29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/03/2016, 09.23

    PAKISTAN

    Minoranze religiose del Pakistan: Nuove leggi per garantire i nostri diritti civili

    Shafique Khokhar

    Rappresentanti cristiani, sikh, indù e kalasha hanno presentato uno studio comune sulle leggi personali/di famiglia e sugli effetti della loro mancanza in Pakistan. Le minoranze chiedono di essere rispettate al pari della maggioranza islamica. In questo modo manterrebbero la loro identità nel contesto socio-culturale più ampio. Tra i temi affrontati, il matrimonio, divorzio, dote, eredità, adozione dei figli.

    Lahore (AsiaNews) – L’approvazione di alcuni principi base di legge per le minoranze religiose in modo da assicurare i diritti civili delle comunità confessionali in Pakistan e mantenere le loro identità separate all’interno del più ampio tessuto socio-politico. È quanto hanno chiesto rappresentanti delle varie minoranze religiose presenti nel Paese, riunite l’1 marzo per presentare un rapporto sul tema. La proposta è sostenuta con forza dalla Commissione nazionale Giustizia e pace (Ccjp) della Conferenza episcopale pakistana, che dal 1985 lavora per proteggere le comunità emarginate dalla discriminazione, assicurare un’educazione imparziale e la libertà di religione o credo.

    L’analisi presentata durante una conferenza stampa comprende anche uno studio sulla situazione delle minoranze in assenza di queste leggi. La Ccjp ha ascoltato i pareri di esperti in diritto, studiosi, leader religiosi e li ha raccolti in un documento intitolato “Proposte di principi delle leggi di famiglia/personali per le minoranze religiose in Pakistan”. Questi regolerebbero vari aspetti: l’età al momento del matrimonio; la registrazione dell’atto matrimoniale e la sua dissoluzione; la dote; il divorzio e l’eventuale diritto al mantenimento; la successione/eredità; le pratiche per l’adozione; la custodia dei figli e la loro illegittimità.

    Alla conferenza erano presenti esponenti di primo piano dei gruppi minoritari. Tra di essi, Cecil S. Chaudhry, direttore esecutivo della Ccjp; Arifa Shakeel, coordinatrice del programma per la Ccjp; Sarah Quershi, manager del Faiz Foundation Trust; Amarnath Randhawa e Aroon Kumar, rispettivamente presidente e segretario generale dell’Hindu SudharSabha Pakistan.

    Chaudhry, nel considerare la condizione dei diritti umani delle minoranze religiose – indù, sikh, cristiani e kalasha – ha detto: “Osserviamo come la mancanza di leggi abbia favorito l’aumento di stereotipi, carenza di comprensione, fondamentalismo religioso, intolleranza nei confronti di tradizioni e usanze delle comunità non islamiche”.

    Il leader cattolico ha poi sottolineato che il documento in questione non solo presenta dei principi base, ma propone anche delle modifiche alle leggi vigenti. “Il Christian Marriage Act del 1872 – ha affermato –, l’Anand Marriage Act del 1909 [per i sikh, ndr] e l’Hindu Marriage Bill del 2014 necessitano di emendamenti, mentre lo Stato deve prendere in seria considerazione la formulazione di leggi per la comunità kalasha. Tutte le leggi che ho citato non sono mai state modificate dalla loro approvazione. Per questo motivo non sono applicabili ai bisogni dei tempi moderni”.

    Chaudhry ha aggiunto che “la Commissione ritiene che questa ricerca possa essere utilizzata dallo Stato per scrivere una bozza di legge per le minoranze”.

    Infine i partecipanti hanno espresso apprezzamento per la recente approvazione del Federal Hindu Marriage Act 2015 [che consente la registrazione dei matrimoni, ndr] e per i vari pronunciamenti della Corte suprema nella protezione e promozione delle minoranze. Hanno domandato però che le legislazioni in tal senso siano adottate sia a livello federale che provinciale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/03/2017 12:40:00 PAKISTAN
    Punjab, il governo vuole cambiare la legge sul matrimonio cristiano "per tutelare le donne"

    In Pakistan il matrimonio cristiano è regolato da norme risalenti alla dominazione britannica. Il divorzio è ammesso solo in caso di adulterio della donna. Questo ha portato numerosi cristiani a convertirsi all’islam pur di rompere l’unione matrimoniale.



    20/03/2017 11:47:00 PAKISTAN
    Censimento in Pakistan: sikh ignorati, cristiani chiamati in modo dispregiativo

    L’indagine sulla composizione demografica e religiosa è la prima dopo 19 anni. Nel modello da compilare è stata esclusa la voce riguardanti i fedeli sikh, parsi e bahai. Il Pakistan è il sesto Paese più popoloso al mondo, con oltre 200 milioni di abitanti.



    16/07/2016 08:33:00 PAKISTAN
    Per la prima volta due membri delle minoranze religiose tra i leader della regione tribale pakistana

    Si tratta di Wilson Wazir Masih, cristiano, e Gormeet Singh, di religione sikh. I due uomini hanno ottenuto il titolo di “Malik”, cioè “anziani tribali”. Le comunità che rappresentano, circa 30mila persone, saranno riconosciute come residenti legali e avranno l’accesso ai diritti in campo sociale, educativo e sanitario.

     



    11/12/2006 PAKISTAN
    Nel 2006, peggiorata la situazione delle minoranze religiose
    La denuncia viene dal presidente dell’All Pakistan Minorities Alliance che, in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’uomo, sottolinea l’uso distorto delle leggi nazionali e l’aumento della discriminazione sociale. Accuse anche agli inerti politici cristiani.

    21/09/2010 PAKISTAN – ONU
    Onu, sciopero della fame per le minoranze in Pakistan
    L’Organizzazione europea per il rispetto dei diritti umani delle minoranze che vivono in Pakistan ha organizzato una manifestazione di protesta durante l’incontro del Consiglio Onu per i diritti umani. Islamabad accusata di truccare i dati del censimento per negare rappresentatività alle minoranze.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®