26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2016, 13.06

    SIRIA

    Missili jihadisti (e turchi) contro i quartieri cristiani armeni di Aleppo ovest



    Da giorni i razzi sparati dal settore orientale colpiscono le zone cristiane. Dietro gli attacchi, i miliziani di al Nusra, che agiscono secondo le direttive di Ankara. Almeno cinque i cristiani armeni morti nel fine settimana, una decina i feriti. Dalla comunità armena di Aleppo la richiesta di aiuto a tutte le Chiese del mondo. 

     

    Aleppo (AsiaNews) - Ad Aleppo si continua a combattere e a morire non solo nella zona est, teatro dell’offensiva dell’esercito siriano sostenuto dai raid russi, ma anche nei quartieri occidentali controllati dal governo. Fonti locali riferiscono che nel fine settimana i raid aerei russo-siriani hanno colpito un ospedale del settore orientale. Intanto, da giorni i quartieri armeni della metropoli del nord della Siria, concentrati nel settore ovest di quella che un tempo era la capitale commerciale ed economica del Paese, sono finiti di nuovo sotto il tiro incrociato dei missili provenienti dal settore est della città, controllato dai jihadisti.

    L’attacco è iniziato la mattina del 30 settembre e, secondo fonti locali ha riguardato con particolare intensità le aree (a maggioranza armena) di Nor Kiugh e Villa. Dietro i lanci vi sarebbero i miliziani di al Nusra, che agirebbero - spiegano testimoni della zona - su ordine diretto della Turchia. Dai vertici di Ankara partirebbero infatti le istruzioni, precise e dettagliate, di come colpire i civili armeni. 

    Sono almeno quattro le vittime identificate: si tratta di Dzila Jabaghcourian, Arman Hindoyan, Hasmig Ghiragossian, e Mireille Hindoyan. Come racconta il quotidiano armeno di Aleppo Kantzasar, sarebbero state uccise per mano della Turchia, mandante di questi massacri di innocenti. Azioni perpetrate attraverso “i suoi agenti sul territorio”, come vengono identificati “i miliziani di al Nusra, i combattenti Turkmeni e i membri del Movimento di Nur Eddin El Zanki”. 

    La morte di queste quattro persone giunge a breve distanza dall’uccisione del 47enne Sevan Haddadian, caduto vittima dei bombardamenti a Suleymanieh, un altro quartiere armeno di Aleppo ovest. A questi si aggiungono altri due cristiani armeni feriti gravi a causa degli ordigni, che stanno lottando in queste ore fra la vita e la morte. Altri sette hanno riportato ferite più lievi. 

    Sempre il 30 settembre scorso, gli studenti della scuola armena di Aleppo - fondata dalla missionaria Karen Jeppe per gli orfani sopravvissuti al Genocidio turco del 1915 - sono stati trasferiti nei rifugi sotterranei; i giovani non hanno potuto raggiungere i loro familiari fino alla tarda serata. 

    Dal 23 al 30 settembre gli attacchi sferrati con missili partiti dalla parte est di Aleppo - soprattutto da Bustan El Pasha, Madrassat Al Hikme, Al Rashidin 4, Progetto 1070 e il quartiere finanziario - hanno colpito in particolare i quartieri cristiani. Essi hanno causato la morte di 57 persone (20 bambini, 14 donne e 23 uomini) e il ferimento di altre 167, di cui 37 bambini e 53 donne.

    I quartieri di Aleppo ovest toccati dai bombardamenti coi missili e bersagliati dai cecchini sono Suleymaniyeh, Al Maydan - entrambe a grande maggioranza cristiana - Al Jabiriya, Al Hamadaniya e Jamiyaat. Ad Al Zahra’a i razzi hanno colpito un gruppo di fedeli sunniti mentre uscivano dalla moschea, a conclusione della preghiera del venerdì. Le vittime sono decedute per mano di al Nusra, gruppo estremista islamico che si definisce protettore dei sunniti.

    Dalle pagine del quotidiano Kantzasar, la comunità armena di Aleppo ha lanciato appelli e richieste di aiuto a tutte le Chiese del mondo, affinché “cessino i bombardamenti contro i civili innocenti in ambedue le parti della città”. Il quotidiano armeno della metropoli settentrionale ha inoltre ringraziato “Sua Santità il papa, che durante la sua visita pastorale in Georgia non ha dimenticato la tragedia di Aleppo”.

    Il ministro armeno degli Esteri ha espresso la sua “profonda preoccupazione” per l’escalation di violenze, annunciando al contempo la decisione del presidente della Repubblica armena Serj Sarkissian, di inviare in Siria due aerei carichi di aiuti umanitari urgenti. “Aleppo muore davanti agli occhi del mondo - ha affermato la presentatrice del primo canale televisivo di Stato dell’Armenia - in mezzo alla più estrema indifferenza, esattamente come avveniva 101 anni fa quando la nostra nazione veniva sterminata nel suo intero”.(PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/09/2016 11:23:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    A rischio i colloqui Usa-Russia sulla Siria. Decine di famiglie in fuga da Aleppo est

    Mosca (e Damasco) continuano la campagna di bombardamenti sul settore orientale. Portavoce del Cremlino: dagli Stati Uniti “retorica poco costruttiva”. La replica di Kerry: Washington “sul punto” di interrompere le trattative. Le testimonianze delle famiglie di Aleppo fuggite dal settore in mano ai ribelli. I Paesi del Golfo pronti a fornire nuove armi alle milizie anti-governative. 



    29/09/2016 14:09:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    Conflitto siriano: sale la tensione fra Usa e Russia. Offensiva dell’esercito ad Aleppo

    Kerry minaccia di interrompere le relazioni se la Russia non ferma i raid. Mosca accusa Washington di promuovere una politica di “minacce e ricatti”. Ma un think tank vicino al Cremlino invita a prendere le distanze da Damasco. Ad Aleppo l’esercito siriano strappa un quartiere ai ribelli. I miliziani usano i civili come scudi umani. 



    22/11/2016 09:57:00 SIRIA - ONU
    Conflitto siriano, Onu: un milione di persone sotto assedio, ad Aleppo condizioni terrificanti

    Il responsabile delle Nazioni Unite per le operazioni umanitarie parla di persone “isolate, affamate, bombardate e private di cure mediche e di assistenza umanitaria”. Dalle forze governative l’uso deliberato di “tattiche crudeli”. A novembre i razzi dei ribelli ad Aleppo hanno provocato oltre 60 vittime civili nel settore occidentale. L’inerzia del Consiglio di sicurezza.

     



    16/11/2016 08:54:00 SIRIA - STATI UNITI - RUSSIA
    Conflitto siriano: per Assad, Trump è un “alleato” nella lotta al terrorismo

    In campagna elettorale il neo presidente Usa aveva definito una “pazzia” la campagna contro Damasco. Il leader siriano invita alla “cautela” nel “giudicare” le scelte di Trump. Ma restano i “dubbi” sul fatto che possa “mantenere” le promesse. Mosca e Damasco riprendono i bombardamenti ad Aleppo. 

     



    25/03/2016 08:55:00 SIRIA - ONU
    Conflitto siriano: Washington e Mosca lavorano per la bozza di una nuova Costituzione

    Dovrebbe essere pubblicata entro il prossimo mese di agosto. Le due super potenze premono su Damasco e opposizioni per “colloqui diretti” e un rafforzamento della “transizione politica”. L’obiettivo è la formazione di una “struttura di governo di transizione”. Le forze governative avanzano su Palmira.  





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®