17/09/2016, 10.55
INDIA
Invia ad un amico

Mons. Menamparampil: Dialogo sempre possibile, anche con i maoisti dell'India

Una ricerca statunitense afferma che nel 2015 in India ci sono stati 791 attacchi. Il 43% è stato condotto dalla guerriglia naxalite, associata con i maoisti: si piazzano così al quarto posto nella classifica mondiale dei violenti. Gli altri maggiori gruppi terroristici sono lo Stato islamico (931 azioni), Boko Haram (491 stragi) e i talebani (1.093 attacchi). L’amministratore apostolico di Jowai spiega le motivazioni dei ribelli e il modo per superare le difficoltà.

New Delhi (AsiaNews) – Il Partito comunista indiano (Maoista), bandito dalle autorità di Delhi, è il quarto peggior gruppo terroristico al mondo, dopo Boko Haram, Stato islamico e talebani. Lo rivela uno studio condotto da ricercatori statunitensi, secondo cui nel 2015 ci sono stati 11.774 attacchi terroristici in tutto il mondo: l’India si posiziona al quarto posto tra i Paesi più colpiti dalle violenze, dopo Iraq, Afghanistan e Pakistan. Ad AsiaNews mons. Thomas Menamparampil, amministratore apostolico di Jowai (nel Meghalaya) ed ex arcivescovo di Guwahati (in Assam), sottolinea il “valore fondamentale del dialogo per riportare la pace”.

Lo studio è stato effettuato dal National Consortium for the Study of Terrorism and Responses to Terrorism del Dipartimento di Stato americano e riporta che lo scorso anno in India si sono verificati 791 attacchi. Il 43% di questi è stato compiuto dai guerriglieri naxalite (comunisti associati con i maoisti), che hanno provocato la morte di 289 civili. I maoisti sono coinvolti in altre 343 azioni terroristiche, nelle quali sono rimaste uccise 176 persone. Gli Stati più colpiti sono Chhattisgarh (21% del totale), Manipur (12%), Jammu e Kashmir (11%) e Jharkhand (10%).

Per quanto riguarda gli altri gruppi terroristici, la ricerca afferma che i talebani sono stati responsabili di 1.093 azioni, per un totale di 4.512 vittime; gli estremisti dello Stato islamico si sono macchiati di 931 attacchi, che hanno ucciso 6.050 persone; Boko Haram è coinvolto il 491 stragi, costate la vita a 5.450 persone.

Mons. Menamparampil opera nelle zone affette dalla guerriglia comunista e da anni è impegnato in maniera silenziosa nel riportare l’armonia tra le comunità. Ad AsiaNews ha spiegato il difficile e costante lavoro di chi opera per la pace, e in particolare dei membri della Chiesa locale.

Commentando il rapporto, il vescovo sottolinea una differenza importante tra i “cosiddetti maoisti” (insieme di più gruppi ribelli) e gli altri gruppi terroristici: “I maoisti dell’India centrale non agiscono in maniera ideologica, ma in termini di rivendicazioni etniche. La maggior parte di essi appartiene a comunità indigene, chiamate spesso tribali adivasi. Questi ritengono che le risorse naturali delle loro aree siano sfruttate da altri e che essi vengano emarginati dal nuovo sistema economico”.

L’amministratore apostolico di Jowai spiega: “Dal momento che i tribali non hanno influenza a livello politico, di frequente alcuni gruppi scelgono la via della violenza per esprimere la loro frustrazione. Per portare avanti la lotta, estorcono denaro agli stranieri e persino alle popolazioni locali”.

Mons. Menamparampil riporta inoltre che “le autorità che dimostrano capacità di comprendere le loro rivendicazioni e provano simpatia per la loro causa, hanno successo nel trovare forme di cooperazione”. “Il dialogo è sempre possibile – conclude –. Fino a quando i ribelli non vedranno soddisfatte le loro richieste con misure adeguate, questi movimenti non cesseranno mai del tutto. Ad ogni modo, la porta del dialogo deve rimanere sempre aperta”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Menamparampil: Il mio premio è per i miei colleghi, operatori di pace
26/11/2019 12:14
Mons. Menamparampil: Essere operatori di pace in India
01/07/2016 13:19
La marcia dei musulmani contro il terrorismo islamico: da Parigi a Berlino, e oggi Bruxelles
10/07/2017 13:38
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Cristiani e musulmani del Pakistan: Dolore per gli attentati in Arabia Saudita
05/07/2016 15:51