09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/06/2015, 00.00

    RUSSIA

    Mosca: Donne devono lavorare meno e occuparsi della famiglia. Attiviste: proposta sessista



    Una proposta di legge prevede l’accorciamento della settimana lavorativa per le impiegate nel settore pubblico, per dare loro più tempo da dedicare alla famiglia. Gruppo per i diritti umani: Argomento irragionevole e inappropriato.

    Mosca (AsiaNews/Agenzie) – Le autorità russe intendono proporre una riforma del lavoro femminile, che prevede la diminuzione dell’orario di lavoro nei venerdì per le impiegate. Vladimir Slepak, capo della Commissione consultiva sulle politiche sociali, parlando al Moscow Times ha dichiarato che “oggi le donne – specialmente quelle con famiglie numerose – hanno bisogno di più tempo per provvedere alla buona educazione dei figli e per dedicarsi ai problemi domestici. Per di più in tempo di crisi, coi prezzi del cibo in aumento etc.”.

    A queste parole hanno fatto eco quelle di Vladimir Ryazansky, capo della Commissione del consiglio federale sulle politiche sociali: “Non c’è neanche bisogno di dire che un calendario di lavoro intenso è difficile da affrontare per una donna. Un calendario più flessibile sarebbe quindi del tutto appropriato”.

    La proposta è arrivata dopo che ai primi di maggio i governatori della regione di Kemerovo e della Buriazia hanno approvato la riduzione delle ore di lavoro del venerdì per le donne nel settore pubblico. Slepak ha detto di voler ora presentare la proposta alla alle camere del parlamento russo – la Duma e il Consiglio federale – perché “le famiglie hanno bisogno di sostegno”.

    Russia Today riporta che lo scorso ottobre la Commissione del Consiglio federale del parlamento ha discusso la proposta dell’Organizzazione internazionale del lavoro di accorciare la settimana lavorativa a quattro giorni per tutti gli impiegati (non solo donne), senza diminuire gli stipendi. Secondo Andrey Isayev, membro della Duma, il piano è volto a migliorare il morale sul posto di lavoro e a stimolare la produttività, mentre il Vice primo ministro, Olga Golodets ha dichiarato: “Al momento non possiamo permetterci questo. Una settimana di quattro giorni lavorativi è ancora un sogno per noi”.

    Il disegno di legge per la riduzione degli orari delle donne è stato tacciato di sessismo da alcuni gruppi femministi e ed è accusato da diversi imprenditori di danneggiare l’interesse dei datori di lavoro. Non è la prima che in Russia proposte di questo tipo si scontrano con l’opposizione. Due anni fa Mikhail Degtyaryov, membro del Partito liberal-democratico aveva proposto un ordinamento secondo il quale le donne potevano prendere due giorni di ferie pagate per favorire il proprio ciclo mestruale, perché durante quel periodo la maggior parte delle dipendenti “prova un disagio psicologico e fisiologico” ed è meno efficiente. Anna Sobko, avvocato di Memorial (il più longevo gruppo per i diritti umani di Russia) ha definito l’argomento di Degtyartov “inappropriato, irragionevole e neanche vicino alla serietà”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/03/2016 09:50:00 RUSSIA
    La Duma studia un progetto di legge "contro le sette religiose"

    Anche il parlamento della città di Mosca si unisce alla lotta contro le “organizzazioni pseudo-religiose e distruttive”, ma nessun politico specifica esattamente di cosa si tratti. Secondo alcuni, il pericolo maggiore individuato è nelle sette finanziate dagli Usa e difficili da individuare perché si mascherano dietro club intellettuali o corsi di vario genere.



    29/11/2013 RUSSIA
    Il ruolo dell'ortodossia nella Costituzione russa: la proposta solleva polemica e timori
    L'idea è emendare la Carta per inserire il cristianesimo come "fondamento dell'identità nazionale e culturale della Russia". Il Patriarcato appoggia l'iniziativa, ma chiede che sia affrontata in un dibattiti pubblico. Difensore diritti umani avverte: si rischia di sollevare una "guerra civile" nelle menti delle persone.

    11/04/2013 RUSSIA
    Legge anti-blasfemia in Russia, primo via libera della Duma
    Approvata dai deputati in prima lettura, la bozza di legge contro le offese al sentimento religioso inasprisce le pene che arrivano fino a cinque anni di detenzione per chi commette atti sacrileghi. Secondo i sondaggi i russi sono favorevoli, ma per i difensori dei diritti umani si tratta di un’iniziativa pericolosa.

    07/04/2010 RUSSIA – USA
    Mosca rinuncia agli arsenali atomici, ma vende armi alle dittature del globo
    Obama e Medvedev firmeranno domani a Praga il nuovo trattato Start per la riduzione degli arsenali nucleari. Il nuovo sucesso del presidente Usa è uffuscato dalla possibile uscita dagli accordi della Russia in caso di minacce dallo scudo antimissile americano.

    29/09/2015 INDONESIA
    Jakarta corteggia gli imprenditori cinesi per uscire dalla crisi: Venite ad investire da noi
    La rupia è ai minimi da 17 anni e l’industria rallenta. Persi 26mila posti di lavoro da agosto. Durante la 13ma convention degli imprenditori cinesi (tenutasi a Bali) politici indonesiani hanno chiesto la fiducia di Pechino, promettendo facilitazioni del protocollo per le aziende estere. Economista: “La svalutazione della moneta è un’occasione per i capitali esteri”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®