18/05/2011, 00.00
LIBIA – RUSSIA
Invia ad un amico

Mosca invita Gheddafi ad accettare le risoluzioni Onu, per fermare i bombardamenti Nato

L’appello giunge dopo l’incontro fra il ministro degli Esteri russo e i delegati del regime avvenuto ieri al Cremlino. Mosca invita anche i ribelli a deporre le armi e aprire a trattative diplomatiche. Shokri Ghanem, ministro del Petrolio e personaggio di spicco del regime, abbandona Gheddafi e scappa in Tunisia.
Tripoli (AsiaNews) –  La Russia chiede al governo libico di fermare i bombardamenti sui civili. Oggi, Sergey Lavrov, ministro degli Esteri russo ha invitato Tripoli a rispettare le risoluzioni 1970 e 1973 del Consiglio di sicurezza Onu , per avviare trattative diplomatiche con Nato e ribelli.  L’appello, giunge dopo l’incontro fra autorità russe e rappresentati del regime libico avvenuto ieri a Mosca. Secondo Lavrov, gli emissari di Gheddafi  si sono detti disponibili ad aderire alla risoluzioni Onu, ma solo se Nato e ribelli interromperanno le azioni di guerra. Il ministro annuncia  a breve un incontro con alcuni delegati del Comitato di transizione libico, per spingere anche i ribelli a fermare le ostilità.

“Se entrambe le parti abbandonano le armi – spiega Lavrov - la Nato dovrà fermare i bombardamenti in Libia, che sono in contraddizione con gli obiettivi illustrati nelle risoluzioni Onu”. Per il ministro “gli attacchi aerei non portano a niente, ma provocano vittime fra i civili e distruggono le infrastrutture del Paese".

Intanto, in parallelo alle azioni di guerra continuano le indagini della Corte penale internazionale dell’Aia contro Gheddafi e i suoi fedelissimi.  Ieri, Luis Moreno-Ocampo, procuratore generale della Corte ha chiesto ai giudici del tribunale di emettere un mandato di cattura internazionale per crimini contro l'umanità nei confronti di Gheddafi, del figlio Saif al Islam e del capo dei servizi segreti libici Abdullah al Senoussi.    

L’ipotesi di una sconfitta del leader libico, ha portato a una nuova defezione fra i vertici del regime. Nella notte Shokri Ghanem, ministro del Petrolio ed ex premier, ha lasciato il Paese e si trova ora in Tunisia. Dall’inizio della rivolta, diversi fra alti funzionari e fedeli al regime hanno abbandonato Gheddafi, chiedendo ospitalità in Paese stranieri. Fra essi Koussa Moussa, ministro degli Esteri, Abdul Fattah Younis, ministro dell’Interno, Mustafa Abdel Jalil, ministro della Giustizia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Prof. Del Boca: La Nato sta fallendo in Libia, i media nascondono la verità
30/05/2011
Crisi economica e sete di denaro le vere ragioni della guerra in Libia
23/05/2011
Prof. Del Boca: In questa guerra cinica Gheddafi è l’obbiettivo
13/05/2011
Tripoli città fantasma per i raid aerei. Vescovo: “diamo riposo a questa gente”
12/05/2011
Vescovo di Tripoli: Bombe sui civili. Per colpire Gheddafi non possono distruggere un intero popolo
11/05/2011