21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/06/2017, 07.17

    IRAQ

    Mosul, distrutta la moschea Al-Nouri. Accuse reciproche fra Isis e Stati Uniti



    In quella moschea al Baghdadi proclamò il califfato nel 2014. Al-Abadi: È una dichiarazione ufficiale di sconfitta”. Moschea e minareto pendente erano fra i più antichi monumenti della città, datati verso il XII secolo. La città vecchia di Mosul è da giorni sotto assedio. Secondo l’Isis le distruzioni sono state causate dai radi americani.

    Mosul (AsiaNews/Agenzie) – I jihadisti dello Stato islamico hanno distrutto la moschea Al-Nouri e il minareto pendente che l’affiancava [la “Hadba”]. Quest’oggi, il premier irakeno Haider al-Abadi ha dichiarato che quest’ennesima distruzione è “una dichiarazione ufficiale di sconfitta” del gruppo militante.

    La distruzione dei due monumenti è avvenuta ieri sera, al quarto giorno della nuova offensiva delle truppe irakene e della coalizione internazionale a guida Usa che sta espugnando un’ultima parte – il centro della città vecchia – di Mosul dove diverse centinaia di combattenti dello Stato islamico (SI) oppongono una feroce resistenza, avendo minato anche molti edifici e stradine. La coalizione procede con lentezza perchè nella città vecchia sono presenti centinaia di migliaia di civili, spesso usati come scudo umano dai jihadisti.

    La moschea, le cui fondamenta risalivano al XII secolo, era divenuta molto famosa perché proprio al suo interno il leader di Daesh, Abu Bakr al-Baghdadi, aveva proclamato il califfato il 29 giugno 2014 (foto 3).

    Ieri sera sono state diffuse foto aeree dove al posto dei due antichi monumenti giacciono cumuli di rovine (Foto 1). Un comunicato del gen. Abdulamir Yarallah afferma: “Le nostre forze erano in procinto di avanzare, quando arrivati a 50 metri dalla moschea Al-Nouri, Daesh ha commesso un nuovo crimine storico facendo esplodere la moschea al Nouri e la Hadba”.

    Ma più tardi, su Twitter, i jihadisti dello Stato Islamico attraverso la loro agenzia Amaq hanno incolpato i raid americani per la distruzione. Il breve messaggio dice: “Urgente: l’agenzia Amaq dello SI afferma che la moschea Al-Nouri è stata distrutta da alcuni raid americani”.

    Ieri sera, il gen. Joseph Martin, comandante delle forze terrestri, ha ribadito che “Daesh ha distrutto uno dei più grandi tesori dell’Iraq e di Mosul”.

    Dalla proclamazione del “califfato” lo SI ha distrutto numerosi monumenti storici in Iraq e Siria.

    La moschea Al-Nouri prende il suo nome da Noureddin al-Zinki, unificatore di Siria e Iraq, che ne ordinò la costruzione nel 1172. Con un progetto di rinnovamento e ampliamento, la moschea fu distrutta e ricostruita nel 1942. Il minareto pendente era la parte più antica e originaria dell’antico monumento (foto 3).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/11/2014 IRAQ
    Notizie discordanti sulla sorte del "califfo" Al-Baghdadi
    Alcune fonti dicono che egli sia ferito, altre negano. Pare sia stato ucciso un suo stretto collaboratore. Gli Usa accrescono di 1500 soldati la loro presenza come consiglieri nella lotta contro lo Stato Islamico. Il gruppo di al-Baghdadi ha spodestato al Qaeda.

    15/05/2015 ISLAM – M.ORIENTE
    Al Baghdadi: L’islam è una religione della guerra. P. Samir: Un messaggio molto astuto
    Il “califfo” esorta tutti i musulmani a fare la loro “hijrah”, emigrazione, per passare da un islam di pace a uno di guerra, imitando Maometto e la sua Egira (nel 622). Il messaggio risveglia qualcosa di dormiente nel mondo islamico tradizionalista e salafita. L’islam è pace e guerra ed è tempo per i musulmani di riformare la loro visione della storia. Impossibile paragonare la guerra santa alle crociate.

    15/09/2014 MEDIO ORIENTE-ONU
    "Odiosa e codarda" la decapitazione di Haines. A Parigi per combattere lo Stato islamico
    Le milizie islamiste promettono una nuova esecuzione di un britannico, accusando Cameron di essersi alleato con gli Stati Uniti per combattere lo Stato islamico. L'incontro a Parigi voluto da Hollande e dal presidente irakeno per tracciare una strategia di lotta. Esclusi Siria e Iran, ma è presente la Russia.

    28/12/2015 IRAQ
    Una nuova sconfitta per l’Isis: l’esercito “controlla” Ramadi
    Vi sono però ancora sacche di resistenza, anche se “molto deboli”. In programma la riconquista di Mosul. Il grande contributo di Russia e kurdi bella lotta contro lo Stato islamico, che in questi mesi ha perso il 14% del territorio sotto il suo controllo.

    18/10/2016 09:00:00 IRAQ
    Esercito e Peshmerga avanzano verso Mosul. Timori Onu: civili usati come scudi umani

    Prosegue l’offensiva per strappare la metropoli del nord dell’Iraq allo Stato islamico. Le milizie curde hanno assunto il controllo di alcuni villaggi della piana di Ninive. Per il Pentagono “servirà tempo” per la conquista della città. Allarme Ue: i jihdisti in fuga potrebbero ripiegare verso le coste dell’Europa.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®