17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/07/2017, 13.50

    PAKISTAN

    Multan, una ragazza stuprata per vendetta. Giustizia e pace: la piaga delle donne

    Shafique Khokhar

    Lo stupro della 16enne doveva lavare le colpe di suo fratello, che ha violentato una bambina di 12 anni. La polizia di Multan ha arrestato 20 persone coinvolte. Le violenze “frutto di una mentalità feudale”. La popolazione “non ha fiducia nelle istituzioni e si rivolge ai consigli di villaggio illegali”.

    Lahore (AsiaNews) – La polizia pakistana ha arrestato 20 persone coinvolte nello stupro di una ragazza di 16 anni, punita per “vendetta” contro la condotta del fratello, che aveva stuprato a sua volta una bambina di 12 anni. L’arresto è avvenuto nel distretto di Multan (Punjab), dove lo stupro è stato ordinato dal panchayat locale, il consiglio del villaggio. La violenza sessuale nei confronti della giovane, perpetrata di fronte agli occhi di entrambe le famiglie, doveva “lavare le colpe” del fratello maschio. Ad AsiaNews Ata-ur-Rehman Saman, coordinatore della Commissione nazionale di giustizia e pace della Conferenza episcopale pakistana, condanna l’episodio e parla di “piaga delle donne, dovuta al disinteresse del governo che non vuole affrontare il problema della violenza femminile”.

    Secondo Hamza Arshad, noto educatore di fede islamica, l’incidente è frutto “della mentalità feudale presente su tutto il territorio del Pakistan. Molte aree sono lontane dal cammino della civilizzazione. Questa cultura è radicata nella profonda ignoranza, in comportamenti bestiali di vendetta che si intrecciano a personalità feroci”. L’elemento ancora più agghiacciante, continua, è “che la ragazza deve sopportare il peso di questo atto, quando il carnefice è stato un maschio. Tutto questo si fonda su idee misogine, sadismo e sulla natura incontrollata e feriale dell’uomo. Non esiste uno Stato di diritto. Il nostro sistema di giustizia ha fallito nel dare protezione al povero e al debole”.

    I panchayat, o “jirga”, sono dei consigli composti dagli anziani del villaggio. I suoi provvedimenti sono illegali, ma per tradizione le comunità rurali si affidano alle loro decisioni per risolvere le dispute. Zafar Iqbal, attivista cristiano, ritiene che la loro autorità “riflette la sfiducia della gente nei confronti del governo e delle istituzioni che devono far rispettare la legge. La maggior parte della popolazione crede che queste istituzioni non riescano a proteggere i propri diritti e perciò scelgono vie illegali per ottenere giustizia”. Il ricorso alla pratica dell’occhio per occhio, ammette, deriva dalle “lacune del sistema giuridico. Ci sono molti esempi di ragazze violentate che non riescono ad avere giustizia e alla fine scelgono il suicidio”. Per evitare una fine tanto tragica, suggerisce, “il governo dovrebbe migliorare il sistema giudiziario e investigativo. Da parte nostra invece dovremmo denunciare i tabù sociali e religiosi che incoraggiano i tribunali di villaggio”.

    Samson Salamat, presidente del Rwadari Tehreek [Movimento per la tolleranza, ndr], lamenta la presenza di “un sistema di giustizia parallelo che è sempre dannoso e discrimina le donne e le ragazze”. Poi denuncia “la negligenza del governo, che è sempre impegnato in altre questioni e non pone l’attenzione sui diritti umani e sugli abusi perpetrati ogni giorno”. Dello stesso parere anche Ata-ur-Rehman Saman, che conclude: “Quando il Pakistan ha voluto diventare una potenza nucleare, ha fatto di tutto per arrivare all’obiettivo. Non sappiamo quanto tempo dovrà passare prima che decida di ascoltare le nostre necessità”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/02/2006 PAKISTAN
    Pakistan: nuova norma a tutela delle donne violentate

    Una donna vittima di violenza sessuale non sarà più condannata per adulterio come previsto dal vecchio ordinamento del 1979. Peter Jacob dichiara che il verdetto è importante ma chiede una soluzione definitiva per l'abrogazione di tutte le leggi discriminatorie.



    07/08/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, stuprata una 12enne cristiana. La polizia non arresta il colpevole
    La ragazzina, tribale di etnia garo, è ricoverata in ospedale. Il violentatore è Al-Amin, musulmano. Associazione studentesca organizza una manifestazione per chiedere protezione e giustizia.

    10/07/2015 PAKISTAN
    Pakistan: il “crimine” di essere donne e non musulmane
    L’Ong cristiana Centre for Legal Aid Assistance and Settlement (Class) ha organizzato un seminario sulla violenza contro le donne. Nel 2014 solo nel Punjab si sono consumati più di 900 omicidi d’onore, 500 sequestri e oltre 400 stupri di gruppo.

    21/01/2017 13:11:00 PAKISTAN
    Pakistan, talebani colpiscono un mercato sciita per “vendetta contro Assad”. La condanna della Chiesa

    L’esplosione è avvenuta nel mercato di Parachinar, una delle aree tribali semi-autonome. Il bilancio provvisorio è di 20 morti e oltre 40 feriti. La zona è conosciuta per i contrasti tra sunniti e sciiti. Vescovo anglicano invita a pregare per i feriti.



    19/07/2006 Pakistan
    Pakistan: a saldo di un debito, contadino obbligato a dare in sposa le figlie di un anno

    La polizia del Sindh ha arrestato due latifondisti che hanno costretto un bracciante a cedere le due figlie, di uno e due anni, come risarcimento di un debito di 330 euro.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®