19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/12/2009, 00.00

    IRAQ

    Mosul, uccisi due fratelli cristiani. Cellula di al Qaeda rivendica la strage a Baghdad



    Entrambi sono stati assassinati con un colpo di pistola alla testa. Cellula irakena di al Qaeda promette nuovi attacchi se non verrà applicata la legge islamica nel Paese. Alto funzionario della polizia accusa Damasco e Riyadh di complicità.
    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – Nella serata di ieri la polizia ha rinvenuto i cadaveri di due fratelli cristiani a Mosul, 350 km a nord di Baghdad. I due sono stati uccisi con un colpo di pistola alla testa. Dalla capitale, intanto, giungono nuove rivendicazioni in merito ai sanguinosi attentati dell’8 dicembre scorso, in cui sono morte 127 persone. Il ramo irakeno di al Qaeda si attribuisce la responsabilità della strage. Un alto funzionario della polizia, invece, punta il dito contro Damasco e Riyadh, che avrebbero “finanziato” gli esecutori materiali.
     
    Fonti della sicurezza a Mosul confermano l’assassinio di due fratelli originari di Batnaya, villaggio cristiano 20 km a nord della città. Ieri mattina i due erano arrivati nella zona industriale di Mosul, per riparare il loro camion cisterna. La polizia ha rinvenuto i cadaveri nella serata di ieri: entrambi sono stati ammazzati con un colpo di pistola alla testa. Dalla dinamica sembra trattarsi di una vera e propria esecuzione, dietro la quale vi sarebbero gli estremisti sunniti che già in passato hanno attaccato la comunità cristiana.
     
    A Baghdad, intanto, emergono le prime rivendicazioni della strage dell’8 dicembre scorso, in cui sono morte 127 persone, oltre 500 i feriti. In un comunicato diffuso attraverso siti internet jihadisti, lo Stato islamico d’Iraq, una cellula locale di al Qaeda, si è attribuito la responsabilità dell’attacco. I fondamentalisti promettono nuovi attentati se il governo non applicherà la shariah, la legge islamica nel Paese.
     
    Il premier Nouri al Maliki ha rimosso il capo delle forze di sicurezza capitale e ha avvertito le opposte fazioni in Parlamento a non politicizzare gli attentati.
     
    Un alto funzionario della polizia della capitale, invece, accusa Damasco e Riyadh di “complicità” nella carneficina. Il generale Jihad al-Jabiri, direttore generale delle forze di sicurezza, sottolinea che “questa operazione richiede ingenti capitali, che provengono da Siria e Arabia Saudita” e i governi dei due Paesi “ne erano al corrente”. Egli ha aggiunto che gli attentati sono stati commessi con materiale esplosivo “proveniente dall’estero”.
     
    Gli esecutori materiali sarebbero esponenti dell’ex partito Baath, del rais Saddam Hussein, con la collaborazione di al Qaeda e “l’aiuto di Paesi confinanti”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/12/2009 IRAQ
    Vescovo di Baghdad: la strage, risposta “incivile e incosciente” all’accordo sulle elezioni
    È di 127 morti e oltre 500 feriti il bilancio aggiornato dell’attentato multiplo di ieri nella capitale. Mons. Warduni testimonia il dramma di una popolazione “demoralizzata”, vittima di “interessi di partiti e nemici esterni”. Fonte di AsiaNews a Baghdad: il cammino elettorale “è già bloccato ancor prima di iniziare”.

    18/04/2005 IRAQ
    Presidente Talabani: non firmerò condanna a morte di Saddam

    In un'intervista il nuovo capo di stato iracheno afferma non ci sarà un governo islamico perchè l'Iraq è uno stato multietnico e multireligioso.



    31/07/2008 IRAQ
    Cristiani e musulmani, solidarietà alle vittime degli attentati di Kirkuk
    Oggi mons. Louis Sako, arcivescovo di Kirkuk, insieme a leader religiosi sunniti, sciiti e capi tribù si è recato in ospedale per visitare i feriti della strage di lunedì scorso. L’iniziativa rappresenta un ulteriore segnale della volontà comune di “pace” e “perdono” reciproco.

    20/08/2009 IRAQ
    Baghdad annuncia nuove norme sulla sicurezza, ma gli attacchi continuano
    Oggi una bomba ha ucciso due persone, una decina i feriti. Il premier al-Maliki promette una revisione nei sistemi di difesa, dopo gli attentati di ieri che hanno causato oltre 100 vittime e 500 feriti. L’esecutivo punta il dito contro al Qaeda; esperti di politica irakena parlano invece di “conflitti interni”.

    04/10/2017 08:58:00 IRAQ
    È morto il leader curdo Talabani, primo presidente irakeno dell’era post Saddam

    Combattente e sostenitore dell’indipendenza curda, egli ha rappresentato l’unità del Paese in seguito all’invasione Usa. Nei colloqui con papa Benedetto XVI ha parlato di libertà religiosa e difesa dei cristiani. Le condoglianze del patriarca caldeo. Deputato curdo: La sua morte “rende tristi gli arabi, i curdi e tutte le altre etnie”. 

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®