20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/09/2009, 00.00

    IRAQ

    Mosul: ancora omicidi e sequestri di cristiani, per costringerli nella piana di Ninive



    Ucciso un commerciante di 60 anni, per la cui liberazione i rapitori avevano chiesto una somma molto alta di denaro. Rapito un altro fedele a Mosul; resta avvolta nel mistero la sorte del medico rapito a Kirkuk, Fonti di AsiaNews: violenze nascondo un progetto politico, far fuggire i cristiani dalla città e spingerli nella piana di Ninive.
    Mosul (AsiaNews) – Nuovi episodi di violenze contro la comunità cristiana a Mosul, vittima di una “campagna intimidatoria” che nasconde “un progetto politico mirato: la creazione della piana di Ninive”. Un commerciante di 60 anni, Salem Barjjo, rapito a inizio agosto, è stato ucciso dai suoi sequestratori; sempre a Mosul, la scorsa settimana, è stato rapito Hikmat Sayid e non si ancora nulla della sorte di Samir Jarjis, il medico cristiano sequestrato a Kirkuk, per la cui liberazione leader musulmani e cristiani hanno lanciato un appello nei giorni scorsi.
     
    Il 3 settembre – anche se la notizia è circolata solo ieri – è stato rinvenuto il cadavere di Salem Barjjo, un commerciante cristiano di Mosul rapito agli inizi di agosto, molto legato alla chiesa locale. Per la sua liberazione, i malviventi avevano chiesto un riscatto molto alto, che la famiglia non era in grado di pagare.
     
    La scorsa settimana a Mosul, 370 km a nord di Baghdad, una banda di criminali ha rapito Hikmat Sayid, di fede cristiana. Anche in questo caso i rapitori hanno chiesto una somma di denaro molto elevata, che la famiglia difficilmente riuscirà a versare. A Kirkuk resta avvolta nel mistero la sorte di Samir Jarjis, medico cristiano molto conosciuto in città, sequestrato il 18 agosto scorso e ancora nelle mani dei rapitori. Per il suo rilascio leader musulmani - sciiti e sunniti - e cristiani hanno lanciato lanciato un appello durante la cena in arcivescovado a Kirkuk, il 29 agosto scorso, promossa da mons. Louis Sako per festeggiare l'inizio del Ramadan, il mese sacro per i musulmani.
     
    Fonti di AsiaNews a Mosul denunciano un clima di “paura, solitudine e preoccupazione” che domina nella minoranza cristiana. Torna a crescere il pericolo di “una fuga di massa” della comunità cristiana, soprattutto se la situazione “non migliorerà in vista dell’apertura delle scuole”. Secondo la fonte di AsiaNews questa nuova campagna intimidatoria contro la comunità cristiana “nasconde risvolti di carattere politico: si vuole creare un clima di violenze in vista della tornata elettorale del gennaio 2010. Il progetto è creare un’enclave nella piana di Ninive e costringere – anche con la forza, a colpi di attentati ed esecuzioni mirate – i cristiani a uno spostamento forzato”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2017 12:49:00 IRAQ
    Piana di Ninive, no del patriarcato caldeo all'enclave cristiana rilanciata da vescovi siri

    Un prelato siro-cattolico e due siro-ortodossi rilanciano l’idea di un’area protetta per i cristiani nel nord. E chiedono autonomia amministrativa e protezione internazionale. Una posizione che non rappresenta la linea del patriarca Sako. Dai caldei e dalla Chiesa irakena l’invito all’unità territoriale, contro la trappola dei ghetti.

     



    17/02/2010 IRAQ
    Mosul: ucciso uno studente di 20 anni, continua il “Venerdì Santo” dei cristiani
    Il cadavere crivellato di colpi di Wissam Georges rivenuto nel quartiere di Wadi Al-ayn. Il giovane era scomparso nelle prime ore della mattinata, mentre si recava a scuola. È il quarto omicidio mirato in soli tre giorni. Cristiani a Mosul: “la città si è abituata a questa tragedia”.

    16/02/2010 IRAQ
    Mosul, violenze anticristiane: due omicidi e un sequestro in 24 ore
    La comunità cristiana ancora nel mirino delle bande armate, mentre il governo non fa nulla per fermare gli attacchi. In due raid uccisi due commercianti, un terzo uomo è rimasto ferito. Per il cristiano rapito chiesta “una forte somma di denaro”. Leader cristiano a Erbil: legami politici fra la cacciata dei cristiani dall’Iraq e le recenti stragi a Baghdad.

    16/02/2010 IRAQ
    Mosul: ucciso uno studente cristiano, la comunità denuncia un “massacro politicizzato”
    Ancora un’esecuzione mirata contro un cristiano della città. Il giovane è stato freddato a colpi di pistola mentre si recava in università. Ferito un amico che si trovava sul luogo dell’agguato. I fedeli parlano di “progetto politico ben organizzato” per costringerli a fuggire verso la piana di Ninive.

    05/10/2009 IRAQ
    Kirkuk, ucciso infermiere cristiano. Mons. Sako: situazione “preoccupante”
    Ieri la polizia ha scoperto il cadavere, che presentava “segni di tortura”. La sera del 3 ottobre tre persone hanno sparato contro Imad Elia Abdul Karim, poi lo hanno sequestrato. L’uomo, 55enne padre di due figli, è conosciuto all’interno dell’ambiente sanitario. Arcivescovo di Kirkuk: “cristiani bersaglio di sequestri e omicidi”.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®