29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/01/2017, 11.16

    CINA-VATICANO

    Mons. Ma Daqin reintegrato nell’Associazione Patriottica, ma come “prete”. Cattolici amareggiati

    Lorenzo Bai

    Il Consiglio dei vescovi cinesi gli aveva revocato il titolo di vescovo. Al suo reintegro, definito “padre Ma Daqin”. Per la Santa Sede egli è sempre vescovo. Per molti cattolici questo passo dividerà ancora di più la Chiesa. Per alcuni non c’è via d’uscita a una Chiesa controllata dal governo. Ma molti stimano ancora il coraggio di Ma Daqin.

    Shanghai (AsiaNews) – Mons. Taddeo Ma Daqin, vescovo ausliare di Shanghai, da alcuni giorni è stato reintegrato nell’Associazione patriottica (Ap), l’organismo di controllo della Chiesa in Cina. Mons. Ma, alla sua ordinazione episcopale il 7 luglio del 2012, aveva dichiarato pubblicamente la sua uscita dall’associazione. Per questo egli è stato costretto fino ad ora a vivere agli arresti domiciliari nel seminario di Sheshan. Lo scorso giugno, sul suo blog, erano apparsi alcuni articoli in cui egli esprimeva “dispiacere” per la scelta che aveva fatto.

    Da una copia dell’agenda di un incontro fra l’Associazione patriottica di Shanghai e la Commissione per gli affari della Chiesa, avenuto il 20 gennaio, mons. Ma è stato eletto quale “membro supplementare” e come membro del comitato permanente dell’Ottavo comitato dell’Associazione patriottica del municipio di Shanghai. L’agenda definisce mons. Ma come “padre Ma Daqin”.

    In effetti, dopo i suoi arresti, nel dicembre 2012, il Consiglio dei vescovi cinesi gli aveva revocato il titolo di vescovo. Egli però rimane vescovo per la Santa Sede.

    L’agenda comprende anche una relazione della Nona Assemblea tenuta a Pechino alla fine di dicembre 2016, come pure una relazione sulle attività nel 2016 dell’Ap di Shanghai e della Commissione affari della Chiesa.

    Diversi sacerdoti in Cina hanno confermato ad AsiaNews che I fedeli hanno reagito con dolore e sdegno agli articoli in onore dell’Ap, come pure al ritorno del vescovo nell’Ap. Essi dicono che la scelta di mons. Ma servirà a dividere ancora di più la Chiesa in Cina.

    Una fonte di AsiaNews a Shanghai afferma che mons. Ma è divenuto membro dell’Ap di Songjiang, un distretto di Shanghai fin dallo scorso settembre.

    Un sacerdote dice con rimpianto che la rinuncia all’Ap fatta da mons. Ma alla sua ordinazione e le restrizioni da lui sofferte subito dopo avevano fatto crescere la speranza che i cattolici della comunità ufficiale e quelli della comunità sotterranea avrebbero potuto vivere uniti nella verità.

    Altri cattolici in Cina affermano che la Chiesa deve ormai accettare la realtà di dover essere strettamente controllata dal governo. Ad ogni modo essi dicono che mons. Ma è ancora stimato ed influente nella diocesi. Per diversi fedeli egli rimane molto coraggioso. E ancora oggi molti fedeli commentano sul suo blog manifestandogli stima, e domandandosi se gli articoli del giugno 2016 in onore dell’Ap sono stati davvero scritti da lui e se quella era la sua intenzione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/08/2016 09:24:00 CINA – VATICANO
    Mons. Ma Daqin: Impariamo da Matteo Ricci

    Un nuovo articolo del vescovo ausiliare di Shanghai dopo quello del “voltafaccia” sul ruolo dell’Associazione patriottica. Il presule esalta l’opera del grande missionario gesuita, che ha coniugato i “Classici” cinesi con il Vangelo. È necessario anche oggi proclamare la fede con impegno “senza interferire nell’autorità politica”.



    17/03/2014 CINA-VATICANO
    E' morto mons. Giuseppe Fan Zhongliang, vescovo sotterraneo di Shanghai
    Ha passato circa 30 anni in prigione o nei campi di lavoro forzato. Designato successore del card. Gong Pinmei, non ha mai avuto la libertà di esercitare il suo ministero. Il governo gli ha opposto mons. Jin Luxian, morto lo scorso anno. L'unico vescovo rimasto a Shanghai, mons. Ma Daqin è agli arresti domiciliari. La benedizione del papa attraverso AsiaNews.

    12/12/2012 VATICANO - CINA
    Mons. Savio Hon: Un sopruso la destituzione del vescovo di Shanghai. Tutte le Chiese del mondo preghino per lui
    Il segretario della Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli commenta ad AsiaNews la notizia "triste" dell'accanimento del Consiglio episcopale cinese contro mons. Taddeo Ma Daqin, esautorato per aver obbedito al papa. L'invito a tutte le Chiese a pregare per la Chiesa perseguitata in Cina, da mons. Ma ai vescovi e sacerdoti in prigione. Una preghiera anche per la nuova leadership cinese, dopo il Congresso del partito comunista, perché non usino più "i metodi del passato".

    14/12/2012 CINA - VATICANO
    Card. Zen: Il caso del vescovo di Shanghai, una vergogna per la Chiesa e per i nuovi dirigenti cinesi
    Nel togliere a mons. Ma Daqin il titolo di vescovo di Shanghai, i vescovi "opportunisti" hanno obbedito ai padroni dell'Associazione patriottica, che non vogliono perdere il controllo sulla Chiesa. Ma in tal modo gettano fango anche sulla leadership di Pechino. Il Vaticano troppo lento nel giudicare come "scismatici" questi vescovi.

    05/10/2012 CINA - VATICANO
    Shanghai, preti e suore sottoposti a lavaggio del cervello, dopo il "grande schiaffo" di Ma Daqin
    Tre giornate di lezioni, di 12 ore al giorno, all'Istituto per il socialismo di Shanghai. A tema i doveri verso la nazione, i regolamenti religiosi, i principi di una Chiesa indipendente dal papa. Come ai tempi del maoismo, sacerdoti e suore hanno subito un esame finale e "confessato" quanto hanno imparato.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®