiziano. Il silenzio del Qatar
13/02/2007 RUSSIA - MEDIO ORIENTE
Putin ad Amman parla di pace e cerca di rimescolare le alleanze

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate